Press "Enter" to skip to content

Crollata la fiducia degli europei negli Stati Uniti durante la pandemia


Complessivamente, circa i due terzi delle persone intervistate dal Consiglio europeo per le relazioni estere (ECFR) in Danimarca (71%), Portogallo (70%), Francia (68%), Germania (65%) e Spagna ( 64 per cento), ha affermato che la loro percezione degli Stati Uniti è diventata sempre più negativa.
Il deterioramento della fiducia nei confronti di Washington è particolarmente pronunciato in Francia e Germania, i due stati al centro del processo decisionale dell’UE, con l’indice ECFR segnalato nel suo ultimo rapporto.

Il 46% degli intervistati francesi e il 42% dei tedeschi hanno dichiarato che le loro opinioni sugli Stati Uniti sono peggiorate “molto” a causa della pandemia – i risultati più alti tra i nove stati membri intervistati che includevano anche Italia, Polonia, Bulgaria e Svezia.

La crisi sanitaria ha anche aumentato la negatività degli europei nei confronti della Cina. In tutti i paesi intervistati, esclusa la Bulgaria, percentuali più elevate hanno riferito di negatività crescente anziché di positività.

“In otto dei nove paesi intervistati, la percentuale di intervistati che hanno adottato una visione più negativa della Cina nell’ultimo anno è aumentata di un fattore due e di un fattore 10”, afferma il rapporto.

Ciò ha portato gli intervistati a credere che la crisi sanitaria dovrebbe spingere il blocco a prendere una risposta più unificata alle minacce globali.

“Gli europei hanno accettato il fatto che l’America di Trump non è necessariamente amica dell’Europa in un momento di bisogno”, afferma il rapporto

“Pertanto, se gestito con cura, l’attuale trauma degli europei potrebbe svilupparsi a sostegno di un ruolo internazionale più importante per l’UE.

“Sarebbe vantaggioso per gli elettori europei se l’UE emergesse dalla crisi come attore globale più forte – uno che forniva non solo un quadro utile per la cooperazione pratica tra Stati, ma modellava anche l’ordine internazionale in linea con i valori e gli interessi europei” aggiunge.