Press "Enter" to skip to content

Trump accusato dall’ex consigliere per la sicurezza nazionale

L’ex consigliere per la sicurezza nazionale Trump John Bolton scrive nel suo nuovo memoriale comunicato del suo tempo nell’amministrazione che durante una conversazione del 2019 in Giappone con Xi Jinping, Trump ha parlato delle elezioni statunitensi del 2020, “alludendo alla capacità economica della Cina di influenzare l’attuale campagne, supplicando Xi di assicurarsi che avrebbe vinto “acquistando più soia e grano.

Bolton ha affermato che questo è stato tra le diverse conversazioni che il presidente degli Stati Uniti ha avuto “che ha formato un modello di comportamento fondamentalmente inaccettabile che ha eroso la vera legittimità della presidenza”.

Bolton è stato consigliere per la sicurezza nazionale di Trump per 17 mesi prima di dimettersi – Trump ha dichiarato di essere stato licenziato – a settembre 2019. Il suo libro di memorie da 577 pagine dovrebbe essere rilasciato la prossima settimana, ma è stato rilasciato presto alle organizzazioni dei media.
La Trump White House ha cercato di impedire la pubblicazione del libro, facendo recentemente causa a Bolton e chiedendo di completare un processo di revisione pre-pubblicazione per verificare la presenza di informazioni classificate.

La figura controversa è un noto falco di guerra che ha sostenuto l’estrazione degli Stati Uniti dal Nuclear Deal iraniano. In precedenza ha lavorato come ambasciatore delle Nazioni Unite per il presidente George W. Bush e ha sostenuto la guerra in Iraq.

Bolton ha anche lavorato per i presidenti George H.W. Bush e Ronald Reagan.

Dopo che sezioni del libro sono state pubblicate da organizzazioni dei media, Trump ha affermato che Bolton era un “sciocco scontento e scontento che voleva solo andare in guerra”.
Tra gli altri imbarazzanti errori elencati nel libro di Bolton intitolato “The Room Where It Happened: A White House Memoir”, vi sono incomprensioni su questioni di base di geografia e politica.

Bolton afferma che Trump non sapeva che il Regno Unito era un’energia nucleare e pensava che la Finlandia fosse parte della Russia.

Bolton afferma inoltre che Trump, secondo un interprete, ha detto a Xi Jinping di continuare a costruire campi per uiguri, una minoranza etnica in Cina che il governo ha intensificato in modo drammatico una campagna contro.

In uno scambio preoccupante, Bolton registra che Trump ha anche chiamato i giornalisti “furfanti” che dovrebbero essere “giustiziati”.

“Sono indeciso per identificare qualsiasi decisione significativa di Trump durante il mio mandato che non è stata guidata da calcoli di rielezione”, ha scritto Bolton.

I critici dell’amministrazione Trump hanno affermato che Bolton avrebbe dovuto rivelare alcuni dettagli in precedenza, non aspettando un contratto da 2 milioni di dollari per svelare le informazioni sul presidente.

Il libro sostiene che Trump legò i finanziamenti militari all’Ucraina al paese aprendo un’indagine sul suo rivale democratico Joe Biden che fu oggetto dell’impeachment di Trump.

Bolton scrive che Trump “non era favorevole a inviare loro nulla fino a quando tutto il materiale di indagine della Russia relativo a Clinton e Biden non fosse stato consegnato”.

Bolton si era rifiutato di testimoniare sull’Ucraina durante la procedura di impeachment, ma alla fine aveva accettato di essere testimone del processo al Senato. Tuttavia, i repubblicani del Senato hanno bloccato i testimoni dall’essere chiamati al processo.