Press "Enter" to skip to content

L’Italia riapre le frontiere

L’Italia ha riaperto i suoi confini ai viaggiatori europei mercoledì mentre il paese tenta di salvare la sua industria turistica ridotta allo stremo.

Un grave blocco a livello nazionale è stato imposto in Italia a marzo, quando il paese è emerso come un hotspot globale per la pandemia di coronavirus. Ora si affronta la sfida di invogliare i visitatori, poiché le festività estive costituiscono una possibile via verso una sorta di ripresa economica. L’Italia sta attualmente affrontando la peggiore recessione dalla seconda guerra mondiale.

Oltre a riaprire i suoi confini ai viaggiatori europei, sono state revocate le restrizioni ai movimenti tra le regioni. I voli internazionali dovrebbero riprendere in sole tre città principali: Milano, Roma e Napoli. Tuttavia, si teme che i flussi turistici provenienti da diversi paesi vicini quest’anno non riprenderanno affatto.

La Svizzera prevede di aprire i suoi confini a Germania, Francia e Austria il 15 giugno, ma la frontiera rimarrà chiusa all’Italia. Ai cittadini è stato detto che coloro che viaggiano in Italia saranno soggetti a “misure sanitarie” al loro ritorno.

Nella stessa data l’Austria aprirà i suoi confini con Germania, Svizzera, Repubblica Ceca, Slovacchia e Ungheria – ma con l’Italia. La scorsa settimana il suo ministro della sanità ha definito l’Italia un “punto caldo”.

Non trattate l’Italia “come un paese lebbroso” ha protestato Di Maio che ha annunciato che visiterà Germania, Slovenia e Grecia questo fine settimana per convincerli che l’Italia è un paese sicuro per i turisti. Dovrà anche ricevere il suo omologo francese Jean-Yves Le Drian mercoledì.

Più di 33.500 persone sono state confermate morte per COVID-19 in Italia dall’inizio dell’epidemia, attualmente il terzo bilancio delle vittime più alto del mondo dopo il Regno Unito e gli Stati Uniti.

Chi arriva in Italia dall’Europa non dovrà più essere messo in quarantena.