Press "Enter" to skip to content

Quad Summit: prima mossa di Biden in Asia

L’accordo sui vaccini del Quad Summit è la prima mossa di Biden in Asia. Si tratta di un passo intelligente per contrastare la Cina, ma i prossimi non saranno così facili. Venerdì mattina, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ospiterà il primo vertice Quad con il primo ministro giapponese Yoshihide Suga, il primo ministro indiano Narendra Modi e il primo ministro australiano Scott Morrison. I risultati saranno impressionanti: oltre alla cooperazione in materia di sicurezza marittima di solito associata al Quad – abbreviazione di Quadrilateral Security Dialogue – Biden e le sue controparti saranno d’accordo su una grande iniziativa per la regione su COVID-19, dicono i funzionari che hanno familiarità con le discussioni. Con la biotecnologia statunitense, i finanziamenti giapponesi, la produzione indiana e la logistica australiana, i quattro leader si impegneranno a fornire 1 miliardo di dosi di vaccino al sud-est asiatico, la regione più direttamente esposta alla pressione e all’espansionismo cinese.

Dopo mesi di autocompiacimento della diplomazia “guerriera dei lupi” di Pechino che fa leva sui suoi successi nella gestione della pandemia, le democrazie marittime dell’Indo-Pacifico realizzeranno così un colpo stupefacente che probabilmente invertirà permanentemente le guerre della diplomazia dei vaccini. I quattro leader concorderanno anche di rafforzare la cooperazione per garantire le forniture di metalli delle terre rare, spinti dalla diffidenza della dipendenza dalla Cina per questi input critici per la tecnologia e la produzione della difesa in un momento in cui Pechino sta schiaffeggiando i boicottaggi su qualsiasi paese che non le piace.

La logica di questo gioco è ovvia se ci si pensa. Ciò che la maggior parte degli alleati degli Stati Uniti vuole in Asia è che gli Stati Uniti tornino ad avere un ruolo di leadership nel commercio regionale e nella creazione di regole. Ma questa strada è chiusa per ora – è diventato ovvio che l’amministrazione Biden non è pronta a usare il suo scarso capitale politico per rientrare nella Trans-Pacific Partnership (ora chiamata Comprehensive and Progressive Agreement for Trans-Pacific Partnership, o CPTPP). Allo stesso modo, una robusta spesa per la difesa degli Stati Uniti e il suo ridispiegamento potrebbero anche smorzare la crescente pressione della Cina su India, Giappone e Sud-Est asiatico, ma i democratici nel Congresso degli Stati Uniti sono ancora divisi su questo tema. La squadra di politica estera di Biden è solidamente atlantista e sperava in una vittoria anticipata con l’Europa dopo l’approccio della terra bruciata di Trump a Bruxelles, ma gli europei sono ancora confusi sulla Cina – come Biden ha scoperto alla conferenza sulla sicurezza di Monaco il 19 febbraio, quando ha proposto pubblicamente la cooperazione transatlantica sulla Cina e sia il cancelliere tedesco Angela Merkel che il presidente francese Emmanuel Macron hanno risposto parlando di tutto tranne che della Cina.

I sud-est asiatici, d’altra parte, stavano tranquillamente dicendo a tutti e quattro i paesi del Quad esattamente ciò di cui avevano davvero bisogno ora: aiuto su COVID-19. Così la risposta può essere stata ovvia in retrospettiva, ma la frenesia diplomatica che ha portato a questo vertice Quad è stata comunque impressionante.

Il vertice Quad di venerdì dovrebbe anche mettere a tacere i molti critici di questo raggruppamento di paesi. L’allora primo ministro giapponese Shinzo Abe ha spinto per la prima volta per un vertice Quad nel 2006, dopo il successo dei quattro paesi nel formare rapidamente una task force per fornire aiuti umanitari e di emergenza in tutto il sud e sud-est asiatico dopo lo tsunami del 2004. Ma dopo un primo incontro di diplomatici, tutti e quattro i governi hanno tranquillamente messo a letto l’idea del summit dei Quad. L’amministrazione Bush era reduce dall’Iraq; il Giappone era ora guidato da un governo più cauto sotto il successore di Abe, Yasuo Fukuda; anche l’Australia era passata a un governo scettico del Partito Laburista; e l’India era arrabbiata con il nuovo governo australiano per aver tagliato le esportazioni di uranio.

Per anni dopo, è diventato in voga per i cosiddetti realisti di pooh-pooh il Quad come ideologicamente guidato ed eccessivamente provocatorio nei confronti della Cina. Ma poi il presidente cinese Xi Jinping ha iniziato a fare il prepotente con tutti: militarizzando le isole artificiali nel Mar Cinese Meridionale, usando la forza contro le truppe indiane sull’Himalaya, boicottando le esportazioni australiane per spingere Canberra a ridurre le critiche alla Cina, e aumentando la pressione sul Giappone nel Mar Cinese Orientale. L’amministrazione Trump era desiderosa di ricostruire il Quad, così come i governi conservatori di Giappone e Australia. Nuova Delhi era scettica – fino a quando la politica cinese sull’Himalaya l’ha spinta oltre la linea.

Il Quad non è un’alleanza. Non ci sono impegni di sicurezza collettiva – dichiarando che un attacco a un membro rappresenta un attacco a tutti e quattro, per esempio. Ci sono ancora dei divari tra l’India e gli altri tre, in particolare quando ci si interroga sul regresso democratico di Modi. In termini militari, il trio Stati Uniti-Giappone-Australia è molto più interoperabile dei quattro insieme, anche se la recente ripresa delle esercitazioni navali congiunte aiuterà. Il Quad sarà una parte di una geometria variabile di alleanze e diplomazia in Asia. Dopo questo vertice, sarà chiaramente una delle parti più importanti.

Il prossimo atto potrebbe non essere altrettanto facile per Biden. Gli alleati degli Stati Uniti vogliono ancora vedere gli Stati Uniti di nuovo nella regione con lo statecraft economico, poiché ora ci sono due grandi accordi commerciali in Asia (CPTPP e il Regional Comprehensive Economic Partnership, o RCEP) che sono stati firmati senza la partecipazione degli Stati Uniti. La Cina è già nel RCEP, e Xi dice che ora vuole unirsi anche al CPTPP. Tokyo e Canberra rallenteranno la cosa, ma il team di Biden deve mettere in chiaro che è pronto a rientrare, o la regione potrebbe cedere sotto la diretta pressione cinese o essere risucchiata dalla pura dimensione dell’economia cinese. I membri del Quad dovranno anche capire la migliore configurazione per espandere l’adesione – molto probabilmente la partecipazione à la carte alle esercitazioni navali da parte di paesi come Gran Bretagna, Canada, Francia e Corea del Sud. Ma con la credibilità di Washington in declino e le sue opzioni limitate, il team di Biden ha appena giocato la sua unica carta di grande valore con il massimo effetto possibile.

A metà degli anni 1850, il commodoro della marina statunitense Matthew Perry tornò dalla baia di Tokyo per dire al pubblico incredulo nelle sale pubbliche di New York che un giorno il Pacifico sarebbe stato salvaguardato dalle marine degli Stati Uniti, della Gran Bretagna e forse anche del Giappone. “L’antica croce di San Giorgio” e il “più giovane emblema [delle] stelle e strisce”, disse, sarebbero stati i benvenuti in tutta la regione. Alla fine del XIX secolo, il grande stratega navale americano Alfred Thayer Mahan prevedeva un quadrato del Pacifico composto da Stati Uniti, Gran Bretagna, Giappone e Germania. Se si considera la marina australiana e quella indiana come eredi della tradizione navale europea, allora le previsioni di Perry e Mahan si sono avverate. Ma se i due vecchi salti stanno ora sorridendo dall’alto dei cieli, potrebbero anche contare nervosamente l’ordine di battaglia della marina cinese. Per tutto il successo di venerdì, fornire vaccini contro il coronavirus può essere solo la prima mossa se Biden è seriamente intenzionato a ristabilire la scena strategica in Asia.