Press "Enter" to skip to content

Il vaccino J&J COVID-19: Cosa c’è da sapere

Il Gruppo Strategico Consultivo di Esperti dell’OMS (SAGE) sull’Immunizzazione ha emesso raccomandazioni provvisorie per l’uso del vaccino Janssen Ad26.CoV2.S contro COVID-19.

Mentre le scorte di vaccino COVID-19 sono limitate, gli operatori sanitari ad alto rischio di esposizione e le persone anziane dovrebbero essere prioritari per la vaccinazione.

I paesi possono fare riferimento alla Roadmap di prioritizzazione dell’OMS e al WHO Values Framework come guida per la loro prioritizzazione dei gruppi target.

Il vaccino è sicuro ed efficace nelle persone con condizioni mediche note associate ad un aumento del rischio di malattia grave, come l’ipertensione, la malattia polmonare cronica, la malattia cardiaca significativa, l’obesità e il diabete.

Le persone che vivono con il virus dell’immunodeficienza umana (HIV) sono a più alto rischio di malattia grave COVID-19. Questo gruppo di popolazione è stato incluso negli studi clinici e non sono stati osservati problemi di sicurezza. Si raccomanda che i destinatari noti del vaccino HIV-positivi siano informati e consigliati prima della vaccinazione. Sono necessari ulteriori studi per valutare l’efficacia del vaccino per le persone con HIV; è possibile che la risposta immunitaria al vaccino sia ridotta, il che abbasserebbe l’efficacia del vaccino.

Il vaccino J&J può essere offerto alle persone che hanno avuto il COVID-19 in passato. Ma le persone possono desiderare di rinviare la propria vaccinazione COVID-19 fino a sei mesi dal momento dell’infezione da SARS-CoV-2, per permettere ad altri che potrebbero aver bisogno del vaccino più urgentemente di andare per primi.

Le donne incinte dovrebbero essere vaccinate?

Mentre la gravidanza mette le donne a più alto rischio di COVID-19 grave, sono disponibili pochissimi dati per valutare la sicurezza del vaccino in gravidanza. Le donne incinte possono ricevere il vaccino se il beneficio di vaccinare una donna incinta supera i potenziali rischi del vaccino.

Per questo motivo, le donne incinte ad alto rischio di esposizione alla SARS-CoV-2 (ad esempio gli operatori sanitari) o che hanno comorbidità che aumentano il loro rischio di malattia grave, possono essere vaccinate in consultazione con il loro fornitore di assistenza sanitaria.

Per chi non è raccomandato il vaccino?

Chiunque abbia una temperatura corporea superiore a 38,5ºC dovrebbe rimandare la vaccinazione fino a quando non avrà più la febbre. Il vaccino non è raccomandato per persone di età inferiore ai 18 anni, in attesa dei risultati di ulteriori studi in quel gruppo di età.

Qual è il dosaggio raccomandato?

Il SAGE raccomanda l’uso di Janssen Ad26.CoV2.S come una dose (0,5 ml) somministrata per via intramuscolare. Ci dovrebbe essere un intervallo minimo di 14 giorni tra la somministrazione di questo vaccino e qualsiasi altro vaccino contro altre condizioni di salute. Questa raccomandazione può essere modificata quando saranno disponibili dati sulla co-somministrazione con altri vaccini.

Come si confronta questo vaccino con i vaccini a doppia dose già in uso?

Non possiamo confrontare i vaccini testa a testa a causa dei diversi approcci adottati nella progettazione dei rispettivi studi, ma nel complesso, tutti i vaccini che hanno ottenuto l’elenco dell’OMS per l’uso in emergenza sono altamente efficaci nel prevenire gravi malattie e l’ospedalizzazione a causa di COVID-19.

È sicuro?

Il SAGE ha valutato accuratamente i dati sulla qualità, la sicurezza e l’efficacia del vaccino e ne ha raccomandato l’uso per le persone dai 18 anni in su.

Questo vaccino è stato anche sottoposto all’esame dell’Agenzia Europea dei Medicinali (EMA) e della Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti ed è risultato sicuro per l’uso.

Quanto è efficace il vaccino?

28 giorni dopo l’inoculazione Janssen Ad26.CoV2.S è risultato avere un’efficacia dell’85,4% contro la malattia grave e l’ospedalizzazione. Una dose di Janssen Ad26.COV2.S è stata trovata negli studi clinici con un’efficacia del 66,9% contro l’infezione sintomatica moderata e grave da SARS-CoV-2.

Funziona contro le nuove varianti del virus SARS-CoV-2?

Il SAGE ha esaminato tutti i dati disponibili sulle prestazioni del vaccino nelle impostazioni delle varianti che destano preoccupazione. Negli studi clinici questo vaccino è stato testato contro una varietà di varianti del virus SARS-CoV-2, tra cui B1.351 (identificato per la prima volta in Sudafrica) e P.2 (identificato per la prima volta in Brasile), ed è risultato efficace.

Il SAGE attualmente raccomanda l’uso di questo vaccino, secondo la tabella di marcia di priorità dell’OMS, anche se in un paese sono presenti varianti preoccupanti. Quando saranno disponibili nuovi dati, l’OMS aggiornerà le raccomandazioni di conseguenza.

Previene l’infezione e la trasmissione?

Attualmente non sono disponibili dati sostanziali relativi all’impatto di Ad26.COV2.S sulla trasmissione del virus che causa la malattia COVID-19