Press "Enter" to skip to content

COVID-19: trattamento sperimentale con l’idrossiclorochina nei pazienti ambulatoriali: quali risultati?

Secondo una nuova ricerca pubblicata nel server di prestampa medRxiv* nel luglio 2020, l’uso dell’idrossiclorochina (HCQ) tra i pazienti ambulatoriali negli studi clinici, senza fattori di rischio per l’aritmia cardiaca, è sicuro, con effetti collaterali gastrointestinali che sono gli effetti collaterali più comuni e senza esiti negativi fatali.

Mentre la pandemia COVID-19 continua in tutto il mondo, con oltre 630.000 decessi finora, la ricerca scientifica si è concentrata sulla ricerca di farmaci efficaci contro il virus. Un forte contendente, fin dall’inizio, è stato HCQ, soprattutto a causa del forte sostegno dato dai pesi massimi politici.

È stato dimostrato che HCQ ha un’attività antivirale in vitro contro il coronavirus 2 della sindrome respiratoria acuta grave (SARS-CoV-2), il virus che causa la malattia COVID-19, e ne ostacola la replicazione. Tuttavia, non sono state finora riscontrate prove corrispondenti della sua attività nel trattamento o nella prevenzione di questa malattia.

Per questo motivo, l’Organizzazione Mondiale della Sanità e diverse altre organizzazioni sanitarie stanno conducendo studi sulla sicurezza e l’efficacia di questo farmaco sia in casi asintomatici o leggermente sintomatici, sia in pazienti più malati negli ospedali.

Ricerche precedenti hanno riportato un aumento dell’incidenza di effetti collaterali cardiaci con l’uso combinato di HCQ e azitromicina. Ciò ha portato alla revoca dell’autorizzazione di emergenza rilasciata dalla Food and Drug Authority (FDA) statunitense per l’uso dell’HCQ in pazienti affetti da COVID-19 gravemente malati.

Il problema del prolungamento del QT è il rischio di aritmie ventricolari. La maggior parte di questi episodi nel contesto dell’uso dell’HCQ sono avvenuti quando il farmaco è stato usato con un altro farmaco aritmogenico, usato per un periodo prolungato o a dosi eccessive.

Tuttavia, l’HCQ è stato utilizzato in uso clinico e, se usato secondo le linee guida, per le persone senza tali problemi, è un farmaco utile in diverse discipline ed è stato utilizzato in condizioni reumatiche autoimmuni. I test di laboratorio di base o il monitoraggio dell’ECG sono raramente effettuati nella maggior parte dei casi.

Tuttavia, le organizzazioni sanitarie hanno attirato l’attenzione sulla sua capacità di causare morti improvvise, soprattutto se accoppiato con l’azitromicina. Nella maggior parte dei casi, sono emersi problemi di sicurezza in pazienti più malati, ricoverati in ospedale, che hanno malattie gravi o altre condizioni di malattia coesistenti, in cui vengono assunti più farmaci contemporaneamente.

Ci sono motivi per sospettare che ciò possa non riflettere il normale corso degli eventi successivi all’uso di HCQ. Ad esempio, il virus attuale può entrare nelle cellule cardiache e causare danni e persino aritmie, come riportato in molti casi.

Un’altra causa potenziale di aritmie può essere rappresentata dalle citochine elevate, soprattutto in pazienti che hanno già subito danni al cuore. L’HCQ negli studi in corso viene utilizzato anche a dosi molto più elevate rispetto alle condizioni per le quali è attualmente approvato.

Infine, ci può essere un’interruzione significativa dei normali livelli di elettroliti, che, in combinazione con l’insufficienza renale, rende l’individuo più incline alle aritmie. Ciò significa che devono essere effettuati test di sicurezza separati, specifici per i pazienti COVID-19. Si ritiene che l’HCQ sia più sicuro nei pazienti ambulatoriali con COVID-19 rispetto ai pazienti ospedalizzati.

Lo studio: Sicurezza dell’HCQ nei pazienti ambulatoriali con COVID-19

Lo studio attuale si concentra sulla valutazione della sicurezza dell’HCQ nei pazienti ambulatoriali, compilando i dati di tre studi randomizzati controllati, in cui l’HCQ è stato utilizzato rispettivamente come profilassi pre-esposizione, post-esposizione e trattamento precoce. I ricercatori hanno escluso tutti i partecipanti con controindicazioni all’uso di questo farmaco.

Lo studio comprendeva circa 2.800 individui, con un’età media di 40 anni. Circa il 60% di loro era in buona salute. I ricercatori hanno trovato che gli effetti collaterali sono stati segnalati in circa l’85% dei partecipanti, e il 27% aveva uno o più effetti collaterali legati al farmaco.

Quando la frequenza di dosaggio è stata confrontata, hanno trovato che circa il 30%, 35%, 30%, 30% e 20% ha avuto effetti collaterali quando il farmaco è stato somministrato quotidianamente, due volte a settimana, una volta a settimana o quando è stato utilizzato un placebo.
Importanti effetti collaterali

Circa il 30% dei pazienti ha riportato effetti collaterali negli studi in cui il farmaco è stato somministrato dopo l’esposizione o dopo l’infezione.

Gli effetti collaterali più comuni riportati sono stati quelli gastrointestinali, ovvero, disturbi di stomaco o nausea, diarrea, vomito o dolore addominale. Nel complesso, questi sintomi sono stati riportati in un quarto dei pazienti a dosi giornaliere (circa il 20% e il 15% con dosi bisettimanali o settimanali) e nel 10% di quelli con placebo.

Tuttavia, nel placebo post-esposizione rispetto ai gruppi di trattamento, il tasso di effetti collaterali gastrointestinali era paragonabile. Gli effetti collaterali sono stati valutati come tollerabili e non richiedono la cessazione del trattamento.

Tra gli altri effetti collaterali segnalati vi erano vertigini o capogiri e reazioni allergiche.

Ci sono stati solo due casi di aritmie cardiache in tutta la popolazione di pazienti, uno dei quali si è verificato nel gruppo placebo, l’altro in un paziente che assumeva l’HCQ due volte a settimana. Non sono stati segnalati decessi in questa popolazione a basso rischio.
Implicazioni e indicazioni per il futuro

L’attuale studio escludeva i pazienti ospedalizzati, presumibilmente più malati, che erano per lo più anziani. La maggior parte dei partecipanti erano operatori sanitari, e ragionevolmente ben informati sulla salute. Pertanto, la sicurezza dell’HCQ per quanto riguarda il suo uso in pazienti gravemente malati di COVID-19 rimane poco chiara.