Press "Enter" to skip to content

Quali paesi in Europa hanno aperto i loro confini in vista delle festività estive? (parte 4)

Paesi Bassi

Il governo olandese sta limitando i viaggi non essenziali da persone provenienti da paesi terzi fino al 1 ° luglio, ma i cittadini dell’UE – compresi i cittadini britannici – possono ora entrare nel paese.

Ai turisti del Regno Unito e della Svezia viene chiesto di autoisolarsi per 14 giorni.

Come molte altre nazioni, ci sono severi requisiti in materia di stringere la mano, mantenere le distanze sociali e lavarsi le mani.

Norvegia

La Norvegia ha chiuso i suoi confini e solo i viaggiatori per gli altri paesi nordici – Danimarca, Islanda e Finlandia – sono riusciti a tornare il 15 giugno.

La Svezia è stata esclusa dalla misura.

“I viaggiatori provenienti da paesi SEE / Schengen con livelli accettabili di infezione” potranno visitare il paese dal 15 luglio.

Il Norwegian Institute of Public Health aggiornerà la mappa che mostra le aree con esenzioni dal servizio di quarantena il 10 luglio e l’elenco verrà aggiornato almeno ogni due settimane.

La Norvegia ha attualmente una quarantena di 10 giorni per chi ritorna dai viaggi internazionali.

Polonia

Le frontiere sono state riaperte per i cittadini dell’UE il 13 giugno senza condizioni di quarantena e alcuni voli internazionali dall’interno del blocco sono ripresi. La frontiera esterna della Polonia con l’UE rimane chiusa, salvo circostanze specifiche.

Portogallo

I cittadini dei paesi dell’UE, dell’area Schengen e dei passeggeri sui voli dal Regno Unito, dal Brasile, dalla Comunità dei paesi di lingua portoghese, dagli Stati Uniti, dal Canada, dal Venezuela e dal Sudafrica sono ammessi nel paese.

I controlli alle frontiere sono in atto dal 16 marzo. Attualmente non è necessario che gli arrivi entrino in quarantena, tranne che nelle isole Azzorre e Madera.

Il confine con la Spagna ha riaperto il 1 ° luglio.

Russia

L’8 giugno, la Russia ha dichiarato che riaprirà parzialmente i suoi confini mentre il paese allenterà le restrizioni al coronavirus.

Il primo ministro Mikhail Mishustin ha affermato che sarà permesso viaggiare all’estero per motivi di lavoro, di medicina o di studio, nonché per prendersi cura dei parenti.

Ha anche detto che la Russia consentirà agli stranieri di cercare cure mediche o prendersi cura dei familiari.

Ma il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha detto ai giornalisti che non esiste ancora una “data prestabilita” per riprendere i voli internazionali, che sono stati fermati a fine marzo.

Romania

Le persone provenienti da Austria, Bulgaria, Repubblica Ceca, Cipro, Croazia, Svizzera, Germania, Grecia, Isole, Lettonia, Liechtenstein, Lituania, Malta, Norvegia, Slovacchia, Slovenia e Ungheria possono entrare senza la necessità di mettere in quarantena.

Le persone provenienti da paesi UE / SEE / Schengen non elencati sopra devono ancora autoisolarsi per 14 giorni.

I voli verso un certo numero di paesi europei tra cui Belgio, Francia, Italia, Spagna, Germania, Austria, Paesi Bassi e Regno Unito rimangono sospesi.

Serbia

I confini della Serbia sono aperti.

Slovacchia

La Slovacchia ha riaperto i suoi confini con Germania, Liechtenstein, Svizzera, Slovenia, Croazia, Bulgaria, Grecia, Cipro, Malta, Estonia, Lettonia, Lituania, Finlandia, Norvegia, Danimarca e Islanda il 10 giugno.

I confini del paese con Austria, Ungheria e Repubblica Ceca sono stati aperti pochi giorni prima, il 5 giugno.

Slovenia

La Slovenia ha riaperto le frontiere ai cittadini provenienti da 18 paesi il 15 maggio, compresi i paesi limitrofi come Austria, Croazia e Ungheria. Il Montenegro e l’Italia sono stati aggiunti a questo elenco dal 15 giugno. Chiunque entri da un paese con livelli elevati di COVID-19 dovrà mettere in quarantena per 14 giorni.

Spagna

La Spagna ha riaperto i suoi confini agli Stati membri dell’UE, ai paesi dell’area Schengen e al Regno Unito il 21 giugno. Nessuno di questi viaggiatori deve autoisolarsi.

Il Portogallo era stata l’unica eccezione a quanto sopra, ma il confine tra i due paesi è stato riaperto il 1 ° luglio. Il paese ha anche aperto l’elenco degli Stati non membri approvato dal Consiglio dell’UE.

Svezia

La Svezia ha introdotto restrizioni alle frontiere, ma si applica solo ai viaggi non essenziali da paesi al di fuori dell’UE / SEE, ad eccezione del Regno Unito e della Svizzera.

Tale restrizione è entrata in vigore il 19 marzo ed è stata prorogata fino al 7 luglio.

Svizzera

La Svizzera, che ha introdotto i controlli alle frontiere il 13 marzo, riaprirà le frontiere in tutti i paesi dell’UE, Regno Unito, Norvegia, Islanda e Liechtenstein il 15 giugno, anziché il 6 luglio come previsto in precedenza.

Il governo sta anche riaprendo i confini con i lavoratori extra UE e non EFTA il 6 luglio, come annunciato il 24 giugno.

A tutti gli stranieri che attualmente tentano di entrare in Svizzera senza un permesso di soggiorno o di lavoro valido verrà rifiutato l’ingresso.

I passeggeri del trasporto aereo dall’estero possono attualmente entrare nel paese solo attraverso gli aeroporti di Zurigo, Ginevra e Basilea.

Le autorità svizzere non hanno imposto alcuna misura di quarantena alle persone che entrano nel paese. Tuttavia, è necessario rispettare le norme governative sull’igiene e l’allontanamento sociale.

Turchia

La Turchia ha aperto le sue frontiere ai viaggiatori stranieri, ad eccezione della frontiera terrestre con l’Iran. Gli arrivi potrebbero dover essere sottoposti a controlli sanitari.

Regno Unito

I bordi sono attualmente aperti. Dall’8 giugno, i visitatori stranieri devono mettere in quarantena per 14 giorni. Tra quelli esenti da queste misure vi sono persone che viaggiano dall’Irlanda, dalle Isole del Canale o dall’Isola di Man.

Come in altri paesi, alcune professioni sono esenti da queste regole, come gli operatori sanitari che viaggiano per fornire assistenza sanitaria nel paese. All’arrivo, coloro che devono autoisolarsi devono fornire i dettagli del viaggio e dei contatti.

Il 3 luglio, l’Inghilterra ha annunciato l’intenzione di abolire le sue regole di quarantena per un certo numero di paesi che ritiene a basso rischio, tra cui Francia, Spagna, Germania e Italia.

Questo entrerà in vigore il 10 luglio, il che significa che i viaggiatori che arrivano da quei paesi non dovranno autoisolarsi per 14 giorni.