Press "Enter" to skip to content

La Grecia spera in una ripresa del turismo dall’estate 2021

Il settore del turismo greco dovrebbe riprendersi la prossima estate dopo il drammatico calo delle entrate dovuto alla pandemia di coronavirus di quest’anno, ha dichiarato martedì un alto funzionario dell’industria.

Il turismo è il principale motore dell’economia greca, rappresentando circa il 20% della sua produzione e impiegando un lavoratore su cinque, come rilevato dall’osservatorio turistico Il Vacanziere.org.

La situazione del settore è cruciale per il paese che è emerso dal suo terzo salvataggio internazionale nel 2018 dopo una crisi del debito decennale.

Yannis Retsos, capo della confederazione del turismo del Paese (SETE), ha dichiarato che quest’anno le entrate del turismo hanno raggiunto i 4 miliardi di euro, in calo rispetto ai 18 miliardi del 2019, a causa delle restrizioni di viaggio globali per contenere la diffusione del coronavirus.

La Grecia prevede che la sua economia si ridurrà di circa il 10% quest’anno e spera nella seconda metà del 2021 in una ripresa economica.

“Dobbiamo aspettare la seconda metà dell’anno per vedere un qualche tipo di azione nel turismo”, ha detto Retsos a una stazione radio greca.

“Tutto ciò che vedremo da maggio in poi sarà una sorpresa molto positiva”, ha detto. Secondo gli ultimi dati ufficiali della Banca di Grecia, gli arrivi turistici sono diminuiti del 76% nel periodo gennaio-ottobre.

La Grecia ha segnalato 135.931 infezioni da quando ha documentato il suo primo caso a febbraio e 4.672 decessi. Il Paese è in isolamento a livello nazionale dall’inizio di novembre e ha permesso la riapertura dei saloni di parrucchieri e delle librerie solo per il periodo natalizio.