Press "Enter" to skip to content

Quali paesi in Europa hanno aperto i loro confini in vista delle festività estive? (parte 3)

Ungheria

L’Ungheria ha aperto i suoi confini senza restrizioni ai cittadini dell’Unione europea, dello Spazio economico europeo (escluso il Regno Unito) e della Svizzera il 21 giugno.

Anche i cittadini serbi possono attraversare il confine. Gli ucraini sono ammessi per un massimo di 24 ore se rimangono entro 30 chilometri dal confine.

Le persone che provengono dalla Corea del Sud e dal Giappone per motivi di lavoro possono entrare, se sono membri senior di una società registrata in un paese dell’UE o del SEE.

L’Ungheria ha aperto il confine con Austria, Slovacchia, Croazia, Repubblica Ceca, Slovenia e Serbia il 12 giugno senza la necessità di andare in quarantena.

Islanda

L’Islanda ha riaperto i viaggiatori dell’UE e del Regno Unito il 15 giugno.

I turisti vengono testati all’arrivo. Alcune ore dopo, ottengono il risultato sul proprio telefono, dopo aver scaricato un’app di tracciamento.

Il test, gratuito per un periodo di due settimane, avrà un costo di 15.000 corone islandesi (€ 100) dal 1 ° luglio. I bambini nati nel 2005 o dopo il 2005 saranno esenti.

Le autorità devono ancora chiarire le procedure per coloro che risultano positivi.

Irlanda

Le autorità sanitarie irlandesi attualmente richiedono che chiunque entri in Irlanda, ad eccezione dell’Irlanda del Nord, all’isolamento per 14 giorni, all’arrivo, compresi i residenti irlandesi.

Gli arrivi devono compilare un modulo di localizzazione passeggeri, sebbene siano previste esenzioni per i fornitori di servizi essenziali della catena di approvvigionamento quali trasportatori, piloti e personale marittimo.

Italia

L’Italia ha aperto i suoi confini il 3 giugno a cittadini UE, Regno Unito, Schengen, Andorra e Monaco, a seguito del blocco a livello nazionale entrato in vigore il 9 marzo. In questa data sono stati aperti anche i confini con Città del Vaticano e San Marino.

I viaggiatori provenienti dai suddetti paesi non devono sottoporsi a quarantena a meno che non siano stati in qualsiasi altro paese nei 14 giorni prima di raggiungere l’Italia.

Il governo ha respinto ogni possibile tentativo di applicare diverse regole di confinamento in diverse regioni come “incostituzionali” a seguito di scontri tra governatori locali.

Pertanto, le stesse regole di confinamento si applicheranno allo stesso modo in tutte le regioni.

Le crociere su navi italiane sono attualmente sospese.

A differenza di Francia e Francia, l’Italia ha rinunciato a riaprire i suoi confini agli Stati non membri il 1 ° luglio, come raccomandato dal Consiglio dell’UE con il ministro della Salute Roberto Speranza, sostenendo che il paese stava prendendo “la linea di cautela”.

“La situazione a livello globale rimane molto complessa. Dobbiamo evitare che i sacrifici fatti dagli italiani in questi mesi siano vani”, ha aggiunto.

Lettonia

Ha aperto le sue frontiere ai vicini baltici dell’Estonia e della Lituania il 15 maggio. Dal 1 ° giugno non ci sono stati controlli alle frontiere con la Lituania.

Dal 3 giugno, i residenti dei paesi UE e SEE, nonché la Svizzera, sono stati anche in grado di entrare nel paese senza essere sottoposti a una quarantena di 14 giorni se il paese da cui hanno viaggiato ha un numero cumulativo di 14 giorni di COVID-19 casi non superiori a 15 per 100.000 abitanti.

Possono riprendere anche i voli da e verso paesi europei in cui il numero di casi per 100.000 nell’ultimo periodo cumulativo di 14 giorni è compreso tra 15 e 25.

Il paese è tra gli stati membri dell’UE che hanno riaperto i suoi confini dal 1 al 15 luglio paesi extra-UE.

Lituania

La Lituania ha aperto i suoi confini ai cittadini dell’UE, del SEE, della Svizzera e del Regno Unito, a condizione che l’incidenza di COVID-19 nel paese in cui risiedono non superi i 25 casi per 100.000 abitanti negli ultimi 14 giorni di calendario.

Sono stati revocati i requisiti di autoisolamento all’arrivo da questi paesi.

Tuttavia, Vilnius ha introdotto un requisito di isolamento di 14 giorni per i suoi cittadini o residenti che arrivano da 50 paesi maggiormente colpiti da COVID-19 tra cui Svezia, Russia, Bielorussia, Portogallo e Stati Uniti. In precedenza, venivano solo “avvisati” di autoisolarsi.

Lussemburgo

Il confine del Lussemburgo con la Germania è stato riaperto il 15 maggio e i viaggi non sono stati limitati con altre nazioni europee, sebbene sia vietato viaggiare dall’estero.

Malta

Il Ministero del turismo di Malta ha annunciato che riaprirà i viaggi turistici il 1 ° luglio.

A tale data, i confini riapriranno ai viaggiatori provenienti da Germania, Austria, Cipro, Svizzera, isole italiane di Sicilia e Sardegna, Islanda, Slovacchia, Norvegia, Danimarca, Ungheria, Finlandia, Irlanda, Lituania, Israele, Lettonia, Estonia, Lussemburgo, Repubblica Ceca, Italia, Francia, Polonia, Spagna, Croazia e Grecia.

Le restrizioni su tutte le altre destinazioni di volo saranno revocate il 15 luglio.

Montenegro

L’ingresso in Montenegro è consentito senza quarantena, a condizione che tu provenga da un paese con una velocità di trasmissione inferiore a 25 per 100.000 abitanti.

I viaggiatori provenienti da Albania, Bosnia ed Erzegovina, Kosovo, Turchia, Israele, Polonia, Romania, Italia e Ucraina devono, tuttavia, presentare un test COVID-19 negativo all’arrivo.

Il governo del Montenegro sta tenendo un elenco aggiornato dei paesi da cui le persone possono entrare senza entrare in quarantena.