Press "Enter" to skip to content

Cresce la tensione diplomatica tra USA e Turchia

Se le relazioni USA-Turchia erano già tese sotto Trump, la pressione di Biden su Ankara solleva domande sul rapporto con un alleato NATO di lunga data.

Joe Biden ha trascorso il primo mese della sua presidenza facendo chiamate di routine ai leader mondiali. Per il presidente turco Recep Tayyip Erdogan, la chiamata non è mai arrivata.

La tranquilla linea telefonica è diventata una notizia importante ad Ankara, nonostante – o forse a causa di anni di percezione di fratture tra gli alleati della NATO, dai contrasti sulla Siria all’acquisto da parte della Turchia di un sistema di difesa aerea russo. Ma le interviste con oltre una dozzina di funzionari, legislatori e altri esperti chiariscono che il silenzio radio del presidente degli Stati Uniti è indicativo di un tono americano più duro verso la Turchia: Ankara continuerà ad essere trattata con freddezza a meno che non si dia una regolata, e in fretta.

“Il rapporto è molto sfidato, e non siamo in una posizione in cui possiamo contare sulla Turchia nello stesso modo in cui abbiamo contato su, o ci sentiamo sicuri di poter contare su, altri alleati della NATO”, ha detto il rappresentante Abigail Spanberger, un democratico della Virginia che fa parte della commissione affari esteri della Camera.

Eppure la maggior parte concorda sul fatto che ci sono poche buone risposte per fermare i legami da una spirale verso il basso, anche se il segretario di stato di Biden e alcuni dei suoi principali aiutanti richiamano le loro controparti turche, e poche opzioni politiche per Biden oltre a continuare a fare pressione su Erdogan sui diritti umani.

“Questo è il punto più basso nelle relazioni tra Stati Uniti e Turchia”, ha detto Aykan Erdemir, un ex membro del parlamento turco ora con la Fondazione per la difesa delle democrazie, un think tank con sede a Washington.

Biden non è estraneo a Erdogan. Come vice presidente degli Stati Uniti, ha guidato il rapporto attraverso un punto basso dopo un tentativo di colpo di stato contro Erdogan nel 2016, che il leader turco ha a lungo accusato in qualche modo gli Stati Uniti. Ma il modo in cui Biden naviga nel campo minato diplomatico delle relazioni USA-Turchia come comandante in capo sarà un test importante per il suo programma generale di politica estera, mostrando se può sia riparare i legami con un alleato di lunga data della NATO che temperare le inclinazioni sempre più autoritarie di Erdogan.

L’approccio aggressivo della Turchia alla politica estera crea una potenziale crisi in attesa dell’amministrazione Biden. Erdogan è bloccato nelle grinfie del presidente russo Vladimir Putin dopo l’acquisto turco del sistema di difesa aerea S-400 da 2,5 miliardi di dollari, ed è in contrasto con la politica estera degli Stati Uniti nel Mediterraneo, in Medio Oriente e in Nord Africa. La Turchia rimane sotto le sanzioni statunitensi contro gli acquirenti di attrezzature di difesa russe, anche se ex funzionari ed esperti statunitensi hanno detto che le sanzioni non sono state progettate per danneggiare l’economia turca.

“Questo è il secondo rodeo per la maggior parte delle persone nell’amministrazione Biden”, ha detto Aaron Stein, il direttore della ricerca al Foreign Policy Research Institute di Philadelphia. “Trovo che la gente sia stufa di tutto questo. Tutti arrivano con gli occhi chiari sul fatto che non sta andando bene, ma la palla è nel campo di Ankara”.

Interpellata per un commento sulla storia, l’ambasciata turca a Washington ha detto che Ankara attribuisce “la massima importanza” alle relazioni con gli Stati Uniti e lavorerà per rafforzare i legami con l’amministrazione Biden.

“La Turchia è un alleato della NATO da quasi 7 decenni. L’acquisto di S-400 non significa in alcun modo un cambio di rotta strategico per la Turchia. La Turchia continua ad essere un membro responsabile e affidabile della NATO”, ha detto l’ambasciata turca. “Per oltre due anni, la Turchia ha proposto di istituire un gruppo di lavoro con l’inclusione della NATO, per affrontare le preoccupazioni riguardanti gli S-400”.

Finora, l’amministrazione Biden sembra essere alla ricerca di un approccio equilibrato, ma non sembra disposta a lasciare che il comportamento problematico della Turchia rimanga incontrollato.

“Ovviamente non stanno cercando di far saltare le relazioni, non sono ostili. Non sono nemmeno ossequiosi”, ha detto Nicholas Danforth, un senior fellow non residente alla Hellenic Foundation for European and Foreign Policy. “Stanno chiarendo che se l’impegno deve avvenire, sarà alle condizioni degli Stati Uniti”.

La Turchia ha offerto un ramo d’ulivo, con il ministro della Difesa Hulusi Akar che ha proposto un modello che consentirebbe alla Turchia di conservare gli S-400 al largo – la prima apparente dimostrazione di buona fede da parte di Ankara.

In una certa misura questo riflette la crescente vulnerabilità politica di Erdogan, che è solo esacerbata dalle sanzioni statunitensi. L’economia turca, che ha superato la crisi della COVID-19 l’anno scorso grazie a una serie di generosi prestiti statali, di conseguenza soffre di un’alta inflazione, una valuta in caduta libera e una crescita stagnante dei posti di lavoro. Il Partito della Giustizia e dello Sviluppo di Erdogan, che affronta una campagna di rielezione nel 2023, è stato sconfitto nelle elezioni locali a Istanbul due anni fa, sottolineando la sua debolezza politica in alcune parti del paese – se permette elezioni libere ed eque, cioè.

“Se ci fossero le elezioni ora non vincerebbe”, ha detto Soner Cagaptay, direttore del programma di ricerca turco al Washington Institute for Near East Policy. “E se decide di fare come Trump, non c’è modo, dopo quello che è successo negli Stati Uniti, che Biden guardi dall’altra parte”, riferendosi alle accuse infondate di frode elettorale dell’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump nella campagna del 2020.

Il trucco per l’amministrazione Biden è quello di mantenere la pressione sulla Turchia, pur preservando una decennale alleanza militare. Alcuni ex funzionari statunitensi sono a disagio con i primi risultati della strategia di Biden, poiché vedono ancora la Turchia come un baluardo critico sul fianco meridionale della NATO e non vedono il flirt di Erdogan con la Russia come una tendenza duratura.

I legami di difesa tra gli Stati Uniti e la Turchia sono profondi: Il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti ospita armi nucleari nella base aerea di Incirlik, a meno di 40 miglia dal Mar Mediterraneo, e un sistema radar di allarme rapido della NATO è installato in Turchia per difendersi da attacchi di missili balistici più a est. Rimane un attore importante nella regione del Mar Nero, dove le tensioni tra Occidente e Russia sono alte da quando Mosca ha annesso illegalmente la penisola di Crimea nel 2014.

Un ex alto funzionario statunitense che ha parlato a Foreign Policy a condizione di anonimato ha definito la Turchia un “nemico naturale” della Russia e un potenziale baluardo contro l’espansionismo iraniano in Medio Oriente.

L’amministrazione Biden insiste sul fatto che può sia tenere la Turchia in considerazione sui valori democratici in declino, sia mantenere una stretta relazione come alleati NATO. “Abbiamo interessi comuni nel contrastare il terrorismo, porre fine al conflitto in Siria e scoraggiare l’influenza maligna nella regione”, ha detto un portavoce del Dipartimento di Stato. “Possiamo sostenere i nostri valori, compresi i diritti umani e lo stato di diritto, e proteggere i nostri interessi, mantenendo la Turchia allineata con l’alleanza transatlantica su questioni critiche”.

L’ambasciata turca insiste che il paese mantiene i valori democratici. “[I] diritti e le libertà fondamentali sono garantiti dalla Costituzione. La Turchia continua ad attuare riforme democratiche”, ha detto l’ambasciata turca. “In questo senso, un piano d’azione globale per i diritti umani è stato annunciato proprio ieri, sottolineando ancora una volta la volontà della Turchia in questo senso”.

Ma le relazioni istituzionali che una volta hanno aiutato i due paesi a superare le tempeste del passato si stanno sfilacciando. “Tradizionalmente, le istituzioni hanno giocato un ruolo enorme nei legami tra Turchia e Stati Uniti”, ha detto Gonul Tol, direttore degli studi turchi al Middle East Institute di Washington. Tol ha notato che il Ministero degli Affari Esteri turco e il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti in passato hanno lavorato a stretto contatto anche quando i loro leader si scontravano.

Quell’abitudine è caduta sotto Trump, quando il Dipartimento di Stato a volte si è trovato messo in disparte da un presidente che diffidava dei diplomatici di carriera e scavalcava i suoi consiglieri per creare un rapporto personale con Erdogan.

Le frustrazioni hanno cominciato a ribollire alla fine dell’amministrazione Trump, quando l’allora segretario di Stato Mike Pompeo ha cominciato a perdere la pazienza con Ankara, hanno detto gli ex funzionari di Trump, nonostante il rapporto personale di Trump ed Erdogan. L’ex funzionario senior ha detto che la controparte di Pompeo, Mevlut Cavusoglu, era vista come difficile da lavorare, il che ha ostacolato i legami, così come la pressione dell’Arabia Saudita e degli Emirati Arabi Uniti, che hanno fatto capire agli ex funzionari che la Turchia era una potenza prepotente nella regione a causa dei legami di Erdogan con i Fratelli Musulmani.

In un caso, alla fine di ottobre 2020, il Dipartimento di Stato ha preparato una dichiarazione di routine da rilasciare in occasione della Festa della Repubblica in Turchia, un’importante festa nazionale, ma l’ufficio di Pompeo ha impedito che la dichiarazione uscisse, secondo diversi funzionari che hanno familiarità con la questione. (Il Dipartimento di Stato ha rifiutato di commentare).

Lo stesso vale per i militari, hanno detto altri esperti ed ex funzionari, in particolare dopo che il governo di Erdogan ha accusato molti nell’establishment militare della Turchia che avevano stretti legami con le controparti degli Stati Uniti e della NATO di aver preso parte al tentato colpo di stato. Più di due dozzine di ufficiali turchi, compresi quelli basati in un comando NATO in Virginia, hanno cercato asilo negli Stati Uniti negli ultimi anni dopo aver affrontato tali accuse, che insistono ad essere false. Il sostegno militare degli Stati Uniti ai gruppi curdi che combattono lo Stato Islamico in Siria ha ulteriormente inasprito il rapporto istituzionale.

In passato, “l’esercito degli Stati Uniti sarebbe sempre venuto in sostegno della Turchia, ed era uno dei più grandi difensori della Turchia quando il Congresso o la Casa Bianca si sarebbero rivoltati contro la Turchia”, ha detto Merve Tahiroglu, un esperto di Turchia del Project on Middle East Democracy. “Non è più così”.

La spinta più dura di Washington su Ankara, illustrata da Trump che ha autorizzato le sanzioni per l’acquisto di S-400 dopo più di un anno di delibere, potrebbe essersi ulteriormente indurita con la nuova amministrazione. Alla richiesta di identificare chi nell’amministrazione entrante potrebbe avere opinioni pro-Turchia, l’ex funzionario di alto livello non ha potuto nominare un singolo nuovo incaricato che ha visto come simpatico ad Ankara.

Ma la sfiducia va in entrambe le direzioni. Erdogan ha ripetutamente inveito contro l’Occidente per il sostegno ai gruppi armati curdi in Siria. L’opinione pubblica turca ha costantemente inacidito sia la NATO che gli Stati Uniti come alleati, alimentati in parte dalle affermazioni infondate di Erdogan che gli Stati Uniti hanno giocato un ruolo nel fomentare il tentativo di colpo di stato contro di lui.

Alcuni esperti turchi sottolineano altri passi falsi degli Stati Uniti che hanno esacerbato le tensioni dal punto di vista della Turchia: le controversie sulla NATO che ha ritirato alcuni sistemi di difesa missilistica Patriot quando le tensioni tra Turchia e Russia sono aumentate nel 2015; le politiche degli Stati Uniti sulla guerra civile siriana e il continuo sostegno degli Stati Uniti ai gruppi curdi che hanno combattuto lo Stato Islamico – gruppi che la Turchia ha etichettato come organizzazioni terroristiche.

“Che razza di alleanza NATO è questa? Il loro problema non è sostenere i rifugiati. Il loro problema è un altro. Agiscono ancora con i terroristi. Noi, invece, manteniamo la nostra lotta contro il terrorismo e i terroristi ovunque, e continueremo a farlo”, ha detto Erdogan in un discorso del mese scorso. “Apriamo i nostri cuori finché gli amici si comportano da amici. Altrimenti, faremo quello che abbiamo fatto finora”.

Nonostante il cattivo sangue, però, la maggior parte degli esperti dice che il rapporto non sta per andare in frantumi. Per l’Occidente, è ancora – come lo fu quasi 70 anni fa quando la Turchia entrò nella NATO – una questione di geopolitica: La Turchia è semplicemente troppo importante dal punto di vista geografico e troppo critica per la posizione delle forze statunitensi in Medio Oriente. Anche i funzionari americani ed europei che si lamentano delle buffonate della Turchia nella NATO non arrivano mai a mettere seriamente in dubbio l’appartenenza della Turchia all’alleanza.

Per Ankara, è una questione di sicurezza e di economia. L’economia della Turchia ha bisogno di legami con i mercati e gli investimenti occidentali, e nonostante la fiammata delle tensioni, Erdogan non è pronto ad abbandonare i suoi profondi legami con l’Occidente per i rivali autocratici di Mosca o Pechino.

Alcuni esperti credono che il pragmatismo di Erdogan alla fine supererà la sua piattaforma anti-occidentale. “Erdogan, sempre pragmatico, non ha molte opzioni se non quella di avere un rapporto di lavoro con gli Stati Uniti”, ha detto Tahiroglu. “La Turchia non è indipendente dal punto di vista energetico, la sua economia non è in pieno boom, militarmente sta diventando più indipendente, ma il suo intero complesso industriale militare indigeno di successo è ancora molto dipendente dalle licenze statunitensi”.

“Ha bisogno di buone relazioni con l’UE e gli Stati Uniti”.

Intervallato tra le tirate anti-occidentali, Erdogan ha inviato alcune aperture diplomatiche più calde a Washington. “Come Turchia, crediamo che i nostri interessi comuni con gli Stati Uniti superino di gran lunga le nostre differenze di opinione”, ha detto in osservazioni televisive il 20 febbraio. “La Turchia continuerà a fare la sua parte in modo degno dei legami di alleanza e partenariato strategico tra i due paesi”, ha detto, pur notando che i legami con Washington sono stati “seriamente messi alla prova”. Erdogan ha anche svelato un pacchetto di riforme martedì per prevenire le critiche sul regresso democratico del paese.

Ma anche coloro che a Washington sono più stufi di Erdogan non danno il rapporto per scontato, e dicono che ci devono essere modi per i due paesi di lavorare insieme, per evitare che Ankara si giri definitivamente verso Mosca o Pechino.

“Dobbiamo mostrare delle linee chiare nella sabbia, ma dobbiamo anche assicurarci che ci sia un percorso per la Turchia per azzerare i rapporti con noi e con il resto dei nostri alleati della NATO”, ha detto Spanberger. “Certamente, non vogliamo che i turchi si rivolgano alla Russia in misura maggiore. Non vogliamo che quella relazione diventi più forte”.