Press "Enter" to skip to content

Pandemia di coronavirus: le bugie e le responsabilità della Cina

Le pandemie sono simili alle guerre e la prima vittima è la verità.

Invece di notificare all’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) lo scoppio della polmonite atipica e le prove della diffusione umana, le autorità cinesi hanno censurato le informazioni, nascosto il virus e messo a tacere i medici che hanno cercato di avvertire i loro colleghi. I dirigenti degli ospedali si sono rifiutati di autorizzare mascherine o altri dispositivi di protezione personale (DPI) con la motivazione che avrebbero causato il panico. Mentre i pazienti infettavano gli operatori sanitari e gli operatori sanitari si infettavano l’un l’altro, i dirigenti degli ospedali insistevano che la diffusione tra gli esseri umani era impossibile – che nessun membro del personale era infetto – anche alterando le diagnosi che suggerivano il contrario.

La linea ufficiale di Pechino fino al 19 gennaio 2020 era che l’epidemia era iniziata a fine dicembre 2019, che tutti i casi erano stati infettati da una fonte animale non identificata al mercato all’ingrosso dei frutti di mare di Wuhan, e che nessun operatore sanitario era stato infettato. Ma anche quando il governo ha ammesso la diffusione umana il 20 gennaio, ha riportato solo una frazione dei numeri reali.

Queste falsità hanno influenzato la decisione dell’OMS di non dichiarare immediatamente un’Emergenza Sanitaria Pubblica di Preoccupazione Internazionale, un passo che aveva già fatto per Ebola, Zika e il virus H1N1 e hanno rafforzato la diffusa convinzione che il COVID-19 si diffondesse in modo simile all’influenza: grandi goccioline che atterrano sulle superfici e si trasferiscono per contatto piuttosto che attraverso microgoccioline trasportate dall’aria. Questo errore ha contribuito all’attenzione precoce e persistente in Occidente sulla disinfezione delle superfici e sull’igiene delle mani, piuttosto che sulle mascherine, che sono considerate più efficaci.

La mancanza di informazioni ha anche significato che alcune importanti tendenze iniziali sono state perse. Per esempio, la maggior parte del personale infetto operava in reparti non urgenti, come l’oftalmologia, la medicina familiare e la chirurgia elettiva. Queste specialità non sono considerate ora ad alto rischio, e i pazienti avevano meno probabilità di essere malati o sintomatici – il che significa che gli operatori sanitari avevano meno probabilità di indossare mascherine rispetto ai loro colleghi della medicina respiratoria d’emergenza e delle unità di terapia intensiva.

La comprensione ritardata delle dinamiche di trasmissione è costata la vita a un numero imprecisato di operatori sanitari in Cina, ha contribuito alla morte di decine di migliaia di persone all’estero e ha potenziato la pandemia.

L’insabbiamento aveva vari elementi. In primo luogo, come la sindrome respiratoria acuta grave (SARS) nel 2002, le autorità cinesi non hanno notificato l’OMS, in violazione del Regolamento Sanitario Internazionale, le regole globali sulle minacce pandemiche. Queste regole sottolineano che ogni minaccia che infetta gli operatori sanitari – prova positiva di diffusione umana – deve essere segnalata. Invece, come con la SARS, l’OMS ha saputo della nuova minaccia non da Pechino ma da una piattaforma open-source ideata dai medici per diffondere rapidamente le informazioni e contrastare le tendenze governative a sopprimere le minacce emergenti.

Certo, l’incertezza è il principio che definisce ogni nuovo agente patogeno. Ma dal 27 dicembre 2019, le autorità di Wuhan sapevano che la minaccia era seria. Per allora, il nuovo coronavirus era stato sequenziato, diversi pazienti senza legami con il mercato erano stati identificati, e almeno un operatore sanitario era stato infettato. Sia la SARS che la sindrome respiratoria del Medio Oriente (MERS), fratelli maggiori del COVID-19, hanno entrambi causato polmonite atipica, pandemie e alti tassi di infezione tra gli operatori sanitari.

I medici di Wuhan hanno capito la minaccia e hanno cercato di avvertirsi a vicenda. Fornire agli operatori sanitari i DPI non avrebbe necessariamente contraddetto la storia ufficiale sull’assenza di trasmissione da uomo a uomo. Per un’epidemia di polmonite atipica durante la stagione dell’influenza, le mascherine sono il minimo indispensabile. Dopo la SARS, i DPI sarebbero stati accolti come una prudente misura protettiva piuttosto che sollevare le sopracciglia internazionali. Ma le autorità cinesi, preoccupate di mantenere la loro finzione, hanno rifiutato questo compromesso.

Invece, le autorità si sono impegnate in un modello di menzogna dimostrabile e di copertura, minacciando i medici coinvolti nei primi avvertimenti e limitando le informazioni. Il 3 gennaio 2020, quando la Cina ha formalmente riconosciuto l’epidemia di polmonite, le autorità hanno detto all’OMS che “non avevano idea di cosa la stesse causando”. In realtà, per allora, il nuovo coronavirus era stato sequenziato più volte – a cominciare da Vision Medicals il 27 dicembre 2019; BGI Genomics il 29 dicembre 2019; Wuhan Institute of Virology il 2 gennaio 2020; e il CDC della Cina il 3 gennaio 2020. Il 5 gennaio, un consorzio guidato dal professor Zhang Yongzhen della Fudan University di Shanghai lo ha sequenziato, depositato in GenBank, il database pubblico statunitense delle sequenze di DNA, presentato a Nature e condiviso con la Commissione Nazionale della Sanità cinese (NHC).

Eppure il governo cinese ha fatto finta di non avere ancora un indizio. Il 6 gennaio, la NHC ha fatto un briefing nazionale sulla polmonite di causa sconosciuta. Il 9 gennaio, come notizia dell’ultima ora, il NHC ha annunciato che un nuovo coronavirus era stato scoperto il 7 gennaio. Ma la Cina non ha condiviso la sequenza fino all’11 gennaio, e solo dopo che Zhang ha permesso di pubblicarla su Virologica, una piattaforma aperta.

Il 1° gennaio 2020, l’OMS ha chiesto formalmente alla Cina di verificare il focolaio. Invece di rispondere entro 24 ore come richiesto, il Wuhan Public Security Bureau ha riferito di aver “preso misure” contro otto “trasgressori della legge” e ha messo in guardia contro “la fabbricazione, la credenza o la diffusione di voci”. Smentendo le successive affermazioni che l’insabbiamento era limitato alle autorità locali, i media statali cinesi hanno pubblicizzato ampiamente questo avvertimento intimidatorio.

L’insabbiamento del governo cinese ha portato gli esperti dell’OMS a commettere errori fatali. Il 5 gennaio, l’OMS ha trasmesso le sue risicate informazioni ricevute da Pechino in un post intitolato “Polmonite di causa sconosciuta”. Gli esperti dell’OMS sapevano che mancava di dettagli, ma non che fosse una litania di bugie.

Il mercato dei frutti di mare come fonte sembrava plausibile, dato che la SARS è iniziata in un mercato di Guangzhou. Eppure, rispetto alla fauna esotica di Guangzhou, il mercato di Huanan era banale, più noto, casomai, per essere vicino alla stazione ferroviaria ad alta velocità di Wuhan.

Mentre il governo cinese negava la trasmissione da uomo a uomo, le sue azioni sul campo raccontavano una storia diversa. Il 31 dicembre, le autorità sanitarie hanno iniziato a trasferire tutti i casi noti e sospetti (59 in totale) al Wuhan Jinyintan Hospital. Nell’unità di malattie infettive, un cancello di ghisa ha tenuto fuori i membri della famiglia. All’interno, le guardie di sicurezza hanno impedito al personale medico di uscire. Anche se l’isolamento dei pazienti è una pratica standard per le malattie contagiose, chiudere il personale medico con i pazienti non lo è.

L’11 e il 12 gennaio, le autorità cinesi hanno detto all’OMS che non c’erano stati nuovi casi dal 3 gennaio, coerentemente con la loro affermazione che il mercato umido era la fonte di tutti i casi, dato che era stato chiuso dal 1 gennaio. Di nuovo, il governo ha insistito che non c’era infezione tra gli operatori sanitari o prove evidenti di diffusione umana. In realtà, almeno 20 operatori sanitari avevano già confermato il COVID-19, e altre decine erano state diagnosticate clinicamente, tra cui Li Wenliang, un giovane oculista che sarebbe diventato famoso per la sua tragica morte in seguito ai suoi primi avvertimenti. Ben prima di trovare una maschera N95 il 10 gennaio, è stato infettato da un paziente con glaucoma.

Il 13 gennaio, un alto funzionario dell’NHC ha informato una delegazione di esperti di Hong Kong, Macao e Taiwan che si stava verificando una trasmissione da uomo a uomo. Eppure il giorno dopo, quando la delegazione ha visitato l’ospedale Wuhan Jinyintan, il personale medico che curava i pazienti nel reparto di isolamento, descritto come la “zona sporca”, non indossava maschere o occhiali.

Lo stesso giorno, i funzionari sanitari cinesi hanno informato il governo che la diffusione umana era molto probabile. Alla conferenza stampa quotidiana dell’OMS, un virologo dell’OMS ha detto che una limitata diffusione umana, potenzialmente tra le famiglie, era possibile, aggiungendo “ma è molto chiaro in questo momento che non abbiamo una trasmissione sostenuta da uomo a uomo”. Non è chiaro se il commento dell’OMS sia dovuto alle limitate informazioni provenienti dal governo cinese, alla riluttanza a sfidare Pechino alla luce della sua influenza politica ed economica, o alla mediocrità scientifica.

È stato solo il 20 gennaio che Zhong Nanshan – un leader della salute pubblica cinese ampiamente rispettato – è stato tirato fuori per confermare ufficialmente la diffusione umana e l’infezione degli operatori medici. La sua ammissione ha spinto l’OMS a convocare un comitato di emergenza per considerare se l’epidemia costituisse un’emergenza di salute pubblica di interesse internazionale.

Eppure, quando il comitato si è riunito due giorni dopo, anche se più di 400 operatori sanitari avevano confermato casi di COVID-19, la Cina ha ammesso solo 16 casi, e l’emergenza non è stata dichiarata.

Il 28 gennaio, quando Tedros Ghebreyesus, il direttore generale dell’OMS, ha incontrato il presidente cinese Xi Jinping e ha chiesto il permesso per una missione guidata dall’OMS di visitare la Cina, l’accordo di Xi sembrava responsabile. Il 29 gennaio, quando la diagnosi di Li è emersa, il numero statico di 16 operatori sanitari infetti era rassicurante. Quando Li è morto, Pechino ha risposto alla protesta pubblica lanciando un’indagine sulle circostanze della sua punizione. Ma quella postura di contrizione ha solo rafforzato la fiducia nelle bugie di Pechino.

L’annuncio di Pechino del 14 febbraio che 1.716 operatori sanitari erano stati infettati ha inviato onde d’urto in tutto il mondo medico. Di questi, 230 persone erano personale dell’Ospedale Centrale di Wuhan, uno degli ospedali nell’epicentro dell’epidemia. Il 20 febbraio, al momento della missione congiunta OMS-Cina, il totale era salito a 2.055 casi.

Le autorità cinesi hanno fatto sfilare i partecipanti alla missione in varie città lontane da Wuhan e si sono preoccupate di impedire ai 12 membri internazionali approvati da Pechino di parlare con le loro controparti cinesi. Il penultimo giorno, i membri selezionati – senza alcun rappresentante degli Stati Uniti – hanno trascorso meno di 24 ore a Wuhan. Un itinerario accuratamente organizzato includeva l’ospedale Tongji e una clinica al Wuhan Sports Center. I principali ospedali di Wuhan – Centrale, Jinyintan e Union – così come il mercato e il laboratorio di biosicurezza di livello 4 erano tutti off-limits. Questo insabbiamento ha avuto echi della SARS, quando le autorità cinesi nascondevano attivamente i pazienti all’OMS, portandoli in giro in ambulanza mentre il team dell’OMS visitava gli ospedali.

Il rapporto della missione congiunta affermava che “la trasmissione all’interno delle strutture sanitarie e tra gli operatori sanitari non sembra essere una caratteristica di trasmissione importante” e tra le infezioni degli operatori sanitari, “la maggior parte sono state identificate all’inizio dell’epidemia a Wuhan, quando le forniture e l’esperienza con la nuova malattia erano inferiori”. Un rapporto del CDC cinese pubblicato il 17 febbraio ha contraddetto entrambe le affermazioni, così come l’esperienza precedente degli epidemiologi. Fingere inesperienza era implausibile, data la familiarità della Cina con la SARS. Altri luoghi che avevano sofferto la SARS – Hong Kong, Tailandia, Vietnam e Singapore – non avevano infezioni da COVID-19 o morti tra gli operatori sanitari a quel punto. Tutti questi posti hanno imposto l’uso di maschere.

Sulla base di dati distorti dal governo cinese, la missione congiunta ha falsamente rassicurato il mondo che non c’era un grande pericolo per gli operatori sanitari. In Italia, 16.991 operatori sanitari sono stati infettati in sei settimane. Mentre le autorità si concentravano sui test dei nuovi arrivati dalla Cina, il virus si diffondeva rapidamente e spesso silenziosamente tra gli italiani ignari. Gli ospedali sono diventati punti caldi e l’epidemia è esplosa. A metà aprile 2020, 206 operatori sanitari erano morti, tra cui 119 medici. I più vulnerabili erano i medici in pensione che erano stati reclutati di nuovo per aiutare ad affrontare la crisi.

Mettere a tacere i medici – l’anello debole negli sforzi della censura ufficiale – non è una novità. Nel 2010, l’India ha ridicolizzato il medico che per primo ha pubblicato sul NDM-1, il superbug resistente ai farmaci. Nel 2012, le autorità saudite hanno costretto all’esilio il medico che ha avvertito il mondo della MERS. Nel 2013, il governo siriano ha messo i medici che hanno dimostrato il ritorno della polio sulla lista “da far sparire”. Il governo cinese sta ancora punendo il chirurgo che ha parlato della SARS nel 2003.

Questa censura medica è particolarmente pericolosa perché i medici sono indispensabili per la sorveglianza delle minacce emergenti. Il ruolo dell’OMS include la sorveglianza globale delle minacce alla salute pubblica, ma come organizzazione delle Nazioni Unite, non ha il potere di inviare investigatori a un’epidemia senza il permesso del governo. I governi di tutto il mondo minimizzano le epidemie, temendo che il commercio sia danneggiato, che la legittimità sia compromessa, o che siano rivelati i buchi nel loro sistema sanitario. Questo rende i medici gli occhi della comunità internazionale, essenziali per proteggere tutti noi.

Il tentativo del governo cinese di insabbiare la SARS ha portato alla revisione del Regolamento Sanitario Internazionale e alla convinzione internazionale che Pechino avesse imparato la lezione. Ma l’unica lezione che le autorità del PCC sembrano aver imparato riguardava come coprire meglio le epidemie e manipolare le regole internazionali. Pechino, per esempio, è stata attenta a cooperare con l’OMS a sufficienza per evitare di essere chiamata in causa per la sua generale mancanza di onestà mentre nascondeva fatti chiave.

Rafforzare i regolamenti sanitari internazionali senza affrontare la propensione dei governi a coprire le pandemie è improbabile che faccia la differenza. Dopo l’insabbiamento della SARS da parte della Cina, l’allora direttore generale dell’OMS, Gro Harlem Brundtland, ha usato la sua influenza come ex primo ministro per rivedere quei regolamenti. Da allora, gli stati non hanno eletto un altro ex capo di stato come direttore generale.

Poiché l’OMS, come agenzia dell’ONU, ha una capacità limitata di criticare i governi, sarebbe utile stabilire un gruppo indipendente di esperti con il mandato di mettere in luce i governi che non rispettano i loro obblighi. Organismi simili sono abitualmente impiegati dal Consiglio dei Diritti Umani dell’ONU, e parlano senza l’inibizione che così spesso ostacola le agenzie dell’ONU.

L’insabbiamento di Pechino continua ancora oggi. Ha permesso ad una seconda missione guidata dall’OMS di entrare in Cina, ma le ha negato l’accesso ai dati essenziali sui primi pazienti registrati con il COVID-19, mentre la mandava a cercare di capire se l’epidemia potesse essere stata innescata dal virus che si era posato sul cibo congelato – una teoria diversiva per la quale non ci sono prove. Nel frattempo, l’itinerario della missione includeva una mostra a Wuhan di operatori sanitari ritratti nelle stesse maschere e protezioni che erano state negate per settimane.

I propagandisti che promuovono il controllo del COVID-19 da parte del governo cinese per giustificare il governo autoritario non colgono il difetto fatale: è proprio quel sistema autoritario di censura di partito e di copertura a tutti i costi che ha facilitato la diffusione del COVID-19 in primo luogo e gli ha permesso di diventare globale.

Quando il prossimo coronavirus emergerà – diciamo il COVID-XY – quali medici cinesi saranno abbastanza coraggiosi da denunciarlo? Quali scienziati saranno disposti a pubblicare la sequenza genetica? Questa volta, la Cina è costata a se stessa, e al mondo, l’unico sistema di allarme affidabile nel paese dove potrebbe essere più necessario.