Press "Enter" to skip to content

Tensione tra Venezuela ed Unione Europea


Il Venezuela ha invertito la sua decisione di espellere l’ambasciatore dell’UE a Caracas dopo che la mossa ha intensificato le tensioni diplomatiche con Bruxelles.

Lunedì, il presidente venezuelano Nicolas Maduro ha dato all’Isabel Isabella Brilhante Pedrosa 72 ore per fare i bagagli e partire, in risposta alle sanzioni europee contro 11 alti funzionari venezuelani.

A seguito di una telefonata tra il principale diplomatico dell’UE Josep Borrell e il ministro degli affari esteri venezuelano Jorge Arreaza, entrambe le parti “hanno concordato sulla necessità di mantenere il quadro delle relazioni diplomatiche, soprattutto nei momenti in cui la cooperazione tra le due parti può facilitare il percorso del dialogo politico” , secondo una dichiarazione congiunta.

Nel 2017 il Venezuela è stato il primo paese dell’America Latina ad essere stato colpito da sanzioni dell’UE, tra cui divieti di viaggio individuali, un congelamento dei beni e un embargo sulle armi. Le tensioni sono aumentate da allora e sono culminate l’anno scorso quando Juan Guaido, il presidente dell’Assemblea nazionale del Venezuela, ha contestato la richiesta di Nicolas Maduro come leader legittimo del Venezuela.
Più di 50 paesi, tra cui diversi paesi membri dell’UE, nonché il Parlamento europeo, hanno riconosciuto Guaido come presidente ad interim. Ma il suo tentativo di rovesciare Maduro da allora ha perso slancio, poiché Maduro è riuscito a mantenere il controllo sulle istituzioni chiave, compresi il potere giudiziario e i militari.

Le elezioni previste per quest’anno potrebbero restituire il controllo dell’Assemblea nazionale ai lealisti del Maduro, mettendo da parte in modo efficace Guaido e complicando i legami diplomatici del paese con l’estero.

Questa settimana, un giudice del Regno Unito ha anche rifiutato di rilasciare circa $ 1 miliardo di dollari di oro custodito nel caveau della Banca d’Inghilterra al governo venezuelano, privando ulteriormente il paese di un’importante fonte di entrate in un momento in cui il Venezuela è alle prese con un crisi economica, nonché l’impatto della pandemia di COVID-19.
Lunedì il Consiglio europeo ha aggiunto 11 funzionari di spicco all’elenco di quelli soggetti a misure restrittive per “compromettere la democrazia e lo stato di diritto”. Li ha accusati di agire contro l’Assemblea nazionale guidata da Guaidó.

Maduro ha annunciato l’espulsione dell’ambasciatore in un discorso alla televisione di stato, dicendo che coloro che “non possono rispettare il Venezuela … dovrebbero lasciarlo”. Ha accusato l’UE, che ha approvato Guaidó come presidente ad interim del Venezuela, di riconoscere “un burattino come presidente”.

“Che potere assumono? Chi sono per sanzionare? Chi sono per tentare di imporsi sulla minaccia? Chi sono? Abbastanza, abbastanza. Per questo ho deciso di concedere 72 ore all’ambasciatore dell’Unione europea a Caracas per lasciare il nostro paese “, ha detto Maduro, prima di ripetere le accuse di” colonialismo europeo “.

Il Consiglio europeo, composto in gran parte da leader nazionali, ha dichiarato che le persone colpite erano colpevoli di spogliare diversi membri dell’assemblea – incluso Guaidó – dell’immunità parlamentare e di perseguire procedimenti motivati ​​politicamente.

Tra quelli nella lista ci sono Luis Parra, a capo di un’assemblea rivale di quella guidata da Guaidó.

All’inizio di questo mese la Corte Suprema del Venezuela, che è fedele a Maduro, ha creato una nuova commissione elettorale, che i critici sostengono sia accatastata con i sostenitori del presidente. Prevede le elezioni parlamentari in programma a dicembre.

La decisione dell’UE porta a 36 il numero totale di individui venezuelani soggetti a sanzioni, tra cui un divieto di viaggio e un blocco dei beni.

I leader europei hanno affermato che “continueranno a lavorare per promuovere una soluzione democratica pacifica in Venezuela, attraverso elezioni legislative inclusive e credibili”.

L’UE ha introdotto per la prima volta misure contro il Venezuela nel novembre 2017, che non erano progettate per danneggiare la popolazione del paese.

Il Venezuela è una nazione petrolifera un tempo ricca che sta vivendo una crisi economica e politica in declino che ha causato all’incirca cinque milioni di persone dal paese a causa della carenza di beni di base, l’inflazione impennata e gli ospedali rotti.

Mentre gli Stati Uniti hanno guidato la spinta a estromettere Nicolás Maduro con sanzioni, i leader in Europa e Canada hanno anche gettato il loro sostegno dietro Guaidó, in una coalizione di quasi 60 nazioni.

Tuttavia, Maduro rimane al potere con il controllo del supporto militare e internazionale da parte di alleati tra cui Cina, Russia, Iran e Cuba.