Press "Enter" to skip to content

L’OMS avverte: la pandemia accelera. In Brasile oltre un milione di infezioni

La pandemia di coronavirus sta “accelerando”, ha avvertito l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS).

Il direttore generale dell’OMS ha detto ai giornalisti venerdì che nelle ultime 24 ore sono stati registrati più di 150.000 nuovi casi di COVID-19, con il numero più alto di nuove infezioni per singolo giorno registrato.

Quasi la metà dei casi recentemente segnalati proveniva dalle Americhe, con il Brasile che ha annunciato di aver superato un milione di casi, ma un numero significativo è arrivato anche dall’Asia meridionale e dal Medio Oriente.

In Africa – dove il numero di infezioni da coronavirus ha superato di recente 200.000 – solo il Sudafrica rappresenta circa il 30% dei casi del continente – solo secondo in Egitto per numero di decessi, nonostante abbia imposto uno dei più severi blocchi al mondo. Venerdì, il paese ha segnalato 4.000 nuovi casi COVID-19.

“Il mondo è in una nuova e pericolosa fase”, ha dichiarato Tedros Adhanom Ghebreyesus, aggiungendo che misure di confinamento, come il distanziamento sociale, l’uso della maschera e il lavaggio delle mani, sono ancora necessarie per fermare la pandemia.

Coronavirus: i decessi del Brasile superano quelli del Regno Unito, in quanto America Latina, India e Africa sono i nuovi punti di forza

Ha anche affrontato le sue preoccupazioni per “il pericolo reale e attuale della diffusa trasmissione di COVID-19 nei campi profughi, dove la pandemia” sta esponendo molti rifugiati a difficoltà ancora più gravi”.

“Abbiamo il dovere comune di fare tutto il possibile per prevenire, rilevare e rispondere alla trasmissione di COVID-19 tra le popolazioni di rifugiati”, ha sottolineato Ghebreyesus.

Più di 8,6 milioni di casi sono stati segnalati in tutto il mondo dall’inizio della pandemia e più di 460.000 vite sono state perse, secondo il Centro risorse Coronavirus Johns Hopkins.

Gli Stati Uniti rimangono il paese più colpito, con 119.000 morti, seguito dal Brasile, con quasi 49.000 morti.

Non esiste ancora un vaccino per il coronavirus, tuttavia questa settimana gli scienziati del Regno Unito hanno scoperto che uno steroide a basso costo chiamato desametasone può ridurre la mortalità fino a un terzo nei pazienti COVID-19 con gravi complicazioni respiratorie.