Press "Enter" to skip to content

Quali paesi in Europa hanno aperto i loro confini in vista delle festività estive? (parte 2)

Repubblica Ceca

I confini con Austria e Germania sono stati riaperti il ​​5 giugno, 10 giorni prima del previsto. Il paese ha aperto la sua frontiera con Slovacchia e Ungheria il 27 maggio, ma con restrizioni.

Gli altri paesi dell’UE sono stati suddivisi in gruppi colorati dipendenti dal rischio: verde, arancione e rosso.

Dal 15 giugno, i residenti cechi e i cittadini dell’UE dei paesi verdi – gli stati membri orientali e baltici, la Finlandia e la Norvegia – sono stati in grado di viaggiare da e verso il paese senza alcun requisito.

Quelli del gruppo giallo, che comprende Francia, Italia e Spagna, devono avere un certificato sanitario valido per entrare.

Le condizioni di test e quarantena si applicheranno alle persone che entrano dal Regno Unito e dalla Svezia, le due nazioni rosse in Europa.

Danimarca

I confini della Danimarca sono ora riaperti nella maggior parte dei paesi europei, ma questo è soggetto a modifiche basate su una serie di misure e analisi sulla salute. I confini con Svezia e Portogallo sono ancora chiusi e un elenco di paesi aperti o chiusi viene aggiornato settimanalmente.

Estonia

Confini aperti ai vicini baltici il 15 maggio e al resto dell’UE, all’area Schengen e al Regno Unito il 1 giugno.

“I documenti di viaggio e i sintomi medici sono controllati” nei punti di entrata, ha affermato il ministero degli Esteri.

Chi proviene da paesi con un alto tasso di infezione dovrà autoisolarsi per due settimane.

Finlandia

La Finlandia ha consentito ai viaggiatori provenienti da Norvegia, Danimarca, Islanda, Estonia, Lettonia e Lituania dal 15 giugno e raccomanda di evitare viaggi non necessari in altri paesi. Anche le persone che viaggiano da questi paesi non dovranno mettere in quarantena.

La Finlandia continuerà ad avere controlli alle frontiere con la Svezia anche se “l’obiettivo è consentire viaggi senza restrizioni dalla Svezia alla Finlandia il più rapidamente possibile dalla situazione della malattia”, ha affermato il ministero degli Interni della Finlandia in una nota.

Le restrizioni per Germania, Italia, Austria, Grecia, Svizzera, Slovacchia, Slovenia, Ungheria, Liechtenstein, Irlanda, Cipro e Croazia termineranno il 13 luglio.

Francia, Belgio e Spagna sembrano essere esclusi al momento, anche se le autorità finlandesi valuteranno entro il 10 luglio se altri paesi dell’UE possono essere aggiunti all’elenco.

Altri cittadini di Schengen e del Regno Unito possono attualmente recarsi in Finlandia per lavoro, famiglia o altri motivi ritenuti “essenziali”.

Francia

I viaggiatori provenienti da stati membri dell’UE, nonché Andorra, Islanda, Liechtenstein, Monaco, Norvegia, San Marino, Svizzera e Vaticano, sono stati autorizzati a visitare la contea dal 15 giugno senza un certificato sanitario o qualsiasi forma di quarantena all’arrivo.

Ma i passeggeri provenienti dalla Spagna e dal Regno Unito sono invitati a sottoporsi a una quarantena volontaria, “in reciprocità” alle attuali normative in vigore in entrambi i paesi, ha spiegato il ministero degli Affari esteri della Francia.

Secondo la raccomandazione del Consiglio dell’UE, la Francia ha riaperto i suoi confini a 15 paesi terzi il 1 ° luglio.

Germania

Il 15 giugno la Germania ha revocato le restrizioni alle frontiere per i viaggiatori provenienti dall’UE, dalla Svizzera, dalla Norvegia, dall’Islanda, dal Liechtenstein e dal Regno Unito.

La Germania, tuttavia, ha deciso di estendere fino al 31 agosto i suoi avvertimenti sui viaggi fuori dall’UE.

Quelli che riescono a entrare devono autoisolarsi per 14 giorni.

Grecia

Il Ministero degli Affari Esteri ha pubblicato domenica 31 maggio il suo piano di riapertura delle frontiere, che prevede tre diverse fasi.

La fase 2 ha visto riprendere i viaggi turistici dai paesi dell’UE il 15 giugno, con voli in atterraggio ad Atene e Salonicco.

I viaggiatori provenienti da uno di questi aeroporti elencati dall’Agenzia europea per la sicurezza aerea, nonché da Italia, Spagna, Paesi Bassi o Svezia sono testati all’arrivo fino al 30 giugno, con le autorità che sottolineano la necessità di un pernottamento. Se il test è negativo, i viaggiatori possono quindi proseguire fino alla destinazione finale.

Sono consentiti solo viaggi essenziali dall’Albania e dalla Macedonia del Nord, mentre viene mantenuto un divieto di viaggio dal Regno Unito e dalla Turchia e tutti i visitatori sono sottoposti a test a campione.

La fase 3 dovrebbe iniziare il 1 ° luglio. Saranno ammessi voli internazionali in tutti gli aeroporti della Grecia e tutti i viaggiatori soggetti a test casuali all’arrivo.

“Ulteriori restrizioni relative ad alcuni paesi saranno annunciate in un secondo momento”, afferma il Ministero degli Esteri.

Gli arrivi via mare saranno consentiti anche il 1 ° luglio, con i viaggiatori soggetti a test casuali.

Il confine con la Serbia è chiuso fino al 15 luglio a seguito di un nuovo focolaio nel paese.