Press "Enter" to skip to content

Novak Djokovic: la stella del tennis e la moglie positivi al COVID-19

Martedì Novak Djokovic è risultato positivo al coronavirus dopo aver preso parte a una serie di partite di tennis organizzate in Serbia e Croazia.

Il serbo numero 1 al mondo è il quarto giocatore a risultare positivo al virus e ciò è accaduto  dopo aver giocato a Belgrado e poi ancora lo scorso fine settimana a Zara. Anche sua moglie è risultata positiva.

“Nel momento in cui siamo arrivati ​​a Belgrado siamo andati alla prova. Il mio risultato è positivo, proprio come quello di Jelena, mentre i risultati dei nostri figli sono negativi”, ha dichiarato Djokovic in una nota.

Djokovic è stato criticato per l’organizzazione del torneo e per aver coinvolto giocatori di altri paesi in mezzo alla pandemia di coronavirus. Non sono state osservate misure di allontanamento sociale durante le partite in entrambi i paesi.

Il collega serbo Viktor Troicki ha detto martedì che a lui e alla moglie incinta è stato diagnosticato il virus. Il mondo attuale n. 19 Grigor Dimitrov, tre volte semifinalista del Grande Slam dalla Bulgaria, ha dichiarato domenica di essere risultato positivo. Il quarto giocatore a cui è stato diagnosticato il COVID-19 è stato Borna Coric (al 33 ° posto), che sabato ha giocato a Dimitrov a Zara.

Djokovic era il volto dietro l’Adria Tour, una serie di eventi espositivi iniziati nella capitale serba e poi trasferiti a Zara. Ha lasciato la Croazia dopo che la finale è stata cancellata ed è stato testato a Belgrado.

Ha detto che rimarrà in isolamento per 14 giorni e si è anche scusato con chiunque sia stato infettato a seguito della serie.

La star del tennis ha difeso le sue ragioni per tenere il torneo della scorsa settimana, nonostante il successivo scoppio del coronavirus.

“Tutto ciò che abbiamo fatto lo scorso mese, lo abbiamo fatto con cuore puro e intenzioni sincere. Il nostro torneo ha inteso unire e condividere un messaggio di solidarietà e compassione in tutta la regione”, ha affermato la sua dichiarazione.

Djokovic ha aggiunto che aveva lo scopo di aiutare i giocatori provenienti dall’Europa sud-orientale ad essere privati ​​del gioco competitivo durante la pandemia.

“Tutto è nato con un’idea filantropica, per indirizzare tutti i fondi raccolti verso le persone bisognose e mi ha scaldato il cuore vedere come tutti hanno risposto con forza a questo.

“Abbiamo organizzato il torneo nel momento in cui il virus si è indebolito, credendo che le condizioni per ospitare il Tour fossero state soddisfatte”, ha detto Djokovic.

“Sfortunatamente, questo virus è ancora presente ed è una nuova realtà che stiamo ancora imparando a far fronte e a convivere”.