Press "Enter" to skip to content

Olga Misik: l’adolescente che sfida Putin

Chi è Olga Misik? Potremmo definirla come una novella “Tiananmen teenager”, una giovanissima manifestante russa che osa opporsi nientemeno che a Putin.

Indossando un giubbotto protettivo, Olga si è seduta di fronte ai poliziotti antisommossa reggendo in grembo una copia della costituzione russa, che ha iniziato a leggere alla polizia pesantemente corazzata che la circondava. Alle loro spalle c’era una manifestazione che chiedeva elezioni trasparenti a Mosca, durante le quali diverse persone sono rimaste ferite.

Grazie ai social network, la foto è diventata virale in poco tempo Olga Misik, 17 anni, è diventata un simbolo del movimento democratico russo. Alcuni hanno paragonato al sua foto con quella del Tank Man cinese di Tiananmen Square che, da solo e armato solo della sua determinazione, bloccava il percorso di un carro armato a Pechino nel 1989.

“La situazione in Russia è estremamente instabile”, ha detto Olga in in’intervista alla BBC: “Le autorità sono evidentemente spaventate se spingono le forze armate di diverse parti del paese a colpire i manifestanti pacifici. E la mentalità della gente è cambiata”.

Mosca ha assistito a regolari proteste del fine settimana contro la squalifica di candidati indipendenti alle elezioni di settembre presso l’assemblea della città (Duma).  Le autorità, fedeli al presidente Vladimir Putin, hanno affermato che i candidati all’opposizione non sono riusciti a raccogliere abbastanza firme autentiche da registrare.

Olga – che spera di frequentare l’università statale di Mosca per studiare giornalismo a settembre – afferma che la sua protesta non riguardava solo le imminenti elezioni: doveva mettere in evidenza un allontanamento dalla costituzione post-sovietica, che valorizza i diritti del popolo russo. Lei non sostiene alcun partito politico: “Sono solo per me stessa e per il popolo. Ho un atteggiamento neutrale nei confronti di Navalny e degli altri leader dell’opposizione, ma sostengo ciò che stanno cercando di fare.”

Olga Misik è nata e cresciuta in un sobborgo di Mosca. Adora leggere ed è sempre stata affascinata dagli autori che parlano di futuri distopici e regimi autoritari, come George Orwell e Aldous Huxley, tra i suoi favoriti.

Il suo interesse per la politica si è acuito lo scorso autunno quando aveva 16 anni e guardava le proteste sui social media contro le proposte di innalzare l’età pensionabile da 55 a 60 anni per le donne e da 60 a 65 anni per gli uomini. Questo la spronò ad agire.

“Per quanto l’argomento sia lontano da me, ho percepito comnque una profonda ingiustizia” dice Olga. “Ero arrabbiata perché il presidente Putin aveva promesso che non lo avrebbe fatto e poi invece ha firmato il legge di legge nell’ottobre 2018.”

Olga sostiene di non essere affatto la tipica giovane donna del suo paese, anzi, non sono certo molte le donne in Russia che sono politicamente motivate, solo quelle che vogliono entrare nel giornalismo. “Sono l’eccezione, non la regola”.

Olga non teme che la sua schiettezza politica le danneggerà e la sua preoccupazione è, piuttosto, che avendo meno di 18 anni è ancora dipendente dal sostegno dei suoi genitori.

La mamma di Olga lo sostiene con orgoglio mentre suo padre, del tutto contrario ai suoi atteggiamenti, forse più per timore per le possibili ripercussioni per lei e tutta la famiglia piuttosto che per veri e propri ideali politici, ha temporaneamente interrotto i rapporti con lei.