Press "Enter" to skip to content

Siria al decimo anno di guerra

Mentre il mondo combatte contro la pandemia del Corona Virus, può essere difficile ricordare che la guerra in Siria è ancora in corso. Ancor prima che l’epidemia prendesse il posto nelle prime pagine dei quotidiani di tutto il mondo, l’attenzione generale verso il conflitto, iniziato all’inizio del 2011, era in gran parte scemata riducendosi ad una lotta senza fine che coinvolge una rete sempre più complessa di giocatori e rifugiati.

Ora, proprio mentre entra nel suo decimo anno, la guerra – che ha dato origine al gruppo dello Stato islamico e ha scatenato la peggiore catastrofe umanitaria del 21° secolo – ha dimostrato che sta ancora creando nuove tragedie che possono avere un impatto fuori misura sulla politica globale.

All’inizio di questo mese, le truppe turche e siriane si sono scontrate nel nord-ovest della Siria. Ciò ha portato la Turchia e la Russia, membri della NATO, che appoggiano le parti opposte della guerra, sull’orlo dello scontro diretto, e hanno prodotto un’ondata senza precedenti di sfollati. Sostenendo che si trova ad affrontare un potenziale nuovo afflusso di rifugiati dalla Siria, la Turchia ha annunciato che non avrebbe più impedito alla sua vasta popolazione di migranti e rifugiati di entrare illegalmente in Grecia, provocando una nuova crisi per l’Unione europea.

Più della metà della popolazione prebellica siriana – composta da 23 milioni di persone – è stata cacciata dalle proprie case menhtre, per cuanto possa sembrare incredibile, l’80% della popolazione vive al di sotto della soglia di povertà, secondo le Nazioni Unite. Metà del paese è in rovina. Non esiste un processo politico.

Il cessate il fuoco mediato dai presidenti turco e russo a Mosca potrebbe aver frenato la devastante campagna militare del governo siriano per riconquistare la provincia nord-occidentale di Idlib. Ma la frenata non è certo una soluzione a lungo termine e il capitolo finale e più devastante della guerra deve ancora arrivare.

Nei tre mesi precedenti la sua sospensione, l’offensiva siriana scatenò la più grande ondata di sfollamento dell’intera guerra. Il presidente siriano Bashar Assad sembra sul punto di ordinare l’assalto per riprendere Idlib, sede di circa 3 milioni di persone. L’area è l’ultima area controllata dai ribelli rimasta in Siria e, dal punto di vista di Assad, l’unico posto che si oppone alla completa vittoria militare.

“Anche se Idlib venisse in qualche modo ripresa, si stima che 3 milioni di persone siano ospitate in Turchia o altrove, ed è alquanto improbabile che Damasco abbia la capacità o persino gli strumenti per governare aree precedentemente controllate dall’opposizione per lunghi periodi di tempo senza problemi”, ha dichiarato Danny Makki, giornalista siriana residente a Londra.

Allo stesso modo, un accordo tra Turchia e Russia, negoziato in ottobre, ha concluso una campagna militare turca contro i combattenti curdi siriani alleati degli Stati Uniti nel nord-est del paese. Ma la regione ricca di petrolio è ancora contestata. Ci sono centinaia di truppe americane lì, apparentemente in missione per proteggere i campi petroliferi controllati dai curdi dai resti del gruppo dello Stato islamico.

Entrambe le truppe statunitensi e russe pattugliano l’area separatamente e migliaia di milizie appoggiate dall’Iran sono di stanza nelle vicinanze.

Russia, Iran, Turchia e Stati Uniti hanno tutti gli stivali sul terreno in Siria. Il gruppo libanese di Hezbollah e una serie di altre milizie appoggiate dall’Iran stanno combattendo nel paese. Israele bombarda all’interno della Siria frequentemente e a volontà. La guerra ha attirato così tanti attori internazionali che una battuta siriana dice che forse il popolo siriano è quello che ha bisogno di lasciare il paese, per non disturbare quelle potenze straniere che combattono sul loro territorio.