Press "Enter" to skip to content

Le reazioni dopo l’intervista del principe Harry e della consorte Meghan

L’intervista televisiva esplosiva del principe Harry e Meghan ha diviso le persone in tutto il mondo lunedì, scuotendo un’istituzione che sta lottando per modernizzarsi con affermazioni di razzismo e insensibilità verso una donna che lotta con pensieri suicidi.

Durante le due ore di apparizione con Oprah Winfrey, Harry ha anche rivelato che i problemi hanno rotto le relazioni con suo padre, il principe Carlo, e suo fratello, il principe William, illuminando la profondità delle divisioni familiari che hanno portato la coppia ad allontanarsi dai doveri reali e trasferirsi in California l’anno scorso.

Il palazzo non ha ancora risposto all’intervista, in cui Meghan ha descritto il sentirsi così isolata e infelice all’interno della famiglia reale da avere pensieri suicidi e ha detto che un membro della famiglia aveva “preoccupazioni” sul colore della pelle del suo bambino non ancora nato.

Il membro della famiglia non era la regina Elisabetta II o il principe Filippo, secondo Harry, scatenando una raffica di speculazioni su chi potesse essere.

Ai leader di tutto il mondo è stato chiesto dell’intervista, e i cittadini di molti paesi hanno avuto un’opinione.

Ad Accra, in Ghana, Devinia Cudjoe ha detto che sentire che un membro della famiglia reale era preoccupato per il colore della pelle di un bambino non ancora nato era un insulto alla gente del Commonwealth, il raggruppamento della Gran Bretagna e delle sue ex colonie che è guidato dalla regina.

“Questo è puro razzismo”, ha detto Cudjoe. “Il Commonwealth dovrebbe promuovere l’unità, l’unità tra i neri e tra i bianchi. Ma se stiamo sentendo cose come questa… penso che sia sotto la cintura”.

A Nairobi, in Kenya, Rebecca Wangare ha definito Meghan “un’icona del 21° secolo di una donna forte. Ha affrontato il razzismo a testa alta”.

Asma Sultan, una giornalista di Karachi, Pakistan, ha detto che l’intervista “offuscherà l’immagine della famiglia reale”.

“C’è così tanta polemica dalla morte di Diana, quindi è un nuovo vaso di Pandora che viene aperto”, ha detto.

Il primo ministro britannico Boris Johnson ha rifiutato di commentare l’intervista, lodando la regina ma dicendo che “quando si tratta di questioni che hanno a che fare con la famiglia reale la cosa giusta da dire per un primo ministro è niente”.

Alla domanda se il presidente degli Stati Uniti Joe Biden e sua moglie Jill hanno avuto qualche reazione all’intervista, la portavoce della Casa Bianca Jen Psaki ha detto che la decisione di Meghan di parlare delle sue lotte con la salute mentale “richiede coraggio” e “è certamente qualcosa in cui il presidente crede”. Ma ha detto che non avrebbe offerto ulteriori commenti sulla situazione “dato che si tratta di privati cittadini che condividono la loro storia e le loro lotte”.

L’ex primo ministro australiano Malcolm Turnbull ha detto che l’intervista ha rafforzato la sua argomentazione per l’Australia di rompere i suoi legami costituzionali con la monarchia britannica. Turnbull ha incontrato la coppia nell’aprile 2018, quattro mesi prima di essere sostituito dall’attuale primo ministro Scott Morrison in una lotta di potere interna al governo conservatore.

“È chiaramente una famiglia infelice, o almeno Meghan e Harry sono infelici. Sembra molto triste”, ha detto Turnbull all’Australian Broadcasting Corp. “Dopo la fine del regno della regina, quello è il momento per noi di dire: Ok, abbiamo superato quello spartiacque. Vogliamo davvero avere chiunque sia il capo di stato, il re o la regina del Regno Unito, automaticamente il nostro capo di stato?

Il monarca della Gran Bretagna è il capo di stato dell’Australia. Turnbull è stato uno dei principali sostenitori della scelta di un cittadino australiano come capo di stato quando era presidente dell’Australian Republican Movement dal 1993 al 2000.

La notizia dell’intervista è stata riportata dai media statali cinesi, compresa l’edizione d’oltremare del quotidiano di punta del Partito Comunista al potere, il People’s Daily, ed è stata ampiamente discussa sulla popolare piattaforma di social media Weibo.

Le accuse sono particolarmente dannose perché molti osservatori speravano che Harry e Meghan, che è birazziale, avrebbero aiutato la monarchia legata alla tradizione a relazionarsi con una nazione sempre più multiculturale. Nei primi giorni del loro matrimonio, Harry e Meghan si sono uniti a William e sua moglie, Catherine, nel proiettare un’immagine glamour ed energica per i giovani reali.

Quella collaborazione è stata interrotta quando Harry e Meghan hanno lasciato il paese, dicendo che volevano guadagnarsi da vivere da soli e sfuggire a quella che hanno definito una copertura invadente e razzista da parte dei media britannici.

Ma l’intervista ha portato le critiche nel palazzo stesso, con la coppia che ha rivolto accuse di razzismo a un membro non identificato della famiglia reale.

Meghan ha detto che quando era incinta di suo figlio, Archie, Harry le ha detto che la famiglia reale aveva avuto “preoccupazioni e conversazioni su quanto potrebbe essere scura la sua pelle quando nascerà”.

Harry ha confermato la conversazione, dicendo: “Sono rimasto un po’ scioccato”. Ha detto che non ha voluto rivelare chi ha fatto il commento. Winfrey ha poi detto che Harry le ha detto che il commento non proveniva dalla regina Elisabetta II o dal principe Filippo, i suoi nonni.

Meghan, 39 anni, ha riconosciuto di essere stata ingenua all’inizio della sua relazione con Harry e impreparata per le restrizioni della vita reale. Un’attrice di successo prima del suo matrimonio, ha detto di essersi imbrigliata nella natura di controllo dell’essere reale, contorcendosi all’idea di dover vivere alle condizioni stabilite dal personale del palazzo. Questo è stato aggravato dal fatto che lo staff si è rifiutato di aiutarla quando ha affrontato gli attacchi razzisti dei media e dei troll di internet, ha detto.

La situazione è diventata così difficile che ad un certo punto “non volevo più essere viva”, ha detto Meghan alla Winfrey.

Ma quando ha cercato aiuto attraverso il dipartimento delle risorse umane del palazzo, le è stato detto che non c’era nulla che potesse fare perché non era una dipendente, ha detto Meghan.

Le implicazioni dell’intervista – che è stata trasmessa domenica sera negli Stati Uniti e andrà in onda in Gran Bretagna lunedì sera – stanno solo cominciando ad essere comprese. Emily Nash, redattore reale di Hello! Magazine, ha detto che le rivelazioni hanno lasciato lei e molti altri spettatori “scioccati”.

“Non vedo come il palazzo possa ignorare queste accuse, sono incredibilmente serie”, ha detto. “Avete le accuse di razzismo. Poi hai anche l’affermazione che Meghan non è stata sostenuta, e che ha cercato aiuto anche dal team delle risorse umane all’interno della casa e le è stato detto che non poteva cercare aiuto”.

I reali più giovani hanno fatto della campagna per il sostegno e la consapevolezza della salute mentale una delle loro priorità. Ma Harry ha detto che la famiglia reale non era assolutamente in grado di offrire quel sostegno ai propri membri.

La famiglia ha questa mentalità del tipo: “È così che va, è così che deve andare, non si può cambiare, ci siamo passati tutti”, ha detto Harry.
La coppia aveva affrontato severe critiche nel Regno Unito prima dell’intervista. Il principe Filippo, 99 anni, è in un ospedale di Londra per riprendersi da un intervento al cuore, e i critici hanno visto la decisione di andare avanti come un peso per la regina – anche se la CBS, piuttosto che Harry e Meghan, ha dettato i tempi della trasmissione.
Negli Stati Uniti, la simpatia per la coppia si è riversata. La star del tennis Serena Williams, un’amica che ha partecipato al matrimonio di Harry e Meghan, ha detto su Twitter che le parole della duchessa “illustrano il dolore e la crudeltà che ha vissuto”.

“Le conseguenze sulla salute mentale dell’oppressione sistemica e della vittimizzazione sono devastanti, isolanti e troppo spesso letali”, ha aggiunto la Williams.

La Gran Bretagna potrebbe essere meno indulgente una volta che l’intervista completa sarà trasmessa, dal momento che alcuni vedono la coppia come mettere la felicità personale davanti al dovere pubblico.

Meghan – allora conosciuta come Meghan Markle, che aveva recitato nel dramma legale americano “Suits” – ha sposato Harry al castello di Windsor nel maggio 2018.

Ma anche questo non era quello che sembrava: La coppia ha rivelato nell’intervista che si sono scambiati i voti davanti all’arcivescovo di Canterbury Justin Welby tre giorni prima della loro spettacolare cerimonia di nozze al castello.

Archie è nato l’anno seguente e in un raro momento positivo nell’intervista, la coppia ha rivelato che il loro secondo figlio, previsto per l’estate, sarà una bambina.

Harry ha detto di aver vissuto nel timore che si ripetesse il destino di sua madre, la principessa Diana, che fu coperta costantemente dalla stampa e morì in un incidente d’auto a Parigi nel 1997 mentre era inseguita dai paparazzi.

“Quello che stavo vedendo era la storia che si ripeteva, ma sicuramente molto più pericolosa – perché poi si aggiunge la razza e i social media”, ha detto Harry.

Sia Meghan che Harry hanno lodato il sostegno che hanno ricevuto dalla monarca.

“La regina è sempre stata meravigliosa con me”, ha detto Meghan.

Ma Harry ha rivelato che attualmente ha un cattivo rapporto con William e ha detto che le cose sono andate così male con suo padre che a un certo punto il principe Carlo ha smesso di rispondere alle sue chiamate.

“C’è molto su cui lavorare”, ha detto Harry di suo padre. “Mi sento davvero deluso. Ha passato qualcosa di simile. Sa come ci si sente a soffrire. E Archie è suo nipote. Gli vorrò sempre bene, ma c’è molto dolore che è successo”.