Press "Enter" to skip to content

Vaccino contro il Coronavirus: privilegio di pochi o risorsa per tutti?

Un vaccino contro il coronavirus sarà accessibile a tutti o solo ai pochi privilegiati?

Nel 2016, il dott. Peter Hotez e il suo team stavano lavorando a un vaccino contro il coronavirus in Texas. Il prossimo passo sarebbe stato quello di iniziare i test sulle persone. Invece, ha dovuto staccare la spina a causa della mancanza di interesse e di fondi.

Nel marzo di quest’anno, Hotez, condirettore del Center for Vaccine Development presso il Texas Children’s Hospital e preside della National School of Tropical Medicine di Houston, ha testimoniato davanti al Comitato Scientifico della Camera degli Stati Uniti.

Il vaccino del suo team era stato creato in risposta allo scoppio della SARS più di un decennio prima.

“Avevamo il vaccino pronto per partire”, ha detto Hotez al comitato. “Ma a quel punto nessuno era interessato a un vaccino contro il coronavirus.”

“Sono passati vent’anni dallo scoppio della SARS, eppure le industrie farmaceutiche non hanno considerato le malattie infettive una questione prioritaria perché non sono redditizie come le malattie croniche”, ha detto Massimo Florio, professore di economia pubblica all’Università di Milano.

L’analisi dell’intelligence di Bloomberg ha dimostrato che le 20 maggiori aziende farmaceutiche del mondo hanno gestito circa 400 nuovi progetti di ricerca nell’ultimo anno. Circa la metà era dedicata alla lotta contro il cancro, mentre solo 65 si occupavano di malattie infettive. Di quelle 20 grandi aziende, solo quattro avevano unità vaccinali speciali.

“L’attuale sistema di ricerca è vittima di un’incurabile contraddizione tra la priorità della scienza per la salute e quella della scienza per il profitto”, afferma il professor Florio.

Mentre i paesi di tutto il mondo corrono per trovare un vaccino COVID-19, i governi e l’Unione Europea sono chiamati a garantire che una volta che sarà disponibile, sarà accessibile ed economicamente sostenibile per tutti i paesi, anche i più poveri.

Il 17 aprile il Parlamento europeo ha approvato una risoluzione che insiste sul fatto che “qualsiasi ricerca finanziata con fondi pubblici” per un vaccino contro il coronavirus “deve rimanere di dominio pubblico”.

“Questa è una dichiarazione potente”, ha detto l’eurodeputata belga del Partito verde belga Petra De Sutter. “L’idea che il mercato risolva tutto è falso. In un momento di crisi, i governi devono affrontare il problema “.

Prima che la risoluzione fosse votata, era una delle firmatarie di una lettera di un gruppo interpartitico alla Commissione europea, chiedendo misure urgenti per garantire l’accessibilità economica di qualsiasi vaccino COVID-19 finanziato dall’Unione europea. La lettera esprimeva preoccupazione per il fatto che tale disposizione non era stata inclusa in progetti di ricerca finanziati con fondi pubblici.
“Quella farmaceutica non è come un’industria comune. Non si tratta di acquistare un nuovo televisore. I consumatori non hanno scelta quando sono malati e hanno bisogno di un farmaco specifico “, ha spiegato De Sutter.

“In questo momento, è il mercato che fissa l’agenda sullo sviluppo di nuovi farmaci. Tuttavia, il mercato non investirà mai in qualcosa che non sembra redditizio. Inoltre, alcuni farmaci molto costosi vengono sviluppati anche grazie a finanziamenti pubblici. Per questo motivo, dobbiamo ripensare una ricerca a guida europea sulla salute e sui farmaci in base alle esigenze delle persone “, ha affermato De Sutter.