Press "Enter" to skip to content

Timore per la sorte di Loujain-al-Hathloul

Nelle pagine di questo giornale on line ci siamo occupati dell’incredibile vicenda di Loujain-al-Hathloul, una donna araba che, solo per aver reclamato il diritto delle donne di guidare le automobili, è stata arrestata, imprigionata e barbaramente seviziata e torturata.

Rauza Khan, un vecchio amico di Loujain che l’ha conosciuta  all’Università della Columbia Britannica di Vancouver, ha sostenuto che l’amica è sempre stata una persona schietta con una risata inebriante e contagiosa che cattura l’attenzione. Lei è sempre molto fiduciosa, e ben informata. Senza mai paura di esprimersi. È sempre stato affascinante essere amico di una persona del genere.”

Urooba Jamal, che insieme a Khan ha fatto una campagna come parte del gruppo “Friends of Loujain”, per sollecitare la sua liberazione, ha twittato una sua foto del 2012 in occasione di un evento UBC.

“Come al solito lei è al centro”, scrive con un moto di ammirazione e di orgoglio.

Khan ha ricordato che Loujain-al-Hathloul guidava spesso in Canada, e offriva frequentemente passaggi agli amici. “Per tutti [gli altri] suppongo che questa sia una necessità comune, ma immagino che venendo dai sauditi, fosse una specie di lusso poter guidare”.

Loujain ha continuato a rafforzare la sua presenza online, consolidando la sua reputazione di critica alle norme restrittive sulla tutela degli uomini, che vietano alle donne di viaggiare o intraprendere altre attività indipendenti senza il permesso degli uomini. “Per quanto sia una donna schietta e moderna, è anche molto patriottica. Non l’avresti mai sentita parlar male della sua cultura o del governo in alcun modo “, ha detto Khan. “L’unica cosa che voleva era sostanzialmente il raggiungimento di piccoli miglioramenti che avrebbe condotto il suo paese nel mondo moderno.”

Loujain al-Hathloul ha fatto notizia per la prima volta nel 2013, quando suo padre ha registrato un video della sua guida dall’aeroporto alla loro casa come parte del movimento “Women to Drive”, una campagna che ha provocato un giro di vite della polizia. Un anno dopo, mentre viveva negli Emirati Arabi, è stata arrestata dopo aver guidato la sua auto al confine saudita. Ha trascorso 73 giorni dietro le sbarre, un’esperienza che in seguito ha incredibilmente descritto come “arricchente”.

I suoi sostenitori adesso temono che possa essere stata nuovamente sottoposta a tortura.

Insieme a Eman al-Nafjan e Nouf Abdulaziz, Loujain ha ricevuto il premio PEN America / Barbey per la libertà di scrivere nel marzo di quest’anno. Ad aprile, è stata nominata una delle 100 figure più influenti della rivista Time del 2019.

La crescente reputazione internazionale di Loujain al-Hathloul come femminista ispiratrice ha soddisfatto l’ambizione di sua madre.

La vicenda di Loujain ha scosso la sensibilità di molta gente in tanti diversi Paesi, tra cui l’attore Alec Baldwin che con sua moglie chiede la sua liberazione.