Press "Enter" to skip to content

Epidemia di Coronavirus sotto controllo in Francia

“Possiamo ragionevolmente dichiarare che l’epidemia è sotto controllo”, ha detto il presidente del consiglio scientifico Jean-François Delfraissy alla radio francese France Inter.

“Il virus è ancora in circolazione, ma lentamente. E, soprattutto, abbiamo gli strumenti per rilevare nuovi casi.”

Martedì il consiglio scientifico francese ha pubblicato un rapporto che illustra in dettaglio quattro scenari del futuro dell’epidemia nel paese.

Il primo scenario descrive una “epidemia sotto controllo” come la “più favorevole”. “Finché il virus rimane, questo scenario necessita ancora di misure per combattere l’epidemia”, osserva il rapporto.

Altri scenari sono classificati in termini di crescente tensione: il secondo è “la comparsa di cluster critici”, il terzo un “riavvio progressivo e silenzioso dell’epidemia, che sarebbe più difficile da controllare” e il quarto – il più grave – a “degrado critico” che porta ad una “perdita di controllo sull’epidemia”.

Quest’ultimo, osserva il Consiglio, costringerebbe le autorità a scegliere tra un altro blocco rigoroso e un alto bilancio delle vittime.

“I francesi hanno ammirevolmente accettato il blocco, ma non è una cosa normale”, ha detto Delfraissy venerdì.

“L’obiettivo di questo rapporto è quello di costruire insieme la risposta nelle settimane e nei mesi a venire. Pensiamo che il primo scenario sia il più probabile.”

Ha avvertito tuttavia che i francesi non dovrebbero rilassarsi, ma “non troppo”: “La vita deve continuare, ma dobbiamo continuare a prendere le misure. Penso che dovremo tenerli in atto per qualche tempo”.

Del quarto scenario, il più serio, Delfraissy ha dichiarato: “Non vogliamo vederlo diventare realtà, quindi facciamo di tutto per evitare di arrivarci”. Sarebbe “estremamente difficile”, ha aggiunto, dover implementare “un altro blocco generalizzato”.

Poiché l’area di Parigi è stata particolarmente colpita dal virus, con un bilancio delle vittime più elevato che nella maggior parte del paese, Delfraissy ha affermato che durante la “fase intermedia”, “potrebbero essere attuate misure più severe nella regione di Parigi”.

“Per ora, non esiste un trattamento che ha dimostrato di funzionare, non esiste un vaccino”, ha aggiunto Delfraissy. In una situazione del genere in cui “la medicina è limitata”, le misure di sanità pubblica e la “responsabilità individuale” sono fondamentali, ha aggiunto.

Delfraissy ha affermato che alla Francia “mancano le maschere per il viso” ma che il loro uso è ora “diffuso e generalizzato”.

Ha detto che la situazione della Francia nelle prime settimane dell’epidemia avrebbe potuto assomigliare di più alla Germania – con un bilancio delle vittime più basso – “se non avessimo avuto questo grande cluster nella regione di Mulhouse, che ha diffuso il virus in tutto il paese a febbraio “.