Press "Enter" to skip to content

Fine dell’emergenza Covid in Francia. Si spera di evitare un secondo lockdown


La Francia ha in programma di uscire dallo stato di emergenza sanitaria del coronavirus dal 10 luglio, con una proposta di legge che includerà un periodo di transizione durante il quale il paese potrebbe reimpostare le restrizioni ai movimenti.
Il consiglio scientifico del governo sta consigliando un periodo di quattro mesi durante il quale il primo ministro potrebbe limitare i movimenti per controllare l’epidemia come ultima risorsa.

Ma il consiglio ha sconsigliato di riemettere un blocco nazionale citando preoccupazioni “sanitarie, sociali ed economiche”.

“Il Consiglio scientifico ha indicato che l’uso di un rigoroso blocco a livello nazionale non sarebbe auspicabile o accettabile considerando le questioni sanitarie, sociali ed economiche. È quindi essenziale fare tutto il possibile per evitare tale fallimento”, hanno detto i consulenti nei loro consigli al governo prima del 2 giugno.

“Tuttavia, il consiglio scientifico ritiene che questa possibilità debba essere presa in considerazione e debba essere attuata, soprattutto a livello locale”.

La Francia ha emesso un blocco nazionale a metà marzo, con i residenti autorizzati a lasciare le proprie case solo per acquistare le forniture necessarie come cibo o medicine, motivi di salute o per fare esercizio fisico per un’ora al giorno.

Il paese ha iniziato a chiudere gradualmente l’11 maggio e a giugno ha riaperto ristoranti, caffè, centri sportivi e alcuni musei e siti culturali.

All’inizio di giugno, il consiglio scientifico ha affermato che “la circolazione del virus in Francia è stata notevolmente rallentata e l’epidemia è sotto controllo” eppure il virus “continua a circolare”.

Il consiglio afferma che il paese può uscire dallo stato di emergenza se l’epidemia rimane contenuta ma che la situazione attuale non significa che non ci sarà una “ripresa dell’epidemia” che potrebbe accadere nelle prossime settimane o mesi.

“Il miglioramento della situazione” e la probabile ripresa “localizzata, lenta e controllabile” dell’epidemia giustificano l’uscita dallo stato di emergenza, hanno affermato i consulenti scientifici nei loro consigli al governo.

La Francia è stata particolarmente colpita dall’epidemia di coronavirus con il terzo numero di morti in Europa con oltre 29.000 morti e un pesante carico di lavoro con oltre 155.000 casi confermati.

Ma molti sono desiderosi di ulteriori restrizioni all’uscita nonostante quasi 12.000 persone siano ancora in ospedale a causa di COVID-19 e 933 ancora in unità di terapia intensiva.