Press "Enter" to skip to content

La Cina sanziona gli Stati Uniti e i funzionari canadesi sullo Xinjiang

La Cina ha annunciato nuove sanzioni contro funzionari statunitensi e canadesi in una crescente faida politica ed economica sulle sue politiche nella regione tradizionalmente musulmana dello Xinjiang.

Una dichiarazione del Ministero degli Esteri di sabato ha detto che il capo della Commissione degli Stati Uniti per la libertà religiosa internazionale, Gayle Manchin, non potrà visitare la Cina continentale, Hong Kong o Macao, e avere rapporti con entità finanziarie cinesi.

Anche il vicepresidente della commissione, Tony Perkins, è stato incluso nella lista delle sanzioni, insieme al deputato canadese Michael Chong e alla sottocommissione per i diritti umani internazionali dell’organismo.

La Cina ha respinto con forza le accuse di violazioni dei diritti umani nello Xinjiang e ha lanciato appelli per il boicottaggio e altre punizioni contro le imprese straniere, tra cui il rivenditore H&M e Nike, insieme a sanzioni contro i funzionari governativi stranieri e gli attivisti che dicono che stanno diffondendo informazioni false sulle sue politiche verso gli uiguri e i membri di altri gruppi minoritari musulmani nello Xinjiang.

“Devono fermare la manipolazione politica sulle questioni legate allo Xinjiang, smettere di interferire negli affari interni della Cina in qualsiasi forma e astenersi dal proseguire sulla strada sbagliata. Altrimenti, si bruceranno le dita”, ha detto la dichiarazione del ministero degli Esteri.

La Cina ha annunciato sanzioni venerdì contro i funzionari britannici e i prodotti H&M sono stati eliminati dai siti web cinesi per la loro opposizione all’acquisto di cotone dallo Xinjiang. La Lega della Gioventù del Partito Comunista al potere ha lanciato attacchi a H&M dopo la decisione dell’Unione Europea di unirsi agli Stati Uniti, alla Gran Bretagna e al Canada nell’imporre sanzioni ai funzionari cinesi accusati di abusi nello Xinjiang.

Più di 1 milione di membri degli Uiguri e di altre minoranze etniche prevalentemente musulmane sono stati confinati in campi di detenzione nello Xinjiang, secondo governi stranieri e ricercatori. Le autorità sono accusate di imporre il lavoro forzato e misure coercitive di controllo delle nascite.

Il governo cinese respinge le denunce di abusi e dice che i campi sono per la formazione professionale per sostenere lo sviluppo economico e combattere il radicalismo islamico.

Il segretario di Stato americano Antony Blinken ha definito le sanzioni una ritorsione “senza fondamento” per le misure statunitensi contro i funzionari cinesi.

“I tentativi di Pechino di intimidire e mettere a tacere coloro che parlano per i diritti umani e le libertà fondamentali contribuiscono solo al crescente controllo internazionale del genocidio in corso e dei crimini contro l’umanità nello Xinjiang”, ha detto.

“Siamo solidali con il Canada, il Regno Unito, l’UE e altri partner e alleati in tutto il mondo nel chiedere alla Repubblica Popolare Cinese di porre fine alle violazioni dei diritti umani e agli abusi contro gli uiguri prevalentemente musulmani e i membri di altri gruppi etnici e religiosi minoritari nello Xinjiang e di rilasciare quelli arbitrariamente detenuti”, ha detto Blinken in una dichiarazione.

Il primo ministro canadese Justin Trudeau ha detto che la decisione della Cina di sanzionare un legislatore conservatore dell’opposizione e una sottocommissione parlamentare è un attacco alla libertà di parola riguardo alle violazioni dei diritti umani nello Xinjiang.

“Le sanzioni della Cina sono un attacco alla trasparenza e alla libertà di espressione – valori al centro della nostra democrazia”, ha detto Trudeau su Twitter.

Michael Chong, il critico degli affari esteri dell’opposizione conservatrice che è stato sanzionato, ha detto che ha il dovere di chiamare fuori il “genocidio” della Cina dei musulmani uiguri.

“Noi che viviamo liberamente in democrazie sotto lo stato di diritto dobbiamo parlare per chi non ha voce”, ha detto Chong su Twitter. “Se questo significa che la Cina mi sanziona, lo porterò come un distintivo d’onore”.