Press "Enter" to skip to content

I commenti dei reali inglesi alle accuse di razzismo di Meghan e Harry

Dopo l’intervista televisiva, mostrata negli Stati Uniti alla vigilia del Commonwealth Day, l’ex primo ministro australiano Malcolm Turnbull l’ha citata come un’altra ragione per il paese di recidere i suoi legami costituzionali con la monarchia britannica.

“Dopo la fine del regno della regina, quello è il momento per noi di dire: Ok, abbiamo superato lo spartiacque”, ha detto Turnbull all’Australian Broadcasting Corp. “Vogliamo davvero avere chiunque sia il capo di stato, il re o la regina del Regno Unito, automaticamente il nostro capo di stato?

Il valore del Commonwealth è stato discusso prima, con i critici che mettono in discussione se i paesi e le persone una volta colonizzati – e anche oppressi – dovrebbero rimanere in una tale associazione con un ex colonizzatore. Il suo scopo dichiarato è quello di migliorare le relazioni internazionali, ma il rapporto della Gran Bretagna con i membri è stato offuscato da passi falsi diplomatici e dall’eredità dell’impero. In un discorso per celebrare il Commonwealth Day lunedì, la regina ha parlato di “spirito di unità”.

Reali carismatici come Harry e Meghan sono stati impiegati in passato in eventi legati al Commonwealth con giovani, imprese e gruppi di volontariato.

Ma la loro intervista di questa settimana “apre ulteriormente gli occhi” sui meriti del Commonwealth, ha scritto Nicholas Sengoba, editorialista di un giornale nell’ex colonia dell’Uganda.

Ha citato “questioni irrisolte” nel suo paese relative agli abusi del colonialismo e si è chiesto se i capi dei paesi del Commonwealth dovrebbero essere ancora “orgogliosi di cenare” con i membri della famiglia reale britannica, considerando le accuse.

Meghan, che è birazziale, aveva detto nell’intervista che un membro non identificato della famiglia reale aveva sollevato “preoccupazioni” sul colore del suo bambino con Harry quando era incinta di suo figlio, Archie, e che il palazzo non è riuscito ad aiutarla quando ha avuto pensieri suicidi. Buckingham Palace ha detto martedì che le accuse di razzismo da parte di Harry e Meghan erano “preoccupanti” e sarebbero state affrontate privatamente dalla famiglia reale.

CAPE TOWN, Sudafrica (AP) – Nei paesi con legami storici con la Gran Bretagna, le affermazioni del principe Harry e Meghan che un membro non nominato della famiglia reale ha avuto “preoccupazioni” su quanto potrebbe essere scura la pelle del loro bambino non ancora nato hanno sollevato una questione spinosa: Queste nazioni vogliono davvero essere ancora così strettamente legate alla Gran Bretagna e alla sua famiglia reale?

Ci si aspettava che l’intervista avrebbe rivelato altre spaccature nella famiglia reale. Ora sembra rischiare le divisioni all’interno della “famiglia” del Commonwealth – un’associazione di 54 paesi, la maggior parte dei quali ex colonie britanniche, tenuti insieme da legami storici. Per decenni, la regina Elisabetta II è stata la forza trainante del Commonwealth.

Dopo l’intervista televisiva, mostrata negli Stati Uniti alla vigilia del Commonwealth Day, l’ex primo ministro australiano Malcolm Turnbull l’ha citata come un altro motivo per il paese di recidere i suoi legami costituzionali alla monarchia britannica.

“Dopo la fine del regno della regina, quello è il momento per noi di dire: Ok, abbiamo superato lo spartiacque”, ha detto Turnbull all’Australian Broadcasting Corp. “Vogliamo davvero avere chiunque sia il capo di stato, il re o la regina del Regno Unito, automaticamente il nostro capo di stato?

Il valore del Commonwealth è stato discusso prima, con i critici che mettono in discussione se i paesi e le persone una volta colonizzati – e anche oppressi – dovrebbero rimanere in una tale associazione con un ex colonizzatore. Il suo scopo dichiarato è quello di migliorare le relazioni internazionali, ma il rapporto della Gran Bretagna con i membri è stato offuscato da passi falsi diplomatici e dall’eredità dell’impero. In un discorso per celebrare il Commonwealth Day lunedì, la regina ha parlato di “spirito di unità”.

Reali carismatici come Harry e Meghan sono stati impiegati in passato in eventi legati al Commonwealth con giovani, imprese e gruppi di volontariato.

Ma la loro intervista di questa settimana “apre ulteriormente gli occhi” sui meriti del Commonwealth, ha scritto Nicholas Sengoba, editorialista di un giornale nell’ex colonia dell’Uganda.

Ha citato “questioni irrisolte” nel suo paese relative agli abusi del colonialismo e si è chiesto se i capi dei paesi del Commonwealth dovrebbero essere ancora “orgogliosi di cenare” con i membri della famiglia reale britannica, considerando le accuse.

Meghan, che è birazziale, aveva detto nell’intervista che un membro non identificato della famiglia reale aveva sollevato “preoccupazioni” sul colore del suo bambino con Harry quando era incinta di suo figlio, Archie, e che il palazzo non è riuscito ad aiutarla quando ha avuto pensieri suicidi. Buckingham Palace ha detto martedì che le accuse di razzismo da parte di Harry e Meghan erano “preoccupanti” e sarebbero state affrontate privatamente dalla famiglia reale.

La reazione all’intervista è stata particolarmente feroce in Africa. È stato incapsulato da un utente di Twitter in Sud Africa che ha scritto: “È la Gran Bretagna e la famiglia reale. Cosa vi aspettavate? Ci hanno oppresso per anni”.

Meghan e Harry hanno viaggiato in Sudafrica nel 2019, dove la loro imminente divisione con la famiglia reale è diventata più chiara e hanno persino parlato di un possibile soggiorno lì.

Mohammed Groenewald, che li ha mostrati in giro in una moschea di Città del Capo, stava ancora digerendo l’intervista, che è stata mostrata in Sudafrica solo lunedì. Ma ha detto che, più di ogni altra cosa, ha scatenato ricordi di “razzismo coloniale britannico”.

In Kenya, un’ex colonia dove una giovane principessa Elisabetta era in visita nel 1952 quando seppe della morte di suo padre e quindi che sarebbe diventata regina, la notizia dell’intervista ha cominciato ad apparire anche nei giornali del paese.

“Ci sentiamo molto arrabbiati nel vedere la nostra sorella africana molestata perché è nera”, ha detto la residente di Nairobi Sylvia Wangari, riferendosi a Meghan. Ha aggiunto che i kenyani nel 1952 non hanno mostrato a Elizabeth “alcun razzismo, e lei è rimasta qui senza che noi le mostrassimo alcuna discriminazione”.

Il primo ministro canadese Justin Trudeau ha rifiutato di commentare l’intervista. Ha detto che molte istituzioni in Canada sono costruite intorno al colonialismo e al razzismo sistematico, compreso il Parlamento, e ha detto che la risposta è ascoltare i canadesi che affrontano la discriminazione in modo che le istituzioni possano essere riparate.

“La risposta non è quella di buttare via improvvisamente tutte le istituzioni e ricominciare da capo”, ha detto Trudeau.

“Auguro a tutti i membri della famiglia reale tutto il meglio, ma il mio obiettivo è superare questa pandemia. Se la gente vuole parlare più tardi di cambiamenti costituzionali e di spostare il nostro sistema di governo, va bene, e possono avere queste conversazioni, ma in questo momento non sto avendo queste conversazioni”.

Jagmeet Singh, leader dell’opposizione Nuovo Partito Democratico, ha detto che la monarchia “non è in alcun modo vantaggiosa per i canadesi in termini di vita quotidiana”.

“E con il razzismo sistematico che abbiamo visto, sembra essere anche in questa istituzione”, ha detto.

L’intervista non è stata trasmessa in TV in India, il paese membro più popoloso del Commonwealth con 1,3 miliardi di persone, ma è stata comunque coperta dai media e ha suscitato reazioni negative da parte del pubblico verso i reali.

“Dietro tutta quella facciata elegante ci sono pensieri che non sono così eleganti”, ha detto la scrittrice di moda Meenakshi Singh.

L’avvocato Sunaina Phul ha detto che il Commonwealth “è rilevante per la famiglia reale, naturalmente, perché mostra che hanno governato così tanti posti. Non so perché ne facciamo ancora parte”.

Le denunce di razzismo di Meghan e Harry dimostrano che è il momento per il suo paese di porre fine alla sua relazione con la famiglia reale, ha detto un professore in pensione a Kingston, in Giamaica.

“Quello che dovrebbe significare per noi è che dovremmo saltare su e liberarci della regina come capo di stato”, ha detto Carolyn Cooper. “È un’istituzione disdicevole. È responsabile della schiavitù di milioni di noi che sono venuti qui a lavorare nelle piantagioni. Fa parte dell’intera eredità del colonialismo e dobbiamo liberarcene”.