Press "Enter" to skip to content

Quali paesi in Europa hanno aperto i loro confini in vista delle festività estive? (parte 1)

In tutta Europa, i governi hanno iniziato ad aprire i loro confini dopo settimane di chiusura durante la pandemia di coronavirus.

Con la stagione delle vacanze estive alle porte, le persone hanno iniziato a chiedersi se saranno in grado di scappare per una pausa all’estero – e fino a che punto saranno in grado di andare.

La situazione delle frontiere rimane un quadro misto in tutta Europa, con ogni paese che impone le proprie regole e il proprio calendario per la riapertura.

L’UE ha raccomandato che il blocco apra le sue frontiere esterne dal 1 al 15 luglio paesi. Si tratta di Algeria, Australia, Canada, Georgia, Giappone, Montenegro, Marocco, Nuova Zelanda, Ruanda, Serbia, Corea del Sud, Tailandia, Tunisia, Uruguay e Cina (sebbene la Cina sia soggetta a conferma di reciprocità).
Tuttavia, gli Stati membri non sono legalmente obbligati a seguire la raccomandazione. L’elenco deve essere aggiornato ogni due settimane, afferma l’UE.

Dato il ritmo del cambiamento, Euronews ha compilato una guida pratica alla situazione in ciascun paese europeo.
Albania

I voli commerciali sono ripresi in Albania il 15 giugno.

Al momento, tutti i cittadini e residenti dell’UE possono entrare in Albania.

Il paese è raggiungibile con voli da Germania, Italia, Regno Unito, Serbia, Austria, Grecia e Turchia.

I passeggeri di tutti i terminal devono passare attraverso un “tunnel di disinfezione” e sottoporsi a “misure della temperatura corporea”. Chiunque abbia una temperatura corporea superiore a 37,5 ° C “deve essere intervistato dal medico aziendale”.


Austria

L’Austria ha aperto i suoi confini terrestri per la prima volta con Germania, Svizzera, Liechtenstein, Slovacchia, Slovenia, Ungheria e Repubblica ceca il 4 giugno.

Il paese ha riaperto il confine con l’Italia dal 16 giugno, ma è stato emesso un avviso di viaggio per la regione Lombardia.

Non ci sono restrizioni con la maggior parte dei paesi dell’Unione Europea ad eccezione dei viaggiatori provenienti da Regno Unito, Svezia e Portogallo che devono comunque presentare un certificato medico e un autoisolato.

Le persone che arrivano in Austria “da qualsiasi altro paese” devono anche produrre un certificato medico attestante un test COVID-19 negativo. Il certificato non può avere più di quattro giorni.

È vietato l’ingresso per via aerea ai cittadini provenienti da paesi al di fuori dell’area Schengen.


Belgio

I confini con l’Unione Europea, il Regno Unito e gli altri quattro paesi Schengen (Svizzera, Liechtenstein, Islanda e Norvegia) sono stati riaperti.

Non esiste alcuna condizione di quarantena o certificato sanitario.

I viaggi non essenziali verso e da paesi extra UE e Schengen restano vietati fino al 1 ° luglio.
Bosnia Erzegovina

Il confine è attualmente aperto solo ai cittadini della vicina Croazia, Montenegro e Serbia – non sono ammessi altri arrivi stranieri.

Vi sono alcune eccezioni, tra cui conducenti di merci, residenti e diplomatici.

Bulgaria

La Bulgaria ha aperto i suoi confini il 1 ° giugno ai paesi dell’UE, Regno Unito, San Marino, Andorra, Monaco, Vaticano, Serbia e Macedonia del Nord, nonché agli operatori sanitari e ai familiari dei cittadini bulgari, elencati sul sito web del governo.

Sono ammessi anche viaggiatori provenienti da Bosnia ed Erzegovina e Montenegro.

Rimangono tuttavia alcune esenzioni. I turisti provenienti da Belgio, Portogallo, Svezia e Regno Unito devono autoisolarsi per 14 giorni.

I turisti degli altri paesi devono nel frattempo presentare una dichiarazione attestante che sono stati informati delle misure anti-epidemiche del paese e con i rischi associati al COVID-19 all’ispettore sanitario alla frontiera.


Croazia

La Croazia ha reimposto la quarantena per i viaggiatori provenienti da Macedonia del Nord, Serbia, Kosovo e Bosnia il 25 giugno a seguito di un nuovo focolaio di coronavirus nella regione.

I confini rimangono aperti ai cittadini dell’UE e del Regno Unito, senza obbligo di quarantena.

Il paese ha iniziato ad aprire i suoi confini a metà maggio senza restrizioni per i cittadini di Repubblica Ceca, Ungheria, Austria, Estonia, Lettonia, Lituania, Polonia, Slovenia, Germania e Slovacchia.

Cipro

Cipro ha ripreso il viaggio turistico il 9 giugno dopo aver chiuso i suoi confini per quasi tre mesi.

Il paese coprirà anche i costi sanitari in caso di contaminazione da coronavirus che si verifica sull’isola mediterranea.

Le autorità hanno creato due elenchi di paesi.

I viaggiatori provenienti da paesi della Categoria A – Austria, Bulgaria, Croazia, Repubblica Ceca, Danimarca, Estonia, Finlandia, Germania, Grecia, Ungheria, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Norvegia, Slovacchia, Slovenia e Svizzera – non subiscono restrizioni.

Quelli delle nazioni di categoria B – Israele, Polonia e Romania – devono presentare un certificato sanitario non più vecchio di tre giorni.

I viaggi da altri paesi dell’UE non inclusi negli elenchi sono consentiti solo in casi eccezionali e richiedono l’approvazione del governo. Questi includono i due principali mercati turistici del paese, Gran Bretagna e Russia.

Tuttavia, i voli dalla Gran Bretagna potrebbero ricominciare da metà luglio e poche settimane dopo dalla Russia.

I cittadini di Stati Uniti, Francia, Spagna e Italia restano esclusi fino a nuovo avviso.

Per il momento non sono consentite iscrizioni da paesi al di fuori dell’UE / SEE / Schengen.