Press "Enter" to skip to content

Pandemia: ospedali al collasso in Brasile

Il Brasile e gli Stati Uniti hanno seguito traiettorie simili l’anno scorso. Guidati da presidenti di destra con poco interesse nell’arrestare la pandemia di COVID-19 mentre aumentava ancora e ancora durante il 2020, entrambi i paesi ora hanno il più alto numero di infezioni da coronavirus di qualsiasi nazione.

Ma mentre gli Stati Uniti hanno un nuovo presidente ed è riuscito a progettare un rapido calo dei casi, il Brasile non ha visto un tale declino.

I decessi da coronavirus sono ora ad un massimo storico in Brasile, con una media di 1.208 al giorno nell’ultima settimana. Anche i nuovi casi hanno raggiunto il massimo, con una media di circa 54.000 al giorno negli ultimi sette giorni.

Gli aumenti stanno spingendo le risorse mediche al limite. Le unità di terapia intensiva in 17 dei 26 stati del Brasile sono vicine alla capacità, mentre altri sei sono completamente pieni, riferisce O Globo. La distribuzione del vaccino, a lungo indicata come la forza del paese, è stata lenta: solo il 3,2% del paese ha ricevuto una dose di vaccino, secondo Bloomberg. Il Brasile non sta nemmeno riportando i dati nazionali sui vaccini, lasciando che siano gli stati a produrre le informazioni.

La variante del Brasile. La cattiva gestione della pandemia da parte del Brasile ha implicazioni internazionali pressanti. Una nuova variante di coronavirus, identificata per la prima volta nel paese, si è diffusa rapidamente. Secondo una ricerca che sarà pubblicata oggi da un team dell’Università di Oxford, dell’Imperial College di Londra e dell’Università di San Paolo, la variante, nota come P.1, è tra 1,4 e 2,2 volte più trasmissibile di altre varianti attualmente in circolazione. Peggio ancora, i ricercatori hanno scoperto che la P.1 ha maggiori probabilità di reinfettare coloro che avevano già contratto il virus, mettendo potenzialmente a rischio l’efficacia del vaccino.

Un inizio di 2021 difficile. La notizia arriva mentre l’indice di approvazione di Bolsonaro, relativamente alto nel corso della pandemia, ha subito un colpo. I sondaggi si sono inaspriti nel mese di febbraio, con il più recente che gli dà un indice di approvazione del 32 per cento, in calo da un massimo dell’era pandemica a dicembre del 37 per cento. Le prospettive di un’inversione di tendenza dipenderanno dal fatto che il Congresso brasiliano possa decidere su come riavviare un popolare programma di pagamento di emergenza in contanti per i poveri del paese, scaduto a dicembre.

È la fine di Bolsonaro? Anche se il Brasile si piega sotto la tensione della pandemia, Bolsonaro ha supporti strutturali che dovrebbero tenerlo al sicuro. Il 1 ° febbraio, il Congresso del Brasile ha selezionato due dei suoi alleati per guidare la camera alta e bassa, dando al presidente un cuscinetto contro qualsiasi tentativo di impeachment.

Come Ana Ionova ha notato in Foreign Policy il mese scorso, Bolsonaro può contare su circa un quarto della popolazione brasiliana, i “brasiliani conservatori, più ricchi e religiosi, preoccupati da questioni come il crimine, l’economia, la corruzione e i valori familiari” per rimanere al suo fianco, non importa cosa. “Per molti di loro, il presidente sta facendo del suo meglio per mantenere il Brasile aperto e l’economia a galla”, ha scritto Ionova.