Press "Enter" to skip to content

Vaccini Covid : impatto “spettacolare” sulle malattie gravi

I primi dati sul lancio del vaccino Covid nel Regno Unito suggeriscono che sta avendo un impatto “spettacolare” sull’arresto delle malattie gravi, dicono i ricercatori.

In poche settimane, un’iniezione riduce il rischio di essere ricoverati in ospedale di almeno tre quarti per gli ultraottantenni.

I ricercatori hanno detto che questo è particolarmente impressionante perché questo gruppo di età è il più fragile e meno probabile che abbia una forte risposta immunitaria.

Il monitoraggio del personale sanitario mostra anche che la vaccinazione aiuta a ridurre la trasmissione.

Finora un terzo degli adulti ha ricevuto una vaccinazione nel Regno Unito.

Quando sarà il mio turno di essere vaccinato?

Ma sono state sollevate domande sulla politica di lasciare un intervallo di tre mesi tra la prima e la seconda dose.

I dati di Public Health England (PHE) e Public Health Scotland (PHS) sono stati pubblicati nel giorno in cui il governo inglese ha stabilito la sua tabella di marcia per la revoca delle restrizioni.

La ricerca è stata condotta separatamente nelle due nazioni, ma entrambi gli studi hanno coinvolto il monitoraggio di coloro che erano stati vaccinati e li hanno confrontati con le persone che non lo erano state.

Lo studio PHS ha scoperto che, entro la quarta settimana dopo la prima dose dei vaccini Pfizer o AstraZeneca, il rischio di essere ricoverati in ospedale era stato ridotto dell’81%.

Era leggermente più alto quando erano inclusi i gruppi di età più giovani.

Il ricercatore capo Prof Aziz Sheikh ha detto che i risultati erano “molto, molto” impressionanti ed entrambi i vaccini stavano funzionando “in modo spettacolare”.

“Questi risultati sono molto incoraggianti e ci hanno dato grandi ragioni per essere ottimisti per il futuro”, ha aggiunto.
Centro di vaccinazione Covidimage copyrightGetty Images

In Inghilterra i ricercatori hanno seguito coloro che sono stati vaccinati per vedere se si sono ammalati, hanno avuto bisogno di essere ricoverati in ospedale e se sono morti.

Il limite era di due settimane dopo la somministrazione del vaccino Pfizer.

Si è scoperto che la vaccinazione ha ridotto il rischio di infezione sintomatica del 57%; per quelli infettati il rischio di essere ricoverati in ospedale è stato ridotto del 40% e poi se le persone sono state ricoverate in ospedale ha ridotto il rischio di morire del 56%.

Complessivamente questo significava, secondo il team, che il rischio di essere ricoverati in ospedale e di morire era ridotto di almeno il 75%.

Il team PHE è stato anche in grado di farsi un’idea di ciò che il vaccino stava facendo in termini di rallentamento della diffusione del virus.

Il personale sanitario che è stato vaccinato è stato testato di routine ogni due settimane, che avesse o meno dei sintomi.

Una dose ha ridotto il rischio di prendere l’infezione del 70% – se un individuo non è infetto non può trasmetterla.

La dottoressa Mary Ramsay, responsabile delle immunizzazioni di PHE, ha detto: “Dovremmo essere molto incoraggiati da questi risultati iniziali”.

E ha aggiunto che i risultati per gli ultraottantenni sono stati particolarmente impressionanti in quanto sono le persone più fragili che forse hanno meno probabilità di avere una forte risposta immunitaria.

Le prove di entrambi i vaccini avevano suggerito che avrebbero avuto un impatto significativo nel prevenire le ospedalizzazioni.

Ma per gli studi sul vaccino Pfizer, questo ha comportato una seconda dose dopo tre settimane.

Il Regno Unito ha adottato una politica di ritardare la seconda dose di entrambi i vaccini di tre mesi, il che ha portato alcuni a chiedersi se l’approccio avrebbe dato sufficiente immunità.

Le prove dell’AstraZeneca hanno esaminato un intervallo di dosaggio più lungo, quindi c’era più fiducia su quel vaccino.

La dottoressa Josie Murray, della Public Health Scotland, ha detto che i risultati sono “una notizia brillante” e suggeriscono che il programma di vaccini sta funzionando.