Press "Enter" to skip to content

L’Australia sotto “attacco cibernetico”

Il primo ministro australiano Scott Morrison ha dichiarato che il paese è sotto attacco informatico.

“Questa attività si rivolge alle organizzazioni australiane in una vasta gamma di settori, compresi tutti i livelli di governo, industria, organizzazioni politiche, istruzione, sanità, fornitori di servizi essenziali e operatori di altre infrastrutture critiche”, ha detto venerdì ai giornalisti.

Ha affermato che la frequenza degli attacchi è aumentata “per molti mesi”, aggiungendo che queste azioni sono condotte “da un attore statale con capacità significative”.

Anche se non ne ha nominato nessuno in particolare, ha affermato che “non ci sono troppi attori statali” con “quelle capacità”.
Il primo ministro ha invitato le organizzazioni coinvolte in sanità, infrastrutture critiche e servizi essenziali per rafforzare le difese tecniche per contrastare la minaccia.

L’Australian Cyber ​​Security Centre e il Dipartimento degli Affari interni hanno pubblicato venerdì una consulenza tecnica su come le organizzazioni possono rilevare e mitigare tali attacchi.

Morrison non ha commentato alcuna speculazione sul nome dell’attaccante.

“L’Australia non si impegna alla leggera nell’attribuzione pubblica”. ha affermato, aggiungendo tuttavia che “non può controllare in quali speculazioni potrebbero impegnarsi gli altri su questo tema”.

Fino ad oggi, l’Australia non aveva scoperto alcuna “violazione dei dati personali su larga scala”, secondo Morrison, che secondo quanto riferito ha parlato della questione durante la notte con il primo ministro britannico Boris Johnson.