Press "Enter" to skip to content

Perché la Cina è il più grande problema politico di Biden

Come dovrebbe gestire l’amministrazione Biden il suo incontro inaugurale con i funzionari cinesi in Alaska oggi? Sulla base del suo nuovo libro, Chaos Under Heaven: Trump, Xi, and the Battle for the Twenty-First Century, è facile immaginare come Josh Rogin, un editorialista del Washington Post, risponderebbe alla domanda: Il segretario di Stato americano Antony Blinken e il consigliere per la sicurezza nazionale Jake Sullivan dovrebbero affrontare le loro controparti cinesi nel modo più aggressivo possibile.

Chaos Under Heaven è in realtà due libri uniti in uno. Il primo, come suggerisce il sottotitolo, è un resoconto narrativo dell’approccio bizzarramente incoerente e spesso sconcertante dell’amministrazione Trump alla Cina negli ultimi quattro anni. Nel raccontare questa storia, tuttavia, Rogin ha una missione più grande: descrivere come lui e altri americani si sono svegliati per la prima volta di fronte alla minaccia cinese – “la questione di politica estera più importante del mondo” – e scuotere il resto di noi dal nostro sonno.

Rogin intreccia abilmente i due fili, e il suo libro, che è ben osservato e riflessivo, fa un buon lavoro per dare un senso alle interazioni confuse e contraddittorie dell’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump con Pechino. Come spiega Rogin, se l’amministrazione sembrava spesso gestire più politiche cinesi contemporaneamente, è perché i giornalisti e gli analisti prestavano attenzione ai segnali sbagliati e ascoltavano le persone sbagliate.

Non che si possa biasimarli: Sulla politica cinese, il team di Trump era diviso in almeno cinque campi. C’erano i super-hawks (guidati dall’ex consigliere per la sicurezza nazionale John Bolton), gli hard-liners (i più vocali dei quali erano l’allora direttore della politica commerciale e manifatturiera Peter Navarro, il capo stratega della Casa Bianca Steve Bannon e il vice consigliere per la sicurezza nazionale Matthew Pottinger), la cricca di Wall Street (l’allora direttore del Consiglio economico nazionale Gary Cohn e il segretario al Tesoro Steven Mnuchin), l’asse degli adulti (l’ex consigliere per la sicurezza nazionale H. R. McMaster e il segretario alla difesa James Mattis), e gli amici miliardari di Trump (specialmente i magnati del casinò Sheldon Adelson e Steve Wynn). Ogni campo ha favorito un approccio diverso a Pechino, e ognuno ha regolarmente parlato alla stampa come se la sua fosse la politica prevalente.

Aggiungendo alla confusione, Trump stesso non ha mai veramente scelto da che parte stare. La sua unica convinzione sulla Cina era che il paese aveva a lungo fregato gli Stati Uniti con pratiche commerciali sleali, e la sua unica priorità era negoziare un accordo per stabilire nuovi termini più favorevoli per la relazione. Era davvero così semplice. Anche se gli apparenti sbalzi d’umore del presidente, a volte nello stesso giorno, “assicuravano che nessuno sapesse mai veramente quale fosse la sua politica cinese”, Rogin suggerisce che Trump aveva in realtà “una visione ferma sulla Cina, una visione che ha portato nella sua presidenza”. Questa visione è rimasta coerente anche quando Trump ha messo i suoi consiglieri uno contro l’altro “perché voleva che competessero per servirgli idee che si adattassero alla sua visione, non perché non sapesse cosa voleva”. Così, quando “i colloqui commerciali andavano male, Trump alzava un po’ la valvola e lasciava che alcune iniziative per affrontare il cattivo comportamento cinese uscissero allo scoperto. Quando i colloqui commerciali andavano bene … Trump chiudeva le misure anti-Cina” e minava i loro sostenitori.

Anche se Trump potrebbe non aver favorito nessun campo, Rogin lo ha fatto chiaramente: Gli integralisti, che erano guidati da Pottinger, il vero eroe del libro e la fonte di gran parte dei rapporti di Rogin. Nel suo resoconto, questi erano gli unici mediatori onesti in tutto il dibattito sulla Cina. Il libro fa di tutto per insinuare che chiunque dissentisse dall’approccio degli integralisti – dai funzionari dell’amministrazione Obama come il segretario di Stato John Kerry e il consigliere per la sicurezza nazionale Susan Rice a quelli di Trump come Cohn e Mnuchin fino agli outsider come Neil Bush, Henry Kissinger, il presidente della Banca Mondiale Jim Kim – fosse in qualche modo compromesso o corrotto. Nemmeno Anthony Fauci, il direttore del National Institute of Allergy and Infectious Diseases degli Stati Uniti, sfugge senza un’accusa di conflitto di interessi. L’unica strana eccezione è lo stesso Trump, che, nonostante tutti i passi falsi che Rogin racconta – dall’essere stato ingannato nel credere che il presidente cinese Xi Jinping fosse un vero amico all’approvare vergognosamente i campi di detenzione uiguri della Cina fino alla sua imperdonabile razzializzazione delle tensioni tra Stati Uniti e Cina, che ha dato orribili frutti ad Atlanta questa settimana – sfugge al disprezzo, all’obbrobrio e all’alta morale che Rogin riserva ai moderati che favoriscono l’impegno.

Allora, cosa hanno capito Pottinger e gli irriducibili? Secondo Rogin, solo loro hanno visto la leadership cinese per quello che è diventata – mendace, immorale, e piegata al dominio – e solo loro, da realisti, hanno capito che non aveva senso cercare di far cambiare Pechino. Quello che gli Stati Uniti dovrebbero fare invece, sostengono, è “affrontare la realtà della Cina, concentrarsi sull’arresto del peggiore dei suoi comportamenti e costruire la resilienza contro il resto”.

Grazie alla mancanza di attenzione di Trump, gli integralisti hanno fatto solo progressi limitati nel cambiare la politica degli Stati Uniti nel corso della sua amministrazione, anche se il presidente ha adottato alcune delle loro raccomandazioni verso la fine del suo mandato, quando è diventato finalmente chiaro che il suo sperato accordo commerciale era morto e il coronavirus aveva avvelenato le relazioni tra i due paesi.

Naturalmente, Trump ora non c’è più, ma la Cina no. Quindi cosa dovrebbero fare gli Stati Uniti dopo? Chaos Under Heaven fa un buon lavoro per inquadrare il problema, e Rogin ottiene molte cose giuste. Ha ragione, anche se non è il solo, nel sottolineare i molti modi in cui la svolta della Cina verso l’oppressione interna e l’aggressione esterna richiede un approccio molto diverso da parte degli Stati Uniti. E la chiarezza morale e la profondità di convinzione con cui fa questo caso sono impressionanti. (Rivelazione completa: Rogin è un ex dipendente di Foreign Policy, e anche se non ci siamo mai sovrapposti, abbiamo una conoscenza amichevole. Ammiro anche il suo accanimento come reporter e la sua capacità di generare scoop dopo scoop).

Ma il suo pensiero unico non sempre serve molto bene al libro o al suo lettore. Per cominciare, non è chiaro chi ha ancora bisogno di essere svegliato dalla minaccia cinese. Certamente non l’amministrazione Biden, che ha impostato un tono sorprendentemente combattivo in vista degli incontri di questa settimana. Né il pubblico americano sembra aver bisogno di essere convinto; secondo un nuovo sondaggio Gallup, quasi la metà dei cittadini statunitensi ora classifica la Cina come la principale minaccia per gli Stati Uniti, più del doppio rispetto all’anno scorso.

L’intrepido reportage di Rogin può aiutare a spiegare questo cambiamento e merita un po’ di credito per questo. La sfida più grande con Chaos Under Heaven è che, al di là di alcuni suggerimenti ragionevoli nell’epilogo (come il sostegno alle democrazie occidentali, il mantenimento delle sanzioni commerciali esistenti per fare leva, il contrasto allo spionaggio cinese, e la richiesta di una maggiore trasparenza per quanto riguarda il finanziamento estero delle istituzioni statunitensi), non è mai abbastanza chiaro che affrontare la Cina deve essere “la massima priorità nella nostra politica estera, non essere soggiogata a beneficio di qualsiasi altra questione”. Classificare la Cina così in alto la metterebbe al di sopra delle minacce esistenziali, sia letterali – il cambiamento climatico – che politiche – l’economia degli Stati Uniti. L’unica ragione per farlo sarebbe se la Cina fosse anche una minaccia esistenziale. Ma Chaos Under Heaven non è convincente su questo punto. Questo è comprensibile; come Doug Bandow ha argomentato recentemente in Foreign Policy, mentre Washington dovrebbe trovare il comportamento di Pechino preoccupante a tutti i livelli, la Cina è ancora lontana dal minacciare la sicurezza fondamentale degli Stati Uniti come fece l’Unione Sovietica durante la guerra fredda.

Naturalmente, i giornalisti possono evitare i compromessi che i funzionari governativi devono fare ogni giorno. Ma l’amministrazione Biden non riuscirà mai ad affrontare alcune delle sue massime priorità, come il contenimento delle emissioni e la prevenzione di future pandemie, senza la volontaria partecipazione della Cina. Ottenere questo, e allo stesso tempo respingere le cattive azioni di Pechino, richiederà sfumature e flessibilità. Rogin sembra avere poca pazienza per queste complessità. Mentre dovremmo essergli grati per aver suonato l’allarme, dovremmo anche essere contenti che l’amministrazione Biden – che ha detto che il suo rapporto con la Cina “sarà competitivo quando dovrebbe esserlo, collaborativo quando può esserlo, e conflittuale quando deve esserlo” – sembra avere lo stomaco per raggiungere gli stessi compromessi che Rogin non ama.