Press "Enter" to skip to content

Meno di un anno per sviluppare un vaccino COVID: ecco perché non dovremmo essere allarmati

Continuo a sentire le persone parlare dei sette-dieci anni necessari per fare un vaccino e di quanto possa essere pericoloso accelerare questo processo. La parola che continua a comparire è “affrettata” e ciò rende la persona media nervosa per la sicurezza del vaccino. Quindi, come medico di studi clinici, ti dirò cosa ho fatto per la maggior parte di questi dieci anni – e non è molto.

Presento sovvenzioni, le faccio rifiutare, le sottopongo nuovamente, aspetto la revisione, le sottopongo nuovamente da qualche altra parte, a volte in un ciclo di sventura. Quando ho la fortuna di ottenere il finanziamento delle prove, passo mesi a sottopormi alle commissioni etiche. Aspetto le autorità di regolamentazione, mi occupo dei cambiamenti del personale presso la compagnia farmaceutica e di un “cambio di obiettivo” lontano dalle mie prove, e alla fine, se sono molto fortunato, passo il tempo a organizzare prove: trovare siti, siti di formazione, andare nel panico perché reclutamento è scarso, sta trovando più siti. Di solito ho più problemi di regolamentazione e, infine, se il mio grosso piatto di fortuna non si esaurisce, potrei avere una terapia praticabile – oppure no.

A questo punto, potrebbe subire ritardi a causa di problemi di redditività o di qualsiasi altro ostacolo. Non ho nemmeno intenzione di entrare negli anni normalmente necessari per portare a termine gli studi “preclinici”, quelli prima delle prove umane.
Dieci anni per sviluppare un vaccino sono una brutta cosa

Quindi la prossima volta che qualcuno esprime preoccupazione per la sorprendente velocità a cui sono avvenuti i test sui vaccini, fagli notare che dieci anni non sono una buona cosa, è una brutta cosa. Non sono dieci anni perché quello è sicuro, sono dieci anni duri di lotta contro l’indifferenza, gli imperativi commerciali, la fortuna e la burocrazia. Rappresenta barriere nel processo che ora abbiamo dimostrato di essere “facili” da superare. Hai solo bisogno di denaro illimitato, alcune persone intelligenti e altamente motivate, tutta l’infrastruttura di prova del mondo, un pool quasi illimitato di volontari di prova altruisti e meravigliosi e alcuni regolatori ragionevoli.

Con tutto questo e il ticchettio dell’orologio su una pandemia globale che uccide le persone al secondo, si scopre che possiamo fare cose incredibili. Le sperimentazioni sui vaccini sono state a dir poco un miracolo. Una rivoluzione nel modo in cui facciamo le prove che a pensarci bene forse non sorprende vista la nostra capacità di innovare quando ne abbiamo davvero bisogno.

E abbiamo davvero bisogno di – necessità essere la madre dell’invenzione. La sicurezza non è stata compromessa. Tutti gli studi hanno superato le “fasi” o il processo corretto di qualsiasi normale farmaco o vaccino. Centinaia di migliaia dei migliori di noi si sono offerti volontari e hanno ricevuto un vaccino sperimentale. Il mondo osservava così attentamente che quando una sola persona si ammalava, ne discutevamo tutti.

Ad oggi, non c’è stato un singolo decesso associato correlato ai vaccini COVID e solo una manciata di eventi potenzialmente gravi. Immagina di guardare tutti in una piccola città per sei mesi e riferire ogni singolo infarto, ictus, condizione neurologica o qualsiasi cosa che possa essere giudicata seria. Quanto è sorprendente questo? È stato un trionfo della scienza medica.

Non ho nemmeno accennato alla fortunata confluenza del tempismo che significa che tutto questo è accaduto in un momento in cui il sequenziamento di tutti i geni in una persona o in un virus è così di routine che nessuno fa una piega. Questo sovralimentò la prima scienza preclinica necessaria come pietra miliare di diverse nuove tecnologie al punto giusto da sfruttare.

In questo momento, tre vaccini hanno già rotto la copertura e hanno dimostrato un’efficacia superiore a quanto avessimo mai sperato. Il livello è stato fissato dai regolatori intorno al 50%. Sia Moderna che Pfizer hanno riportato un’efficacia del 95% e l’Università di Oxford ha riportato un’efficacia del 90% per un particolare regime di dosaggio. I dati sulla sicurezza devono ancora seguire, ma il track record dei vaccini è eccellente e sono ottimista.

Niente di tutto questo per minimizzare le sfide ancora da affrontare. Inoltre, non vuol dire che i vaccini siano privi di domande sulla sicurezza ancora senza risposta. Tuttavia, è stato un trionfo di un buon processo e di grandi persone. Sono fiducioso che quando le autorità di regolamentazione esaminano attentamente i dati di sicurezza ed efficacia, seguiti da vicino da ogni scienziato interessato nel mondo, i vaccini verranno utilizzati solo se i loro benefici superano chiaramente i rischi – e anche tu dovresti essere fiducioso.