Press "Enter" to skip to content

Lula scagionato: il ritorno del presidente

La Corte Suprema brasiliana ha annullato le condanne per corruzione che hanno tenuto Luiz Inácio Lula da Silva, il presidente del Brasile dal 2003-2010, fuori dalla politica dal 2018. La decisione a sorpresa significa che da Silva, comunemente noto come Lula, è ora autorizzato a candidarsi, scuotendo il panorama politico in vista delle elezioni presidenziali del 2022.

Il presidente Jair Bolsonaro ha cercato di minimizzare la notizia della ritrovata libertà politica di Lula. “Penso che il popolo brasiliano non voglia nemmeno un candidato del genere nel 2022, tanto meno pensare alla sua possibile elezione”, ha detto lunedì, aggiungendo che l’amministrazione di Lula è stata “catastrofica”.

Se Lula dovesse ricandidarsi, la sentenza è una minaccia diretta alle possibilità di rielezione di Bolsonaro. Lula aveva condotto nei sondaggi nella campagna elettorale del 2018 prima che la sua prima condanna per corruzione impedisse la sua candidatura. Un sondaggio condotto da O Estado de S. Paulo la scorsa settimana ha rilevato che Lula è l’unico candidato nel campo attuale che potrebbe battere Bolsonaro: il 50% ha detto che “certamente” o “potrebbe” votare per Lula contro il 38% per Bolsonaro.

Ce l’hai ancora? I risultati di quel sondaggio, anche se positivi per Lula, illustrano come anni di indagini sulla corruzione hanno offuscato la reputazione dell’ex leader sindacale dal 2011, quando ha lasciato l’incarico con un indice di approvazione superiore all’80% (l’indice di approvazione di Bolsonaro è attualmente del 40%). Allora, il Brasile stava godendo di un boom delle materie prime, e il tasso di disoccupazione era circa la metà di quello attuale. In una riunione del G-20, l’allora presidente degli Stati Uniti Barack Obama si riferì a Lula come “il politico più popolare sulla terra”.

La polarizzazione dell’elettorato brasiliano indica anche che una vittoria di Lula nel 2022 è tutt’altro che garantita. Oltre a ricevere i voti più alti nel sondaggio di O Estado de S. Paulo, ha anche ricevuto alte valutazioni negative; il 44% degli intervistati ha detto che non avrebbe mai votato per Lula. Nello stesso sondaggio, il 56% ha detto che non avrebbe mai votato per Bolsonaro.

Spazio al centro? La scelta tra due estremi potrebbe alimentare l’ascesa dei candidati centristi con l’avvicinarsi dell’ottobre 2022. La freschezza della pandemia di coronavirus nella mente degli elettori determinerà se Luiz Henrique Mandetta, un ministro della salute diventato un feroce critico di Bolsonaro, o João Doria, il governatore dello stato di San Paolo che ha assicurato i vaccini cinesi Sinovac, potrebbe rimanere sotto i riflettori abbastanza a lungo per montare una sfida seria.

Nonostante le battaglie politiche future, una presidenza Lula potrebbe essere una buona notizia per l’economia del Brasile. Un’amministrazione Lula potrebbe essere un attore economico “più ‘razionale’ per quanto riguarda i mercati”, ha detto Osborn. “Ma tutto dipende se è il Lula del 2002 o il Lula del 1989”.