Press "Enter" to skip to content

Fine del Lockdown nella Repubblica Ceca: mega festa a Praga

I cechi hanno celebrato la fine del blocco con una gigantesca cena a Praga. Migliaia di persone si sono radunate sul Ponte Carlo di Praga per celebrare la fine della crisi del coronavirus della Repubblica Ceca con una cena di gruppo lungo un gigantesco tavolo allestito sul punto di riferimento storico.

Il gigantesco party di strada ha avuto luogo poche ore prima che l’obbligo di indossare una maschera in pubblico fosse revocato in tutto il paese, tranne a Praga.

Lo stato membro dell’UE di 10,7 milioni di persone ha ormai alleggerito la maggior parte delle misure antivirus introdotte all’inizio. Il paese è andato relativamente bene, registrando meno di 12.000 casi di coronavirus e meno di 350 morti. Tuttavia, nell’ultima settimana sono state registrate oltre mille infezioni.

Sul ponte del XIV secolo, i allegri sgranocchiavano spuntini e sorseggiavano bevande che portavano da casa, condividendo i loro pasti con gli altri al tavolo lungo 500 metri.

“Tutti dovevano fare qualcosa per essere qui, portare cibo o un fiore. L’idea era che tutti fossero coinvolti”, ha detto a AFP il proprietario del caffè di Praga e l’organizzatore dell’evento Ondrej Kobza.

“Vogliamo celebrare la fine della crisi del coronavirus con le persone che si incontrano e mostrano che non hanno più paura di incontrare gli altri. Che non hanno paura di accettare un boccone di sandwich da qualcuno.”

“La società non deve avere paura. Altrimenti avremo una crisi economica, una depressione e ciò colpirà la società più duramente di COVID-19”, ha detto Kobza.

Il 41enne è noto per aver collocato pianoforti nelle strade di Praga, allestito tavoli da scacchi in una piazza locale e reso accessibile al pubblico il tetto di un palazzo.

Diverse band improvvisate suonarono e cantarono lungo il tavolo sinuoso adornato con margherite oxeye e nuove amicizie furono suggellate su uno spuntino o un bicchiere.

“Ho trovato l’evento su Facebook e ho pensato che fosse interessante”, ha detto Galina Khomchenko-Krejcikova, una residente russa di Praga che è venuta con un amico.

“Ho appena finito un turno di notte, quindi non ho avuto il tempo di preparare nulla. Ma abbiamo portato del vino e degli spuntini che abbiamo trovato a casa”, ha detto ad AFP.

L’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha avvertito all’inizio di questa settimana che la pandemia “non è nemmeno vicina alla fine” e che sta “accelerando” in molti paesi.

Le vittime di COVID-19 sono raddoppiate in poco meno di due mesi, con 50.000 morti registrati tra il 19 giugno e il 29 giugno, ha affermato l’OMS.

A livello globale, si sa che oltre 511.000 persone sono morte per il nuovo coronavirus, secondo un conteggio della Johns Hopkins University. Gli Stati Uniti sono il paese più colpito con oltre 127.000 vittime, ma anche l’Europa nel suo insieme è stata gravemente in lutto.