Press "Enter" to skip to content

Trump: le follie dell’imperatore

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha incredibilmente suggerito di iniettare disinfettante per il trattamento di COVID-19 nei pazienti. Sembra una battuta di (poco) spirito, o una barzelletta, e invece è la verità.

Non ancora soddisfatto, l’originale presidente degli Stati Uniti, già sotto tiro per la sua poco lucida affermazione, ha anche suggerito di usare la luce ultravioletta (UV) “all’interno del corpo umano”.
Medici e scienziati hanno rapidamente screditato i suggerimenti e hanno avvertito che l’iniezione di disinfettante nelle persone potrebbe essere fatale. Qual è stato il contesto dei commenti di Trump?
Le sue affermazioni sono giunte nel contesto del suo briefing con la stampa sul coronavirus dopo che un funzionario aveva presentato una ricerca preliminare sugli effetti dell’umidità da calore e della luce solare.

Trump ha sostenuto che la ricerca suggerisce che la durata della vita del virus è fortemente ridotta sulle superfici quando è esposta a calore, umidità o luce UV. Ha anche affermato l’utilizzo della candeggina può uccidere il virus in cinque minuti e che le soluzioni alcoliche al 90% possono farlo in 30 secondi.
Ecco come ha risposto Trump.

Il presidente degli Stati Uniti ha quindi continuato a parlare di disinfettanti. “Un disinfettante debella il virus in un minuto”, ha detto. “Per cui possiamo fare qualcosa del genere mediante iniezione all’interno del corpo.”

A Trump è stato chiesto se non ritenesse pericoloso far credere alle persone che sarebbero state al sicuro andando fuori al caldo, considerando la quantità notevole di decessi negli stati più caldi degli USA come ad esempio la Florida.

“Spero che alla gente piaccia il sole. E se ha un impatto sul virus, è fantastico “, ha risposto Trump.
“Sono qui per presentare idee perché vogliamo che le idee ci liberino di questa cosa. E se il caldo è utile e se la luce del sole lo è altrettanto, per quanto mi riguarda è una cosa grandiosa “.

Durante la crisi, Trump ha cercato di trovare soluzioni per fermare la diffusione del virus o curare i pazienti.

In precedenza ha suggerito di utilizzare l’idrossiclorochina come farmaco contro COVID-19 sulla base dei risultati preliminari di due studi molto limitati in Francia e Cina. I suoi consulenti scientifici in seguito shanno screditato  l’uso del farmaco.

Non si tratta della prima volta che gli esperti che lavorano con il presidente negano o prendono le distanze pubblicamente le sue affermazioni. Il che, considerato ciò che dice, non sorprende poi tanto.

Il dottor Fauci, direttore dell’Istituto nazionale per le allergie e le malattie infettive, ha recentemente contraddetto il presidente dicendo che era “convinto” che il virus sarebbe tornato in autunno proprio dopo che Trump aveva affermato che il virus “non sarebbe più tornato”.

Molti scienziati ed esperti di salute hanno chiarito che non ci sono prove che un clima più caldo o un’umidità più elevata possano aiutare a fermare la diffusione del virus.

La dott.ssa Fiachra Humphries, immunologa presso la University of Massachusetts Medical School, ha dichiarato che COVID-19 è un “virus molto più trasmissibile rispetto ad altri stagionali e molti studi hanno dimostrato che questo virus può sopravvivere sulle superfici molto più a lungo. Quindi è probabilmente meno suscettibile alle fonti di calore “.