Press "Enter" to skip to content

“There is no evil” il film del regista dissidente iraniano trionfatore di Berlino

Heshmat, un marito e un padre esemplare, si alza molto presto ogni giorno. Dove va?
Pouya non può immaginare di uccidere un altro uomo, ma gli viene detto che deve farlo.
Javad non sa che regalare alla sua amata ma per il suo compleanno ci sarà ben altra sorpresa.
Bahram è un medico ma non è in grado di praticare la professione. Ha deciso di spiegare a sua nipote in visita il motivo della sua vita da emarginato.

Le quattro vicende che scorrono in “There Is No Evil” offrono variazioni sui temi cruciali della forza morale e della pena di morte, ponendosi la domanda: fino a che punto la libertà individuale può essere espressa sotto un regime dispotico e le sue minacce apparentemente inevitabili?

Mohammad Rasoulof crea solo un collegamento narrativo libero tra queste storie, eppure sono tutte tragicamente e inesorabilmente connesse. Nel contesto dell’oppressione strutturale, la scelta sembra essere limitata alla resistenza o alla sopravvivenza. Ma con ogni storia bruscamente interrotta, siamo invitati a considerare come uomini e donne possano affermare la propria libertà anche in tali situazioni.

Il vincitore dell’orso d’oro di Berlino Mohammad Rasoulof ha realizzato il film nonostante il divieto del governo che gli ha peraltro impedito anche di presenziare a Berlino riuscendo, casomai, solo a rafforzare la sua determinazione. Infatti quando Mohammad Rasoulof ha vinto l’orso d’oro al Festival internazionale del cinema di Berlino del 2020, il regista iraniano non era lì per accettare il suo premio. Dal 2017, quando è tornato nel suo paese d’origine dopo aver vissuto all’estero, a Rasoulof è stato proibito di viaggiare all’estero e condannato a un anno di prigione con l’accusa di propaganda.

Tuttavia, il governo non ha ancora imprigionato Rasoulof, permettendogli di continuare a fare quel tipo di film brillanti e incendiari sulla vita sotto l’autocrazia iraniana che lo hanno messo in luce.

“There Is No Evil” si è rivelato essere il suo risultato più brillante: una vera e propria dichiarazione di sfida oltre che una galvanizzante opera d’arte. (Al festival, la figlia del cineasta Baran ha accettato l’orso d’oro per suo conto e lo ha portato in una conferenza stampa tramite teleconferenza.)

“Quello che posso osservare dalla mia stessa storia”, ha detto Rasoulof attraverso un traduttore in un’intervista su Skype di Teheran, due giorni prima della vittoria del suo festival, “è che la soddisfazione che ricevi una volta che resisti all’oppressione e al dispotismo può essere superiore al prezzo devi pagare ”.

Come molti registi iraniani, Rasoulof si è scontrato molte volte con le autorità sulla natura del suo lavoro.

Una decina di anni fa, dopo l’accoglienza internazionale del suo film “I prati bianchi”, il governo gli pose un divieto di 20 anni di produzione cinematografica nello stesso periodo in cui il collega autore iraniano Jafar Panahi ricevette la stessa pena. (Panahi ha risposto all’imposizione con l’ironico progetto del diario del 2011 “This Is Not a Film”, che è stato notoriamente introdotto clandestinamente a Cannes su un disco rigido nascosto in una pasticceria.)

Nel 2012, Rasoulof ha lasciato il paese con la moglie e la figlia, per trasferirsi in Germania. Dopo il suo film del 2013 “Manuscripts Don’t Burn”, un thriller sugli scrittori dissidenti torturati e uccisi dal governo, il passaporto di Rasoulof è stato confiscato quando è tornato in Iran per un altro progetto. In seguito lo recuperò, ma fu nuovamente confiscato quando tornò nel 2017 nel mezzo delle proteste del Movimento Verde.

È sempre rimasto in Iran da allora, ma le ultime sfide hanno solo rafforzato la sua determinazione e la vittoria dell’Orso d’oro ha confermato questo impegno.

All’inizio di settembre 2017, Rasoulof ha partecipato al Telluride Film Festival con il suo dramma “A Man of Integrity” . Sua moglie e sua figlia rimangono in Europa, ma sono in grado di venire a visitarlo, ed è così che Baran è riuscito a farla debuttare come attrice nel passaggio di chiusura del film.

“Almeno ciò che rimane per me è la soddisfazione di non essermi mai sottomesso al dispotismo”, ha orgogliosamente dichiarato Rasolouf.

Guarda il Trailer: