Press "Enter" to skip to content

La Svizzera dice stop al burka

In Svizzera, demonizzare l’Islam, i musulmani e gli immigrati come ostili ai diritti umani e alla libertà di espressione, di religione e di orientamento sessuale è stato a lungo un pilastro della strategia elettorale dell’SVP, così come quella di altri partiti conservatori nazionali populisti come l’Unione Democratica Federale Svizzera e la Lega dei Ticinesi. Poiché questa fissazione ha contribuito a innumerevoli vittorie elettorali della SVP – trasformandola in uno dei partiti più potenti del paese – altri hanno adottato la sua strategia.

Anche nei circoli di sinistra c’è ora una narrativa che sostiene che l’Islam viola le norme e le pratiche democratiche. Molti svizzeri di sinistra credono che i musulmani siano particolarmente suscettibili all’uso della violenza o del terrorismo, e che cerchino di creare una società basata sulla religione come pilastro dell’ordine sociale, culturale e politico. A Ginevra, l’estrema sinistra è divisa tra i sostenitori di un’interpretazione dura della laicità, come il Partito Svizzero del Lavoro e i suoi partner di coalizione, e quelli che sostengono un modello aperto e inclusivo che riconosce il multiculturalismo, come il partito della Solidarietà.

Il nascente dibattito svizzero sulla laicità rispecchia quello del suo più affermato vicino francese. In Francia, la promozione della laïcité – il marchio francese di laicità – è diventato un grido di battaglia per l’élite politica e intellettuale che vuole cancellare la visibilità dei musulmani e imporre l’assimilazione sotto la maschera della neutralità legale.

Una volta uno strumento liberale che proteggeva la libertà religiosa e la libertà di coscienza, la laïcité è stata armata per colpire le espressioni pubbliche dell’Islam che sono considerate incompatibili con i valori francesi, per quanto vagamente definiti. Negli ultimi anni, sia la destra che la gauche laïcarde (la sinistra secolarista) hanno espresso il loro sostegno per una comprensione più restrittiva e ristretta della laïcité che effettivamente fa scomparire i musulmani religiosi – specialmente le donne – dagli spazi pubblici.

Mantenere “l’Islam politico” mal definito è una manna per gli islamofobici. Il dibattito francese sulla laicité e l’abbigliamento islamico ha raggiunto un punto febbrile nell’estate del 2016, quando diverse città in Francia hanno vietato di indossare il burkinis. I divieti, che da allora sono stati annullati dal Consiglio di Stato, sono stati introdotti come uno sforzo ostensibile per frenare “l’Islam politico”. All’epoca, l’ex presidente Nicolas Sarkozy denunciò i costumi da bagno a copertura totale come una “provocazione” a sostegno dell’Islam radicale. Allo stesso modo, in Svizzera, il nuovo divieto del burqa è stato vinto attraverso allusioni allo spettro dell'”Islam politico”. In tutta Europa, il termine si è dimostrato un’arma elettorale efficace

Il problema è che “l’Islam politico” è una nozione vaga che può significare praticamente qualsiasi cosa quando si allude al mantra della lotta al terrorismo. Per alcuni, indossare un indumento religioso musulmano visibile, mangiare cibo halal o semplicemente avere credenze sociali conservatrici è considerato un passo troppo lungo. Di conseguenza, le autorità possono interpretare un mandato contro “l’Islam politico” in modo molto ampio, il che può portare alla limitazione delle libertà civili. Il nuovo controverso progetto di legge della Francia “che rafforza i principi repubblicani”, che mira a combattere il “separatismo”, è un caso emblematico.

Mantenere l'”Islam politico” mal definito è anche una manna per gli islamofobici. Le iniziative dell’SVP hanno avuto successo in gran parte perché il partito è stato in grado di convincere ampie fasce di pubblico che i musulmani che scelgono di rendere visibile la loro presenza semplicemente praticando la loro religione – sia costruendo un minareto o indossando un burqa – stanno cercando di “islamizzare” la popolazione svizzera. Poi arrivano i referendum che mirano a cancellare ogni segno di presenza musulmana in Svizzera, con l’implicazione che i musulmani devono rimanere invisibili per inserirsi nella società svizzera. Ma questi divieti creano un paradosso inevitabile: prendere di mira i musulmani li rende ancora più visibili, contribuendo solo a un aumento del razzismo e dell’islamofobia. Il processo è ciclico.

Mentre i musulmani sono presi di mira come collettivo, le donne musulmane velate sopportano il peso dell’oltraggio islamofobico – incorniciate come vittime di norme patriarcali o che seguono ciecamente i dettami religiosi. Ma lungi dal liberare, i divieti di burqa e burkini spesso servono solo a escludere le donne musulmane dalla vita pubblica. Autorità, politici, opinionisti e certi gruppi di femministe sostengono di voler “liberare” le donne musulmane senza includerle in questo processo. E se queste donne parlano, c’è una sfiducia sistematica nella vera libertà della loro scelta, e quindi nella loro autonomia morale.

In tutto questo, è importante ricordare che il numero di donne musulmane che nascondono il loro volto rimane esiguo in Europa. Nel 2009, il giornale francese Le Figaro ha stimato che solo 2.000 donne in Francia, su una popolazione francese di 65 milioni, portavano il velo per motivi religiosi o filosofici. In Svizzera, con 8,5 milioni di abitanti, questo numero è stimato tra 21 e 37. Sono frazioni così piccole che si registrano a malapena su una calcolatrice.

Se l’insignificanza statistica della popolazione europea vestita di burqa sembra sorprendente, è perché i partiti anti-musulmani di tutto lo spettro politico hanno gonfiato con successo la popolazione musulmana per provocare paura negli elettori. In un sondaggio del 2017 condotto da Tamedia, una società di media svizzera, gli intervistati hanno stimato – in media – che i musulmani costituiscono il 17,2% della popolazione svizzera. In realtà, secondo l’Ufficio federale di statistica, questo numero è del 5,1%.

Oltre al divieto del burqa, è difficile pensare a un altro caso in cui il pubblico sosterrebbe un’iniziativa del governo che si rivolge a così poche persone. Ma ha senso in un clima in cui il successo politico dipende dalla paura di convincere gli elettori che la “cultura tradizionale” dell’Europa (qualunque essa sia) è in declino.

Quello che l’Europa deve riconoscere è che l’ipersicurezza dell’Islam porterà solo a una segregazione più radicata, mettendo così in pericolo i valori liberali che sostiene di rappresentare. Il divieto del burqa in Svizzera è la prova che il continente deve ancora vedere i suoi cittadini musulmani come pienamente capaci di autonomia e autodeterminazione e in grado di formulare la propria volontà politica. Se l’Europa vuole davvero salvarsi dal declino culturale, riconoscere i musulmani come cittadini a pieno titolo è il punto di partenza.