Press "Enter" to skip to content

Gli Stati Uniti chiudono il consolato cinese a Houston

La portavoce del Dipartimento di Stato americano Morgan Ortagus ha dichiarato che il consolato è stato chiuso “per proteggere la proprietà intellettuale americana e le informazioni private degli americani”, ma non ha fornito immediatamente ulteriori dettagli su ciò che ha portato alla chiusura. I media cinesi hanno riferito che al consolato erano state concesse 72 ore per chiudere.

Le relazioni tra Cina e Stati Uniti sono precipitate nell’ultimo anno, nel corso di una guerra commerciale, della pandemia di coronavirus e delle critiche statunitensi alle violazioni dei diritti umani in Cina a Hong Kong e nello Xinjiang.

Un portavoce del Dipartimento di Stato ha dichiarato in una dichiarazione separata che la Cina “si è impegnata per anni in enormi operazioni di spionaggio e influenza illegali” e che “queste attività sono aumentate notevolmente in termini di dimensioni e portata negli ultimi anni”.

Il Dipartimento di Stato non ha chiarito quale  particolare incidente abbia innescato la richiesta degli Stati Uniti di chiudere l’ambasciata. Il segretario di Stato americano Mike Pompeo, che era proprio in Europa a radunare i leader per definire una linea più dura con Pechino e incontrando i dissidenti cinesi in esilio, ha rifiutato di offrire dettagli sulla decisione nelle osservazioni mercoledì. Ma il diplomatico americano è pronto a rilasciare osservazioni sulla Cina al Richard Nixon Museum and Library in California.
La mossa arriva il giorno dopo che gli Stati Uniti hanno accusato gli hacker cinesi
Martedì scorso, i pubblici ministeri statunitensi hanno accusato due presunti hacker cinesi di una “vasta campagna globale di intrusioni informatiche” che secondo loro era sostenuta dal governo del paese e mirava alla cura del coronavirus e alla ricerca sui vaccini. L’accusa segna anche la prima volta che gli Stati Uniti hanno accusato gli hacker di lavorare per conto del governo cinese.

Il portavoce del ministero degli Esteri cinese Wang Wenbin ha affermato che l’accusa è stata come “un ladro che accusa gli altri di essere il ladro”, in una conferenza stampa di mercoledì, e ha accusato gli Stati Uniti di “essere impegnati nelle più grandi attività di attacchi informatici al mondo”.

In una dichiarazione pubblicata sui suoi social media ufficiali, il Ministero degli Esteri cinese ha affermato che l’ordine di chiusura del consolato era una “provocazione politica lanciata unilateralmente dalla parte americana, che viola gravemente il diritto internazionale, le norme di base che regolano le relazioni internazionali e l’accordo consolare bilaterale tra Cina e Stati Uniti. “

Il ministero degli Esteri cinese ha condannato la decisione e ha esortato gli Stati Uniti a ritirarla.

La dichiarazione prosegue dicendo che gli Stati Uniti hanno “spostato la colpa in Cina con stigmatizzazione e attacchi ingiustificati contro il sistema sociale cinese, molestando il personale diplomatico e consolare cinese negli Stati Uniti, intimidendo e interrogando gli studenti cinesi e confiscando i loro dispositivi elettrici personali, persino arrestando senza motivo. “

Ha aggiunto: “La Cina è impegnata nel principio di non interferenza. L’infiltrazione e l’interferenza non sono mai nei geni e nella tradizione della politica estera cinese “.

Alla domanda sulle chiusure di mercoledì, Pompeo ha detto che i funzionari statunitensi hanno fissato “le nostre chiare aspettative su come si comporterà il Partito comunista cinese”.

“E quando non lo faranno, intraprenderemo azioni per proteggere il popolo americano, proteggere la nostra sicurezza, la nostra sicurezza nazionale e proteggere anche la nostra economia e lavoro”, ha detto.

La dichiarazione di Ortagus mercoledì scorso ha dichiarato: “Gli Stati Uniti non tollereranno le violazioni della RPC (Repubblica Popolare Cinese) della nostra sovranità e intimidazione del nostro popolo, così come non abbiamo tollerato le pratiche commerciali sleali della RPC, il furto di posti di lavoro americani e altri comportamento egregio. Il presidente Trump insiste sull’equità e la reciprocità nelle relazioni USA-Cina “.
Rubio afferma che il consolato era un “nodo centrale della vasta rete di spie del Partito Comunista”

Il senatore repubblicano Marco Rubio della Florida, presidente della commissione di intelligence del Senato, ha scritto su Twitter mercoledì che la chiusura del consolato cinese a Houston “doveva accadere” e ha affermato che si tratta di un “nodo centrale della vasta rete di spie del Partito Comunista. ”

Il senatore Angus King, un indipendente del Maine che fa causa ai democratici, mercoledì ha detto a John Berman della CNN il “Nuovo giorno” mercoledì di non essere a conoscenza di alcuna “recente intelligenza di particolari attività cinesi, né riguardo alle nostre elezioni, né dell’intero confronto tra i nostri due paesi: il furto della proprietà intellettuale ”che potrebbe aver guidato la decisione.