Press "Enter" to skip to content

Il processo di pace in Afghanistan: saranno le donne a pagare?

Due decenni di progressi sono minacciati dal ritorno dei talebani e da un’uscita affrettata degli Stati Uniti.

Il tortuoso processo di pace in Afghanistan è entrato in un finale disperato che minaccia di costringere le donne di nuovo ai margini della società e di minare i guadagni che hanno fatto negli ultimi due decenni, se i talebani finiscono per avere un posto nel governo.

Nonostante l’abbondanza di prove che il coinvolgimento delle donne è fondamentale per assicurare una fine duratura ai conflitti, le donne afgane temono di essere messe da parte; persino il piano di pace degli Stati Uniti declassa il ruolo delle donne nell’Afghanistan post-bellico. Mentre la risoluzione 1325 delle Nazioni Unite, che cerca di radicare la partecipazione delle donne nei processi di pace, sottolinea la “partecipazione paritaria e il pieno coinvolgimento” delle donne, il piano degli Stati Uniti si riferisce semplicemente alla partecipazione “significativa” delle donne.

La grande preoccupazione per le donne afgane è che tutti i diritti che hanno conquistato dalla caduta del regime talebano nel 2001 – specialmente l’uguaglianza garantita dalla costituzione – siano sacrificati in favore di una pace rapida con gli estremisti.

Negli ultimi sei mesi, Habiba Sarabi è stata una delle quattro donne, su una squadra di 21, che rappresentano la maggioranza della popolazione afgana nei colloqui a Doha tra il governo afgano e gli insorti talebani. All’inizio di questo mese, Sarabi era l’unica donna presente ai colloqui di pace tenuti a Mosca.

Ematologa di formazione e prima donna afgana a diventare governatore provinciale, Sarabi ha insistito sull’importanza delle donne nel processo di pace, facendo pressione sui talebani sul perché il gruppo continua a uccidere le donne. In seguito, ha detto, è stata avvicinata dall’inviato russo in Afghanistan, Zamir Kabulov. “Il signor Kabulov ha sorriso e riso e ha detto: ‘Sei l’unica, e sei abbastanza forte; immagina come sarebbe se ci fossero più donne qui'”, ha detto Sarabi. (Kabulov non poteva essere raggiunto per un commento).

Prima e soprattutto durante il dominio dei talebani dal 1996 al 2001, le donne afgane erano in gran parte legate alla casa, non istruite e prive di diritti fondamentali. Per alcuni sostenitori come Heather Barr, co-direttore ad interim della divisione dei diritti delle donne di Human Rights Watch, l’Afghanistan sta facendo un passo indietro per fare un salto in avanti verso una pace imperfetta. “Stiamo tornando indietro a tutta velocità per quanto riguarda la partecipazione delle donne”, ha detto Barr.

Le ricerche condotte in tutto il mondo mostrano che la partecipazione delle donne alla risoluzione dei conflitti migliora le possibilità di raggiungere accordi pacifici – e di far durare la pace. La disuguaglianza di genere, al contrario, aumenta il rischio di estremismo e instabilità.

E le donne in Afghanistan continuano a soffrire in modo sproporzionato a causa di decenni di combattimenti, che continuano ancora oggi nonostante gli impegni dei talebani a ridurre la violenza come parte del processo di pace in corso, rendendo apparentemente ancora più imperativo che le donne siano pienamente incluse nella fine della guerra.