Press "Enter" to skip to content

I “passaporti della vaccinazione”

I governi di tutto il mondo dicono che vaccinarsi e avere la giusta documentazione per provarlo spianerà la strada al recupero dalla pandemia. Tali sforzi hanno avuto un vantaggio in Israele. Ma questo solleva anche la prospettiva di dividere ulteriormente il mondo lungo le linee di ricchezza e di accesso ai vaccini, creando questioni etiche e logistiche che hanno allarmato i decisori a livello globale.

Un esperto di diritto sanitario globale dice che in molti paesi a basso reddito, la maggior parte delle persone non sarà vaccinata per molti anni. Israele ha abbastanza vaccino per vaccinare chiunque abbia più di 16 anni.

Ma anche con questa ricchezza, c’è la preoccupazione di usare le vaccinazioni come moneta diplomatica e potere, esacerbando ulteriormente la disuguaglianza.

Il bilancio della morte in Brasile: Il bilancio dei morti del paese ha superato i 250.000. È il secondo più alto al mondo dopo gli Stati Uniti, e il virus continua a dilagare nel paese. Gli esperti di salute dicono che questo è dovuto al fatto che la prevenzione non è mai stata una priorità. Il presidente brasiliano Jair Bolsonaro ha chiamato il virus una “piccola influenza” e ha rimproverato i leader locali che hanno imposto restrizioni alle attività. Gli esperti dicono che almeno una dozzina di stati sono nel mezzo di una seconda ondata ancora peggiore di quella affrontata nel 2020. Il direttore esecutivo dell’Istituto brasiliano per gli studi di politica sanitaria ha detto che il Brasile semplicemente non ha un piano di risposta. Diane Jeantet riferisce da Rio de Janeiro.

Ospedali statunitensi: Il numero di persone ospedalizzate con COVID-19 negli Stati Uniti è crollato di 80.000 in sei settimane, e il 17% della popolazione adulta della nazione ha ottenuto almeno una dose di vaccino. I miglioramenti offrono un po’ di sollievo ai lavoratori in prima linea. Un terapista respiratorio del Mercy Hospital di St. Louis ha ricordato che quando i pazienti affetti da virus stavano inondando gli ospedali della regione, i colleghi che arrivavano per l’ennesimo turno estenuante con una scorta di ventilatori in calo spesso davano un’occhiata ai loro incarichi e piangevano. Nel suo turno più recente c’erano solo circa 20 pazienti affetti da virus, rispetto ai 100 del picco dell’ondata. Heather Hollingsworth e Todd Richmond riferiscono.

Variante a NYC: Gli scienziati hanno identificato una versione mutata del virus che si sta diffondendo a New York City. I ricercatori questa settimana hanno detto che la nuova variante è apparsa per la prima volta nell’area metropolitana a fine novembre e da allora è spuntata negli stati vicini. Gli esperti di salute pubblica avvertono che non è ancora chiaro quanto possa essere problematica la variante e quanto saranno efficaci i vaccini. Gli esperti dicono che le misure di salute pubblica come il distacco sociale e l’indossare maschere sono fondamentali per fermare la mutazione e la diffusione del virus, riferisce Marion Renault.

Economia degli Stati Uniti: I democratici sono pronti a spingere un pacchetto di aiuti COVID-19 da 1,9 trilioni di dollari attraverso la Camera oggi. Questa vittoria è attesa nonostante una battuta d’arresto che significa che un aumento del salario minimo è improbabile che sia nella versione finale che raggiunge il presidente Biden. Un voto quasi di partito sembrava certo sulla misura di soccorso alla Camera. Rappresenta il primo passo di Biden verso il suo obiettivo legislativo iniziale di agire con decisione contro la pandemia. Nell’anno in cui il virus ha preso piede, ha bloccato gran parte dell’economia, ucciso mezzo milione di americani e rimodellato la vita quotidiana di quasi tutti, riferisce Alan Fram.

La crisi della Romania: Ha riportato la sua prima infezione un anno fa, questa settimana. Da allora, il sistema medico del paese, sottofinanziato, si è concentrato sul trattamento dei pazienti con il virus. Ma questo ha lasciato molti rumeni con altri problemi di salute privati delle cure critiche di cui hanno bisogno, compresi i pazienti che sono HIV positivi o hanno il cancro. Il governo rumeno ha annunciato piani per riorganizzare gli ospedali del paese in modo che più pazienti non-COVID-19 possano avere accesso all’assistenza sanitaria mentre si profila una terza ondata. Nicolae Dumitrache e Stephen McGrath riferiscono da Bucarest.

Asia Oggi: La Corea del Sud ha somministrato i primi vaccini disponibili, lanciando una campagna di immunizzazione di massa che le autorità sanitarie sperano possa ripristinare un certo livello di normalità entro la fine dell’anno. Anche Hong Kong ha iniziato a somministrare i suoi primi vaccini al pubblico, dando il via a un programma che offre vaccinazioni gratuite a tutti i 7,5 milioni di residenti della città. In Giappone, i funzionari hanno detto che entro la fine di giugno arriveranno agli uffici governativi locali spedizioni di vaccini sufficienti per inoculare i 36 milioni di anziani della nazione. La tempistica è stata data dopo che sono state sollevate domande sulle forniture dei vaccini importati.

L’Ucraina ha registrato un aumento del 50% nel numero di nuove infezioni giornaliere, un giorno dopo che le autorità hanno lanciato la campagna di vaccinazione del paese.
Il ministro della salute della Siria ha detto che il suo governo ha procurato i vaccini da un paese amico che ha rifiutato di nominare, aggiungendo che gli operatori sanitari di prima linea sarebbero stati i primi ad essere vaccinati a partire dalla prossima settimana.

Il Bahrein è diventato la prima nazione ad autorizzare il vaccino monodose della Johnson & Johnson per l’uso di emergenza. L’annuncio arriva solo un giorno dopo che i regolatori statunitensi hanno concluso che il vaccino offre una forte protezione contro il COVID-19 grave.

La Cina ha approvato altri due vaccini per un uso più ampio, aggiungendo al suo crescente arsenale di vaccini.

Uno stato di emergenza che è stato istituito per frenare il coronavirus in Giappone sarà revocato in sei aree urbane questo fine settimana, mentre rimane nella zona di Tokyo per un’altra settimana.