Press "Enter" to skip to content

Gli effetti del COVID-19 sull’inquinamento marino

Oggi è la Giornata mondiale degli oceani, ma quest’anno la situazione è ben diversa. Ogni anno, la celebrazione delle Nazioni Unite si svolge l’8 giugno, per ricordarci quanto sia fondamentale proteggere e ripristinare i nostri oceani. L’evento fu festeggiato per la prima volta nel 1992 a seguito di una storica conferenza ambientale delle Nazioni Unite a Rio de Janeiro.

Gran parte del lavoro che circonda la conservazione degli oceani comporta l’educazione del pubblico sugli effetti devastanti dell’inquinamento da plastica. L’attività terrestre rappresenta l’80% dell’inquinamento degli oceani, con il 50% come risultato diretto della plastica monouso. “Ora, dobbiamo agire per evitare di peggiorare la situazione”, affermano gli esperti delle città ambientali senza scopo di lucro nel Regno Unito.

Ma nel 2020, siamo nel mezzo di una pandemia di salute globale e le circostanze sono cambiate. Le discussioni sulla plastica monouso hanno inevitabilmente preso posto in secondo piano mentre ci concentriamo sulla prevenzione della diffusione del virus COVID-19. Sebbene il recupero sia senza dubbio la nostra priorità più urgente, è importante ricordare che la maggior parte dei dispositivi di protezione individuale (DPI), come maschere e guanti, sono realizzati in plastica.

Dal plancton alle balene pilota, dalle alghe all’albatro, nessuna vita marina non viene toccata dagli effetti dei rifiuti di plastica. 100.000 mammiferi marini e tartarughe e 1 milione di uccelli marini vengono uccisi ogni anno dall’inquinamento da plastica.

In ambito medico, i DPI tendono ad essere monouso, il che significa che vengono gettati via quasi immediatamente e finiscono per ostruire i nostri corsi d’acqua, prima di terminare nell’oceano e danneggiare la vita marina.

“La plastica ha un ruolo importante da svolgere in questa pandemia, proteggendo coloro che lavorano in prima linea sotto forma di guanti, maschere e altre attrezzature mediche”, riferisce Ocean Conservancy. “Ma è preoccupante che alcuni membri dell’industria delle materie plastiche stiano approfittando di un clima di paura e incertezza per sospendere o ripristinare attivamente misure ambientali conquistate duramente per ridurre l’inquinamento da plastica”.