Press "Enter" to skip to content

Gli studi di fase 3 sul vaccino COVID-19 continuano in Turchia

Gli operatori sanitari nella Turchia meridionale hanno preso parte venerdì alle sperimentazioni di fase 3 per un candidato vaccino cinese contro il nuovo coronavirus.

In una dichiarazione scritta dell’ospedale universitario di Cukurova nella provincia di Adana, la sperimentazione del vaccino è stata condotta per la prima volta sullo specialista in malattie infettive Dr. Ozay Akyildiz, seguito da altro personale che si è offerto volontario per prendere parte ai test.

Il dottor Ferit Kuscu, uno specialista in malattie infettive e microbiologia clinica, ha detto che il vaccino è stato somministrato per la prima volta nella Facoltà di Medicina dell’Università Hacettepe nella capitale Ankara e successivamente in 25 centri per il volontariato di operatori sanitari e altre persone.

Notando che finora quasi 450 operatori sanitari in tutta la Turchia sono stati vaccinati, Kuscu ha affermato che durante le prove non sono stati segnalati effetti collaterali gravi.

Ha aggiunto che l’obiettivo iniziale era quello di somministrare il vaccino a 60 operatori sanitari e poi ad altri volontari. Due dosi del vaccino vengono somministrate a persona in un intervallo di 14 giorni.

Nel frattempo, i test per un vaccino candidato COVID-19 sono continuati anche nella Turchia sud-occidentale, con il rettore dell’Università di Akdeniz, il dottor Ozlenen Ozkan, che ha ricevuto una dose venerdì.

“Il mondo intero e tutta l’umanità hanno attaccato le loro speranze alla vaccinazione [COVID-19] […] Come Akdeniz University, siamo entrati nella fase 3 [prove] del vaccino cinese. Condurremo i primi test oggi. Sembra non abbiamo altra scelta che vaccinare. Otterremo il coronavirus o il vaccino […] Ci sono anche sforzi per un candidato vaccino turco. Spero che abbiano successo “, ha detto Ozkan.

Il ministro della Salute turco Fahrettin Koca ha detto su Twitter che ci sono stati “grandi sviluppi nelle sperimentazioni di vaccinazione COVID-19”.

“Aspettiamo i risultati”, ha detto Koca.

La Turchia ha finora segnalato più di 404.000 casi di COVID-19, mentre oltre 346.000 dei pazienti sono guariti dalla malattia che ha causato 11.233 vittime nel paese.

Da quando è stato rilevato per la prima volta a Wuhan, in Cina, lo scorso dicembre, COVID-19 ha causato oltre 1,29 milioni di vite in 191 paesi e regioni.

Secondo la Johns Hopkins University, con sede negli Stati Uniti, sono stati segnalati oltre 52,7 milioni di casi in tutto il mondo, inclusi 34,1 milioni che si sono ripresi.