Press "Enter" to skip to content

E’ rivolta a Seattle: 47 arresti

La polizia ha dichiarato che la protesta è una rivolta e ha detto che i manifestanti hanno lanciato grandi massi, bottiglie, fuochi d’artificio e altri esplosivi contro gli agenti. Altri hanno dato fuoco a un rimorchio portatile e un cantiere.
Almeno 47 persone sono state arrestate con l’accusa di aver aggredito ufficiali, ostruzioni e omissione di disperdersi, ha detto la polizia.

La polizia ha detto che 59 agenti sono stati feriti per aver lanciato proiettili contro di loro, secondo la polizia. Le ferite includevano abrasioni, lividi, ustioni e un menisco strappato, secondo un comunicato stampa della domenica. La maggior parte degli ufficiali è riuscita a tornare in servizio, ha detto Twitter del dipartimento. Un ufficiale è stato ricoverato in ospedale con un infortunio alla gamba causato da un esplosivo.
Durante la protesta gli ufficiali sono stati colpiti da esplosivo, pietre, bottiglie e legno e un ordigno esplosivo è stato gettato nel recinto orientale, causando danni strutturali. La squadra di incendi / bombe sta indagando sull’incidente.

La polizia respinge i manifestanti in cima a un murale di strada Black Lives Matter nella zona precedentemente nota come CHOP durante le proteste a Seattle sabato 25 luglio.
Le proteste sono state organizzate in solidarietà con manifestazioni a Portland, nell’Oregon, dove agenti di polizia e manifestanti federali si sono scontrati violentemente in una piccola area vicino al tribunale federale. A Portland, funzionari locali e statali hanno affermato che gli ufficiali federali, che indossano abiti mimetici e hanno usato gas lacrimogeni per disperdere la folla, stanno aggravando le proteste.
Seattle è stata teatro di proteste contro la brutalità della polizia e il razzismo sistemico, anche in un’area di sei blocchi controllata dai manifestanti dopo che la polizia ha abbandonato il suo distretto: la Capitol Hill Organized Protest o Capitol Hill Autonomous Zone.

La zona conosciuta come CHOP è stata avviata da manifestanti che chiedevano giustizia per la morte di George Floyd. Ma la manifestazione si è evoluta nel tempo, e dopo una serie di sparatorie, la polizia ha sgombrato la zona il 1 ° luglio. Come ha scritto la CNN all’epoca, il fallimento di CHOP è stato un caso di studio su natura umana, violenza, malattie mentali, senzatetto e difficoltà nel immaginare un mondo senza polizia.
Il 4 luglio, un manifestante di 24 anni è stato ucciso durante una manifestazione quando un uomo ha guidato il suo veicolo in un gruppo di manifestanti.