Press "Enter" to skip to content

Quale efficacia per il vaccino Oxford – AstraZeneca contro il COVID-19?

Il 2020 è stato un anno difficile per tutti, ma ha visto lo sviluppo di ben 58 vaccini contro la sindrome respiratoria acuta grave coronavirus 2 (SARS-CoV-2) e negli studi clinici, con alcuni vaccini che, secondo quanto riferit,o hanno un’efficacia superiore al 90% contro COVID-19. Questo straordinario risultato è una buona notizia tanto necessaria in quanto i casi di COVID-19 sono attualmente ai massimi livelli giornalieri a livello globale.
I nuovi risultati di efficacia del vaccino sono ora riportati su The Lancet: i ricercatori di quattro studi randomizzati e controllati condotti nel Regno Unito, Sud Africa e Brasile riportano i risultati aggregati di un’analisi ad interim di sicurezza ed efficacia contro COVID-19 dell’adenovirus dello scimpanzé di Oxford-AstraZeneca vaccino vettoriale ChAdOx1 nCoV-19 (AZD1222) negli adulti di età pari o superiore a 18 anni.
Questo è il primo rapporto di efficacia contro COVID-19 per un vaccino senza scopo di lucro che mira all’offerta globale, all’equità e all’impegno nei paesi a basso e medio reddito (LMIC) en come tale, la sua pubblicazione è molto gradita. Dopo che i risultati della fase 1 hanno supportato un regime a due dosi, i protocolli di prova sono stati modificati ove necessario per richiedere due dosi standard (coorte SD / SD) di circa 5 × 1010 particelle virali per dose somministrata a 28 giorni di distanza, ma un sottogruppo (LD / SD coorte) in uno degli studi nel Regno Unito hanno ricevuto inavvertitamente mezza dose del vaccino (dose bassa) come prima dose prima di un cambiamento nella metodologia di quantificazione del dosaggio; Inoltre, le modifiche al protocollo hanno consentito ad altri partecipanti allo studio originariamente programmati per ricevere una singola dose di ricevere un richiamo più di 28 giorni dopo la loro prima dose. I partecipanti hanno ricevuto in modo casuale il vaccino ChAdOx1 nCoV-19 o il controllo, che era vaccino coniugato meningococcico (MenACWY) o soluzione salina a seconda dello studio.
I risultati provvisori di efficacia erano disponibili e sono riportati per due dei quattro studi in corso (dal Regno Unito e dal Brasile) sulla base di casi verificatisi entro circa 4 mesi dal follow-up in 11.636 partecipanti, la maggioranza dei quali di età compresa tra 18 e 55 anni 10 218 [87,8%] partecipanti), bianchi (9625 [82,7%] partecipanti) e donne (7045 [60,5%] partecipanti). Nessun ricovero ospedaliero correlato a COVID-19 si è verificato nei riceventi ChAdOx1 nCoV-19, mentre dieci (due dei quali gravi) si sono verificati nei gruppi di controllo. L’efficacia del vaccino per l’analisi primaria prespecificata (combinando gruppi di dose) rispetto all’endpoint primario di COVID-19 che si verifica più di 14 giorni dopo la seconda dose è stata del 70,4% (95,8% CI da 54,8 a 80,6; 30 [ 0,5%] di 5807 partecipanti nel gruppo ChAdOx1 nCoV-19 contro 101 [1 · 7%] di 5829 partecipanti nel gruppo di controllo). Sorprendentemente, tuttavia, l’efficacia è stata sostanzialmente inferiore nella coorte SD / SD (62,1% [95% CI da 41,0 a 75,7]; 27 [0,6%] di 4440 vs 71 [1,6%] di 4455) rispetto alla coorte LD / SD (90,0% [67,4 a 97,0]; tre [0,2%] di 1367 vs 30 [2,2%] di 1374), che è rimasta dopo aver considerato differenze di età e tempo tra le dosi. L’efficacia è stata simile quando valutata a partire da 21 giorni dopo la prima dose standard (192 casi), suggerendo che esiste almeno una protezione a breve termine con una dose. Sebbene l’efficacia fosse inferiore (58,9% [1,0 a 82,9]) contro l’infezione asintomatica nella coorte LD / SD (e sfortunatamente solo il 3,8% [da -72,4 a 46,3] nella SD / Gruppo SD), i risultati forniscono comunque qualche speranza che i vaccini COVID-19 potrebbero essere in grado di interrompere alcune trasmissioni asintomatiche, sebbene meno dati (69 casi su 6638 partecipanti) fossero disponibili con questo risultato e sono necessari più dati per confermare. Solo 1418 (12,1%) di quelli valutati per l’efficacia avevano più di 55 anni (nessuno dei quali era nella coorte LD / SD), il che significa che dall’analisi ad interim di questi studi, non possiamo ancora inferire l’efficacia negli anziani, che sono il gruppo a maggior rischio di gravi esiti COVID-19.
Gli eventi avversi gravi sono stati valutati in 12174 riceventi ChAdOx1 nCoV-19 e 11 879 destinatari di controllo. Non si sono verificati eventi avversi gravi o decessi associati al trattamento nei riceventi ChAdOx1 nCoV-19. Si sono verificati 175 eventi avversi gravi (84 nel gruppo ChAdOx1 nCoV-19 e 91 nel gruppo di controllo), tre dei quali erano probabilmente correlati all’intervento: mielite trasversa verificatasi 14 giorni dopo una vaccinazione di richiamo con ChAdOx1 nCoV-19, anemia un ricevente di controllo e febbre superiore a 40 ° C in un partecipante ancora mascherato per l’assegnazione di gruppo. Si sono verificati due ulteriori casi di mielite trasversa ritenuti improbabili correlati all’intervento: uno 10 giorni dopo la prima dose di ChAdOx1 nCoV-19 è stato attribuito a sclerosi multipla preesistente e uno in un gruppo di controllo che si è verificato 68 giorni dopo la vaccinazione. I casi di mielite trasversa hanno portato alla sospensione temporanea dello studio e tutti i partecipanti si sono ripresi o si stanno riprendendo.
I punti di forza dello studio includono l’ampia dimensione del campione, la randomizzazione a gruppi di vaccini, l’inclusione di siti diversi rivolti a razze ed etnie diverse, standardizzazione degli elementi chiave tra gli studi, equilibrio delle caratteristiche dei partecipanti tra i gruppi di vaccini, inclusione di tutti i partecipanti nella sicurezza valutazione, e con risultati simili in Brasile come nel Regno Unito per il gruppo SD / SD, che conferisce credibilità ai risultati. Tre degli studi inoltre non hanno limitato l’arruolamento in base all’età o alla presenza di comorbidità. Sebbene i risultati di efficacia qui riportati provenissero da studi in singolo cieco, che mascheravano solo i partecipanti al prodotto ricevuto, gli endpoint sono stati valutati da un comitato di revisione indipendente in cieco. Le limitazioni includono che meno del 4% dei partecipanti aveva più di 70 anni di età, nessun partecipante di età superiore a 55 anni ha ricevuto il regime a dose mista e quelli con comorbidità erano una minoranza, con risultati per quel sottogruppo non ancora disponibili. L’eterogeneità nel dosaggio del vaccino è stata fortuita nello scoprire una formulazione potenzialmente altamente efficace, ma non è stata pianificata e necessita di un’ulteriore valutazione negli anziani e per confermare i risultati inaspettati.
Le differenze osservate nell’efficacia per dose non erano coerenti con i risultati di precedenti studi di immunogenicità di questo vaccino, che erano simili per i partecipanti che ricevevano due dosi basse e due dosi standard; non esistono dati di immunogenicità per il regime a dose mista
Se l’immunogenicità è simile anche per questo regime, questa sarebbe una scoperta insolita che richiede un’ulteriore esplorazione, incluso se si tratta solo di una malattia più lieve (poiché c’erano troppo pochi casi per valutare l’efficacia contro COVID-19 grave). La disparità tra i risultati dell’immunogenicità e dell’efficacia potrebbe implicare che per i vaccini COVID-19 potrebbero non esistere correlati immunologici chiari di protezione clinica, il che significa che l’efficacia non può essere estrapolata ad altre età o popolazioni non valutate. Inoltre, prove ponte, in cui vengono testati nuovi vaccini rispetto a tali correlati, o prove di equivalenza di immunogenicità, in cui vengono testati nuovi vaccini contro vaccini autorizzati utilizzando tali surrogati immunologici (piuttosto che esiti di malattie), che sono più veloci e più facili potrebbero essere irrealizzabili, ponendo sfide per lo sviluppo, la valutazione e l’approvazione normativa futuri di vaccini.
L’accordo di 2–3 USD per dose di Oxford – AstraZeneca con la COVAX Facility è una buona promessa per un accesso equo per gli LMIC, rispetto al costo elevato dei due vaccini a mRNA che hanno riportato un’efficacia superiore al 90 %.