Press "Enter" to skip to content

Vaccino Covid-19: a che punto siamo?

Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità, 62 programmi di ricerca sono attualmente in corso nei laboratori di tutto il mondo per trovare un vaccino per COVID-19.

Di recente, il Costa Rica ha chiesto all’OMS di creare un pool volontario per raccogliere diritti di brevetto, dati e altre informazioni in modo da ampliare l’accesso ai prodotti medici per combattere il coronavirus.

In risposta, l’organismo mondiale della sanità ha lanciato un progetto globale denominato “Accesso all’acceleratore di strumenti COVID-19” per garantire l’accesso mondiale alle risorse, sebbene la misura in cui il progetto includerà un pool per la raccolta dei diritti di brevetto rimane poco chiara.

In Europa, sebbene esista un Ufficio brevetti europeo – i cui brevetti monopolistici durano generalmente 20 anni – ogni paese negozia autonomamente il costo di una droga con l’industria farmaceutica.

In Germania, la legge sulla protezione dalle infezioni è stata recentemente modificata per conferire ulteriori poteri al ministero della Sanità federale, compresa la competenza per ordinare limitazioni sui brevetti, quando il Bundestag rileva una situazione epidemica di rilevanza nazionale.

Al di fuori dell’UE, il Canada ha modificato le proprie leggi in occasione dell’emergenza COVID-19 per ottenere un accesso più facile alle licenze obbligatorie, un meccanismo che consente ai governi di pagare una tariffa fissa per una proprietà intellettuale senza chiedere il consenso del titolare dei diritti.

In passato, alcuni paesi in via di sviluppo hanno utilizzato strategie simili per trattare i propri cittadini. Nel 1997 il Sudafrica ha approvato una legge sui medicinali per ottenere medicinali brevettati per l’HIV salvavita dai paesi in cui sono stati venduti più a buon mercato. All’epoca alcune delle più grandi compagnie farmaceutiche del mondo portarono il governo sudafricano all’Alta corte di Pretoria, prima di arretrare di fronte alla schiacciante pressione pubblica.

Il 15 aprile più di 20 organizzazioni hanno scritto al governo del Regno Unito chiedendo che tutti i vaccini o trattamenti COVID-19 ottenuti con fondi pubblici fossero disponibili per tutti.

“Senza tali garanzie, potrebbe esserci una forte disuguaglianza globale nell’accesso alle nuove tecnologie COVID-19, come è stato sperimentato durante l’epidemia di influenza H1N1 nel 2009, dove i paesi più ricchi hanno acquistato la maggior parte dei vaccini per primi”, dice la lettera.

La campagna paziente Just Treatment, che da anni richiede un accesso equo ai medicinali, è tra coloro che hanno firmato il documento. Un anno fa il gruppo ha sostenuto la campagna per rendere Orkambi, un farmaco per il trattamento della fibrosi cistica, disponibile per tutti i pazienti.

Mentre oggi lo stallo è stato risolto, al momento il SSN ha affermato che non poteva permettersi i prezzi elevati del nuovo farmaco per renderlo disponibile. Di conseguenza, alcuni genitori di bambini affetti da questa malattia hanno creato un club di acquirenti per acquistare una versione generica del farmaco dall’Argentina a un prezzo più conveniente.
“Siamo di fronte a una nuova ondata di farmaci protetti da brevetto, principalmente farmaci antitumorali, a un prezzo molto elevato sul mercato europeo. Probabilmente vedremo monopoli che porteranno a restrizioni di accesso, basate in gran parte sul prezzo “, ha detto a Euronews Diarmaid McDonald, capo organizzatore di Just Treatment.

“In questo momento, abbiamo una pandemia globale e anche la risposta dovrebbe essere globale. Questo è il momento di chiarire le condizioni sui finanziamenti pubblici “.

Just Treatment ha supportato anche i pazienti con epatite C per ottenere il farmaco di cui avevano bisogno. “Quando Sofosbuvir è arrivato sul mercato, nel 2015, l’alto prezzo del farmaco era stato un ostacolo per accedervi. L’NHS lo razionò in modo tale che il farmaco fosse immediatamente disponibile solo per i pazienti più malati: altri furono costretti ad aspettare mesi e anni per accedere al trattamento “, ha spiegato McDonald.

“L’emergenza che stiamo vivendo deve essere l’occasione per ripensare le regole che hanno definito il mercato farmaceutico negli ultimi decenni”, afferma il professor Massimo Florio dell’Università di Milano.

Vari sondaggi hanno dimostrato che negli ultimi anni le aziende farmaceutiche tendono a investire solo nelle fasi finali della ricerca quando il profitto appare assicurato, mentre i passaggi iniziali vengono effettuati grazie alle risorse di università o associazioni.

“Questa pandemia evidenzia il fallimento dell’attuale mercato farmaceutico. Per questo abbiamo bisogno di una struttura pubblica europea che produca i farmaci di cui il settore privato non si preoccupa o che esiste sul mercato solo a prezzi esorbitanti ”, afferma il professor Florio.

“Oggi non possiamo credere che paesi sviluppati come il nostro si siano svegliati senza un vaccino e farmaci per combattere COVID-19 e persino senza maschere. Questo non deve succedere di nuovo. “