Press "Enter" to skip to content

Quando ha avuto davvero inizio il COVID-19?

Le immagini satellitari dei parcheggi degli ospedali Wuhan e le ricerche fatte sui motori di ricerca della città cinese suggeriscono che il COVID-19 è iniziato in autunno, non nell’inverno 2019, affermano i ricercatori della Harvard Medical School.

I ricercatori hanno utilizzato oltre 110 immagini satellitari di sei ospedali situati a Wuhan tra gennaio 2018 e aprile 2020, nonché dati giornalieri per ricerche relative ai sintomi come “tosse” e “diarrea” sul motore di ricerca cinese Baidu da Wuhan da aprile 2017 a Maggio 2020. In tal modo hanno scoperto che “l’aumento del traffico ospedaliero e la ricerca dei sintomi a Wuhan hanno preceduto l’inizio documentato della pandemia di SARS-CoV-2 nel dicembre 2019”.

Hanno notato, ad esempio, che un “forte aumento” dell’occupazione ospedaliera, misurato dal volume del parcheggio, è stato osservato per la prima volta nell’agosto 2019, culminando con un picco nel dicembre 2019.

Il mese di agosto ha anche visto “un aumento unico delle ricerche per la diarrea che non è stato registrato nelle precedenti stagioni influenzali o rispecchiato nei dati di ricerca sulla tosse”.

Le query sul sintomo respiratorio “tosse” mostrano fluttuazioni stagionali che coincidono con le stagioni annuali dell’influenza, ma la “diarrea” è un sintomo più specifico di COVID-19 e mostra solo un’associazione con l’attuale epidemia, hanno sottolineato i ricercatori.

Lo studio, che non è stato ancora sottoposto a revisione paritaria, ammette limitazioni come il fatto che molte delle immagini satellitari ricevute non sono utilizzabili per via della copertura nuvolosa, l’ombra degli edifici hanno reso impossibile contare il numero di auto parcheggiate lotti con precisione.

I dati dei motori di ricerca sono anche “vulnerabili alle fluttuazioni legate ad eventi di cui potremmo non essere a conoscenza” e dipendono dalla penetrazione di Internet che “può essere altamente variabile” in Cina, hanno detto i ricercatori.

Ma hanno sostenuto che “sebbene non possiamo confermare se l’aumento del volume fosse direttamente correlato al nuovo virus, le nostre prove supportano altri lavori recenti che dimostrano che l’emergenza è avvenuta prima dell’identificazione nel mercato del pesce di Huanan”.

“Questi risultati confermano anche l’ipotesi che il virus sia emerso naturalmente nella Cina meridionale e che potenzialmente fosse già in circolazione al momento del cluster di Wuhan” e “suggeriscono anche i primi segnali mancanti di COVID-19 negli attuali sistemi di sorveglianza per agenti patogeni respiratori”, hanno aggiunto.

La Cina è stata pesantemente criticata dal presidente degli Stati Uniti Donald Trump, che ha accusato il paese di non aver avvisato abbastanza presto le autorità sanitarie internazionali del nuovo coronavirus. Ha anche minacciato di ritirare i finanziamenti statunitensi all’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) sostenendo che sarebbe vicino a Pechino per essere imparziale.

I paesi membri dell’OMS hanno votato il mese scorso affinché l’organizzazione effettuasse un’indagine indipendente sulla risposta internazionale allo scoppio.

Più di 406.000 persone in tutto il mondo hanno ceduto al virus mortale mentre oltre 7 milioni sono noti per essere stati infettati, secondo un conteggio della Johns Hopkins University.

Finora la Cina ha comunicato 4.638 morti e 84.195 casi confermati.