Press "Enter" to skip to content

Le aziende cosmetiche contro il razzismo

Aziende cosmetiche per rimuovere parole come “giusto” e “sbiancamento” dai prodotti per la pelle

Molte aziende cosmetiche stanno ripensando le loro strategie per commercializzare i prodotti per la pelle, rimuovendo le parole che fanno riferimento alla razza o al candore in mezzo a una maggiore consapevolezza del razzismo sistemico.

Alcuni sostengono che sia contraddittorio per le aziende che hanno promosso prodotti equi per la pelle e lo sbiancamento della pelle, mentre altri accolgono favorevolmente piccoli cambiamenti che arrivano sul tallone delle proteste di massa negli Stati Uniti e un movimento di denuncia attiva del razzismo.

Il colosso cosmetico francese L’Oréal ha annunciato che avrebbe rimosso parole come “sbiancamento” o “giusto” dai prodotti:

La società ha dichiarato in una dichiarazione di aver “deciso di rimuovere le parole bianco / sbiancante, correttezza / correttezza, luce / alleggerimento da tutti i suoi prodotti per la pelle della sera”.

L’Oréal recentemente è stato oggetto di pesanti critiche da parte della modella britannica Munroe Bergdorf per la dichiarazione della società che condanna il razzismo e sostiene il movimento Black Lives Matter. Ha spiegato che la compagnia l’aveva licenziata nel 2017 per aver parlato del razzismo sistemico.

“Mi hai abbandonato da una campagna nel 2017 e mi hai lanciato ai lupi per aver parlato del razzismo e della supremazia bianca. Senza dovere, senza pensarci due volte”, ha twittato il 1 ° giugno.

“Ho dovuto badare a me stesso per essere lacerato dalla stampa mondiale perché NON volevi parlare di razzismo. NON puoi farlo. NON va bene, neanche minimamente … Dov’era il mio sostegno quando ho parlato? ”

Bergdorf ora è stato assunto di nuovo dopo che il presidente britannico L’Oréal, Delphine Viguier, si è scusato per come è stata gestita la situazione.

Bergdorf è stato il primo modello transgender per il marchio e farà parte del comitato consultivo per la diversità e l’inclusione nel Regno Unito.

Altri marchi di cosmetici, nel frattempo, hanno adottato misure simili per cambiare il loro linguaggio di marketing.

La filiale indiana di Unilever “Hindustan Unilever” ha dichiarato la scorsa settimana che avrebbero rinominato la loro linea di cosmetici “Fair & Lovely”.

“Stiamo rendendo il nostro portafoglio di prodotti per la cura della pelle più inclusivo e desideriamo guidare la celebrazione di un ritratto più diversificato della bellezza”, ha affermato Sanjiv Mehta, Presidente e Amministratore delegato di Hindustan Unilever, che ha sede a Mumbai.

Johnson & Johnson hanno preso una decisione simile sui prodotti sbiancanti per la pelle commercializzati in Asia e Medio Oriente, secondo quanto riportato dai media statunitensi la scorsa settimana.

Ma alcuni hanno messo in dubbio la decisione di cambiare la lingua ma mantenere i prodotti:

“Se capisco correttamente il gruppo L’Oréal sta rimuovendo le parole” bianco / sbiancante “dai suoi prodotti ma continuando a vendere questi prodotti destinati a schiarire la pelle marrone e nera”, ha twittato la giornalista francese Rokhaya Diallo.

“Quindi va bene continuare a fare soldi per questo disastro?”