Press "Enter" to skip to content

Uiguri a rischio in Turchia

Sono passati otto anni da quando il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha visitato lo Xinjiang, il territorio apparentemente autonomo abitato dai musulmani uiguri che vivono sotto il controllo cinese. E nel 2009, Erdogan ha definito la repressione cinese degli uiguri un “genocidio”, attirandosi l’ira di Pechino e cementando la sua reputazione di leader musulmano sfidante che vuole dire la verità al potere totalitario.

Otto anni sembrano una vita, visto quanto il Partito Comunista Cinese ha invaso i diritti degli Uiguri in quasi tutti gli aspetti della vita. Ormai gran parte del mondo ha sentito parlare dei milioni di uiguri radunati nei campi di concentramento nello Xinjiang (anche se nessuno sembra fare molto al riguardo).

Pechino dice che gli internati vengono ripuliti dall’estremismo e insegnano loro ad essere buoni cittadini. E che sono liberi di andarsene quando vogliono. Come persona il cui padre è stato internato, torturato e rilasciato da un campo di concentramento cinese due anni dopo con una gamba rotta, posso assicurare che questi campi non sono altro che prigioni che permettono la pulizia etnica e il genocidio culturale.

Eppure la repressione uigura non è iniziata con i campi. Anche quando Erdogan era nello Xinjiang, molti uiguri cercavano di uscire. Hanno visto la visita di Erdogan come un gesto di solidarietà. Gli uiguri sono un popolo etnicamente turco e la nostra lingua è strettamente legata al turco. Quindi trasferirsi in Turchia aveva un senso, soprattutto considerando come il paese abbia offerto agli uiguri asilo già nel 1952.

Quella che sembrava una buona idea nel 2012 si è rivelata una falsa speranza. Gli sforzi autoritari di Erdogan per mantenere il potere in Turchia lo hanno avvicinato alla Cina e alla Russia.

Purtroppo, ciò che sembrava una buona idea nel 2012 si è rivelato una falsa speranza. Gli sforzi autoritari di Erdogan per mantenere il potere in Turchia, imbavagliando la stampa libera e rinchiudendo i dissidenti, lo hanno reso un alleato scomodo per le democrazie liberali. Una ragione in più per lui per guardare al presidente russo Vladimir Putin e al presidente cinese Xi Jinping mentre è alle prese con un’economia in crisi. Sfortunatamente, questo si traduce spesso nel cambiamento della politica di Ankara verso i 35.000 uiguri della Turchia, dall’offerta di un rifugio sicuro all’imposizione della repressione vera e propria.

La maggior parte degli uiguri ha trovato molto più difficile ottenere permessi di soggiorno o la cittadinanza dopo il 2014. Non possono guadagnarsi da vivere, ma rischiano di essere internati se tornano nello Xinjiang.

La Cina ha anche rifiutato di rinnovare i loro passaporti. A poco a poco, un governo turco che avrebbe dovuto offrire loro la libertà sta ora facendo irruzione nelle case degli uiguri, arrestando centinaia di persone e coordinando le deportazioni con Pechino.

Prendete Zinnetgul Tursun, una rifugiata uigura la cui famiglia è stata abbastanza fortunata da ottenere lo status di residenza in Turchia. Due anni fa, la sua famiglia (compresi due bambini piccoli) è stata improvvisamente arrestata. Tursun è stata misteriosamente considerata un’immigrata illegale dal Tajikistan e rimandata in Cina con i suoi bambini. Questo tipo di trattamento è diventato routine per gli uiguri in Turchia, che ora vivono nella paura di ulteriori persecuzioni.

Questo sta accadendo mentre la Turchia si allontana dai suoi alleati della NATO e si avvicina alla Russia e alla Cina. La Cina ha appena ratificato un accordo di estradizione con la Turchia in quello che chiama un partenariato antiterrorismo. Erdogan ha molti alleati in questo nuovo status quo.

Prendiamo Dogu Perincek, capo del Partito Patriottico di sinistra della Turchia, che ha esercitato una seria influenza sulle relazioni Turchia-Cina dopo essersi allineato con Erdogan. Ideologo maoista e convinto sostenitore di Pechino, Perincek ha persino paragonato in un articolo gli uiguri al gruppo militante curdo, il Partito dei Lavoratori del Kurdistan (PKK).

Negli ultimi due anni circa, Perincek è diventato il principale sostenitore del paese per una più forte alleanza con la Cina, arrivando a denunciare le critiche degli Stati Uniti alla politica cinese nello Xinjiang come “imperialistiche”. Inoltre loda abitualmente il trattamento di Pechino nei confronti degli uiguri. Questa retorica ha un effetto su Erdogan, che è arrivato a vedere Perincek come un prezioso alleato nel sostenere l’attuale riallineamento di Ankara con la Cina.

Ma ci sono altre ragioni per la posizione più amichevole di Erdogan verso la Cina. La lira turca era già in difficoltà prima che la pandemia indebolisse l’industria turistica del paese. Ankara ha bisogno dell’aiuto della Cina. Il genero di Erdogan, Berat Albayrak, ha ottenuto che la Cina prestasse alla Turchia 3,6 miliardi di dollari nel 2018. La People’s Bank of China ha dato 1 miliardo di dollari in contanti ad Ankara nel 2019 per stabilizzare la sua economia vacillante e la Cina è anche diventata il più grande importatore della Turchia l’anno scorso. Erdogan non vuole mettere a rischio questo flusso di denaro con una retorica sugli uiguri che farà arrabbiare i suoi patroni cinesi.

Erdogan non vuole mettere in pericolo questo flusso di denaro con la retorica sugli uiguri che farà arrabbiare i suoi patroni cinesi.

Erdogan è un politico astuto che sfrutta ogni occasione per costruire la sua reputazione globale di coraggioso campione dei musulmani oppressi. Non perde mai l’occasione di parlare in modo poetico di come Israele o la Francia o anche l’Unione Europea contribuiscano alle tragedie della ummah, la comunità musulmana.

Erdogan è un politico astuto che sfrutta ogni occasione per costruire la sua reputazione globale di campione coraggioso dei musulmani oppressi. Non perde mai l’occasione di parlare in modo poetico di come Israele o la Francia o anche l’Unione Europea contribuiscano alle tragedie della ummah, la comunità musulmana.

Deve quindi essere difficile per Erdogan astenersi dal citare l’oppressione cinese degli uiguri per mantenere le apparenze come il più grande difensore dei musulmani del mondo. Ma non può mentre Pechino gli stringe il guinzaglio intorno al collo.

Il governo degli Stati Uniti ha giustamente definito ciò che la Cina sta facendo agli uiguri un crimine contro l’umanità. Altri paesi, dalla Germania al Canada, hanno parlato in nostro favore. I leader musulmani, invece, sono tutti vistosamente silenziosi. Il primo ministro pakistano Imran Khan è troppo occupato a preservare il suo paese come stato cliente preferito della Cina. Nel frattempo, il principe ereditario dell’Arabia Saudita Mohammed bin Salman ha difeso i campi di concentramento della Cina. E l’Iran, sempre l’avversario dell’”imperialismo occidentale”, ha anche taciuto considerando i suoi profondi legami con la Cina.

Il fatto che la Turchia abbia afferrato queste lezioni l’ha trasformata da un paese che tutti gli uiguri ammiravano in un luogo dove migliaia di uiguri vogliono fuggire.

A quelli bloccati in Turchia deve essere concesso l’asilo in altri paesi, ma le parole costano poco. Quali paesi si faranno avanti? Per molti potrebbe essere l’ultima possibilità di sfuggire alla tortura e alla morte.