Press "Enter" to skip to content

Finisce la guerra tra India e Pakistan. O forse no?

Un nuovo cessate il fuoco sulla linea di controllo deve evitare i problemi che hanno fatto deragliare i passati tentativi di pace.

Nel 2003, dopo decenni di tensioni e sparatorie lungo la Linea di Controllo, il confine internazionale de facto nel Kashmir conteso, India e Pakistan hanno finalmente concordato un cessate il fuoco. L’accordo è arrivato all’indomani di una grande crisi nel 2001-2002, che aveva portato i due stati sull’orlo della guerra.

Quel tracollo è iniziato con un attacco che Jaish-e-Mohammed, un’organizzazione terroristica con base in Pakistan, ha lanciato sul parlamento indiano nel dicembre 2001. In risposta, l’India ha intrapreso una massiccia mobilitazione militare lungo i suoi confini con il Pakistan per costringerlo a porre fine al suo sostegno a una serie di gruppi terroristici che operano dal suo suolo. Il Pakistan ha fatto alcuni cenni per tenere a freno vari gruppi terroristici, ma era chiaro che non era disposto a piegarsi alle pressioni indiane.

L’accordo del 2003 è durato solo tre anni, ma ha comunque dimostrato di essere solido durante quel periodo. Secondo fonti affidabili, nessuna delle due parti ha violato i suoi termini durante quel periodo.

Ora, dopo un paio d’anni in cui le relazioni tra India e Pakistan sono andate in picchiata per una serie di sanguinosi scontri di confine, le due parti hanno deciso di trovare un altro accordo. Entrambe manterranno il fuoco e continueranno i negoziati per porre fine al lungo conflitto tra loro. C’è motivo di ottimismo; anche una pace fragile è meglio di un conflitto continuo. Detto questo, data la fragile storia degli accordi di pace tra India e Pakistan, c’è anche un’ampia ragione per essere cauti.

La linea di controllo è stata creata nel 1972 all’indomani della terza guerra India-Pakistan. L’intenzione originale era quella di creare un confine funzionante mentre gli sforzi continuavano per assicurarne uno permanente. Da allora, la linea di controllo ha visto periodicamente scontri tra le due parti in guerra.

Nell’aprile 1999, i militari pakistani si sono infiltrati sulla Linea di Controllo nella regione di Kargil, precipitando un’altra guerra per il Kashmir. Questo scontro, che ha avuto luogo dopo la nuclearizzazione di entrambi i paesi nel maggio 1998, ha attirato una notevole attenzione internazionale perché è stato solo il secondo conflitto armato in assoluto tra due stati dotati di armi nucleari. Il mondo ha tirato un sospiro di sollievo quando la disputa è rimasta contenuta ed è stata portata a una conclusione pacifica grazie all’intervento degli Stati Uniti.

Nei 20 anni successivi, nessuna delle due parti ha intrapreso azioni lungo la linea di controllo per iniziare un’altra guerra, ma una serie di crisi hanno comunque punteggiato le relazioni India-Pakistan. Oltre agli scontri del 2001-2002, nel novembre 2008, a seguito di un grave attacco terroristico nella città di Mumbai, riconducibile a un’altra organizzazione terroristica con base in Pakistan, le due parti sono andate di nuovo pericolosamente vicine alla guerra. Con qualche pungolo da parte degli Stati Uniti, però, sono passati ad un altro cessate il fuoco.

Ma non doveva durare. E la settimana scorsa, dopo anni di escalation di tensione e conflitti lungo la Linea di controllo, le due parti hanno di nuovo concordato un cessate il fuoco a tempo indeterminato nella zona. Dall’agosto 2019, quando l’India ha revocato lo status speciale dello stato di Jammu e Kashmir, le violazioni dei precedenti cessate il fuoco erano diventate comuni. Secondo un rapporto presentato al parlamento indiano, solo l’anno scorso ci sono state oltre 5.000 violazioni del cessate il fuoco. Il rapporto, rilasciato dal ministro della Difesa indiano Rajnath Singh, le ha attribuite tutte al Pakistan. Una fonte più spassionata, il Carnegie Endowment for International Peace, conferma un alto numero di violazioni negli ultimi anni, ma trova l’attribuzione un po’ più oscura. Il direttore generale delle operazioni militari del Pakistan, nel frattempo, ha affermato che ci sono state quasi 1.300 infrazioni indiane nel 2017.

Si è tentati di dare la colpa della drammatica crescita delle violazioni del cessate il fuoco all’ascesa del governo di destra, falco, nazionalista indù, Bharatiya Janata Party in India nel 2014. Ma questo non fornisce un resoconto completo.

Per esempio, secondo lo studioso indiano Happymon Jacob, che ha condotto quella che è probabilmente l’analisi più completa delle fonti delle cadute del cessate il fuoco, i comandanti locali su entrambi i lati del confine hanno una notevole latitudine per intraprendere azioni militari. Quando una parte rafforza la sua posizione attraverso la costruzione di nuovi bunker o altre fortificazioni sul suo lato del confine, la parte opposta spesso inizia il fuoco. Queste azioni raramente hanno l’imprimatur formale dei comandanti superiori o delle autorità politiche.

Poi, ci sono anche altre politiche in gioco. Nel 2013, dopo che il primo ministro pakistano Nawaz Sharif è tornato in carica, era apparentemente desideroso di migliorare le relazioni con l’India. L’establishment militare pakistano, tuttavia, aveva poco interesse a perseguire tali aperture. Di conseguenza, hanno scelto di creare problemi lungo la linea di controllo, minando così le proposte di pace di Sharif.

Nel 2014, quando il primo ministro indiano Narendra Modi è entrato in carica, il suo governo ha dato maggiore libertà ai comandanti locali di usare la forza come ritenevano opportuno. Per quanto è possibile dire, le violazioni indiane del cessate il fuoco sono aumentate dopo quel punto. Inoltre, perseguendo la loro strategia di controinsurrezione nella parte del Kashmir controllata dall’India, nel 2016 l’esercito indiano ha ucciso Burhan Wani, un comandante locale del gruppo di insorti Hizbul Mujahideen. L’uccisione di Wani ha provocato un’ulteriore infiltrazione di insorti dai loro santuari in Pakistan, mentre i suoi compatrioti cercavano di vendicare la sua morte. Le violazioni del cessate il fuoco da entrambe le parti sono aumentate.

Negli ultimi cinque anni circa, le relazioni indiano-pakistane si sono fortemente deteriorate, soprattutto dopo un attacco suicida contro un convoglio militare indiano vicino alla città di Pulwama nel Kashmir controllato dall’India nel febbraio 2019. Jaish-e-Mohammed, che ha effettuato l’attacco del 2001 al parlamento indiano, ha rivendicato la responsabilità dell’incidente. In seguito all’attacco, per la prima volta dalla guerra indo-pakistana del 1971, il governo Modi ha autorizzato l’aviazione indiana a fare un’incursione oltre il confine internazionale e a colpire quello che ha detto essere un campo di addestramento terroristico a Balakot. In pochi giorni, il Pakistan ha risposto con un attacco per lo più simbolico vicino a Srinagar, la capitale del Jammu e Kashmir. Nonostante l’accesa retorica di entrambe le capitali, la crisi si è spenta.

Con tutta la tensione degli ultimi anni – ma in assenza di una guerra incombente – potrebbe essere sorprendente che India e Pakistan si siano mossi ora per concludere un altro cessate il fuoco. Sembra, però, che entrambe le parti abbiano creduto che fosse nel loro interesse. Dato che l’India ha a malapena stabilizzato il suo confine settentrionale con la Cina dopo una serie di scontri lo scorso anno, non può permettersi un’altra escalation con il Pakistan.

Il Pakistan, a sua volta, ha i suoi imperativi per ridurre le tensioni. Sotto il presidente americano Donald Trump, Washington aveva adottato una posizione dura nei confronti di Islamabad, in gran parte perché aveva concluso che il Pakistan non stava aiutando il processo di pace in Afghanistan e stava ancora sostenendo varie reti terroristiche. Ma ora che c’è un nuovo presidente americano, è nell’interesse di Islamabad dimostrare che può essere un partner responsabile nella regione.

La domanda è: cosa succede dopo? Per far sì che questo cessate il fuoco regga più a lungo degli altri, Islamabad dovrà trovare il modo di tenere a freno le attività di qualsiasi organizzazione terroristica che esiste all’interno dei suoi confini. Finché il Pakistan affronta la pressione internazionale da parte degli Stati Uniti e di altri per reprimere i gruppi terroristici all’interno dei suoi confini, c’è qualche possibilità che possa effettivamente rispettare. New Delhi, a sua volta, dovrà convincere i suoi comandanti ad esercitare un’adeguata moderazione lungo la linea di controllo. Per dimostrare la sua serietà riguardo al cessate il fuoco, la leadership indiana potrebbe fare uno sforzo in buona fede a tal fine.

La pace rimane un’impresa ardua, ma entrambe le parti possono cogliere questo momento per creare un ambiente più favorevole per affrontare le fonti sottostanti di questo prolungato conflitto.