Press "Enter" to skip to content

Il leader dell’opposizione russa Navalny annuncia lo sciopero della fame

La salute del nemico del Cremlino è peggiorata drammaticamente da quando è stato trasferito in una brutale colonia penale.

Il leader dell’opposizione russa Alexey Navalny ha annunciato mercoledì che inizierà uno sciopero della fame per chiedere l’accesso a un medico indipendente, poiché la sua salute è diminuita drammaticamente da quando è stato trasferito alla fine di febbraio in una colonia penale a est di Mosca, nota per le sue dure condizioni.

In un post sulla sua pagina Instagram, Navalny ha spiegato la sua decisione, dicendo che aveva il diritto di vedere un medico e ricevere farmaci adeguati. “Invece di assistenza medica, sono torturato con la privazione del sonno”, ha scritto, aggiungendo che viene svegliato otto volte ogni notte. Gli alleati di Navalny hanno lanciato l’allarme sulla sua salute la scorsa settimana, affermando che il nemico del Cremlino soffre di forti dolori alla schiena e che l’intorpidimento di una delle sue gambe ha compromesso la sua capacità di camminare.

“Nelle circostanze a noi note, un deterioramento così netto della sua salute non può non essere motivo di estrema preoccupazione”, hanno scritto i suoi avvocati Olga Mikhailova e Vadim Kobzev in una dichiarazione pubblicata dall’alleato di Navalny Leonid Volkov.

I medici della prigione hanno fornito a Navalny ibuprofene e antidolorifici topici, ma gli è stato negato l’accesso a medici esterni al sistema penitenziario, sollevando la preoccupazione che non riceva un trattamento adeguato. Circa 500 medici russi e professionisti medici hanno firmato una petizione online chiedendo che un medico indipendente sia autorizzato a vederlo.

Un critico di lunga data del Cremlino, noto per aver denunciato la corruzione di alto livello, Navalny si è ammalato su un volo dalla Siberia a Mosca lo scorso agosto, e i test tossicologici hanno poi rivelato che era stato avvelenato con un agente nervino potenzialmente letale di tipo Novichok. Un’indagine di Bellingcat e dell’Insider ha puntato il dito contro i servizi di sicurezza russi, che avevano seguito Navalny per anni, anche durante il suo viaggio in Siberia.

Dopo essere tornato in Russia all’inizio di quest’anno, Navalny è stato trattenuto in un aeroporto di Mosca prima di essere condannato a febbraio a trascorrere più di due anni in una colonia penale per aver violato i termini della sua libertà vigilata per una precedente accusa ampiamente ritenuta di natura politica. Il suo arresto a gennaio ha scatenato proteste di strada in paesi e città in tutto il paese, arrivando mentre gli indici di gradimento del presidente russo Vladimir Putin sono crollati ai minimi storici.

Non è chiaro cosa abbia causato un così rapido deterioramento della salute di Navalny. Secondo i suoi avvocati, ha avuto una risonanza magnetica la scorsa settimana, ma i risultati non sono stati restituiti. In un post sul suo Instagram venerdì, Navalny ha ipotizzato che il dolore può essere il risultato di un nervo schiacciato a causa della seduta nei furgoni della polizia e nei cosiddetti “pencil cases”, il termine ingannevolmente sano usato per descrivere le piccole gabbie utilizzate per contenere gli imputati durante le udienze del tribunale russo.

In una dichiarazione di giovedì, il servizio penitenziario federale russo ha detto che Navalny era stato esaminato il giorno precedente e che la sua salute era “stabile e soddisfacente”.

Nel suo post su Instagram di venerdì, Navalny ha detto di essere stato avvertito da Mikhail Khodorkovsky, l’oligarca russo in esilio che è stato imprigionato per un decennio dopo aver iniziato a sostenere gruppi di opposizione, di non ammalarsi in prigione. Navalny ha detto che una persona nella sua cella aveva un’appendice infiammata e, dopo essersi contorto nel dolore per due giorni, è stato portato in ospedale solo quando “è diventato verde e ha iniziato a perdere conoscenza”, ha detto.

Nel 2018, gli esperti di diritti umani delle Nazioni Unite hanno esortato i funzionari russi a perseguire le diffuse accuse di tortura e morte nelle prigioni del paese.