Press "Enter" to skip to content

Polonia, Ungheria e Repubblica ceca colpevoli per aver respinto i rifugiati

La Corte di Giustizia Europea (CGE) ha stabilito che la Polonia, l’Ungheria e la Repubblica ceca hanno violato i loro obblighi ai sensi del diritto dell’UE rifiutando di accogliere i rifugiati.

La Corte di giustizia ha emesso una sentenza nella quale ha affermato che questi paesi non hanno accettato la loro quota di 120.000 richiedenti asilo arrivati in Italia e in Grecia, nell’ambito di un programma di ricollocazione concordato dal Consiglio europeo nel 2015.

La Polonia e la Repubblica ceca sono, inoltre, colpevoli di non aver adempiuto ai propri obblighi ai sensi di una precedente decisione del Consiglio nei confronti di 40.000 migranti. La sentenza conferma un parere di un organo consultivo alla corte dell’anno scorso.

Il Consiglio europeo – composto in gran parte da leader dei governi nazionali e capi di stato – ha adottato le sue decisioni nel settembre 2015 in un momento in cui erano giunti più di un milione di migranti in Europa, la maggior parte in fuga dalla guerra in Siria e Iraq.

I leader dell’UE hanno agito per obbligare i paesi dell’Unione ad aiutare l’Italia e la Grecia a condividere l’onere a causa del numero sproporzionato di migranti sulle loro coste.

Il tribunale, con sede a Lussemburgo, ha respinto gli argomenti di difesa presentati dai tre Stati membri che hanno violato il diritto dell’UE. La Corte di giustizia europea ha affermato che non esiste alcun diritto di citare il mantenimento della legge e / o la salvaguardia della sicurezza interna o di affermare che il programma di ricollocazione fosse disfunzionale, rifiutandosi di conformarsi.

Nell’ambito di un “meccanismo di ricollocazione temporanea”, ai paesi sono stati offerti € 6.000 per ogni persona che hanno accolto.

La Corte di giustizia europea ha evidenziato che la Polonia e la Repubblica ceca hanno inizialmente accettato di accettare rispettivamente 100 e 50 migranti, ma in pratica non lo hanno mai fatto: i cechi ne hanno accolti solo 12, mentre la Polonia non ha accettato nessuno proprio come l’Ungheria.

Alla fine solo circa 40.000 migranti sono stati trasferiti. Il fallimento della misura di condivisione degli oneri è stato al centro di una delle maggiori crisi politiche dell’Unione europea, mentre l’immigrazione è diventata una questione vincente per i partiti di estrema destra in Europa.

Commentando la sentenza, Varga Judit, ministro della Giustizia ungherese, ha affermato che il concetto di “quota di migranti” era “irragionevole sin dall’inizio”. “Non è mai stato completamente implementato da quasi tutti i paesi”, ha scritto su Facebook. “Continueremo a combattere contro il mainstream europeo, che non ha ancora capito che sostenere la migrazione non è una buona risposta ai problemi dell’Europa, ha concluso.