Press "Enter" to skip to content

COVID-19: secondo lockdown in Cina

Pechino si trova ad affrontare un nuovo blocco mentre i casi aumentano nella capitale cinese

Sebbene la pandemia di coronavirus sia iniziata a Wuhan, l’epicentro globale del virus, al resto della Cina è stato risparmiato il rapido tasso di infezione osservato nella città e nella provincia circostante, Hubei.

A giugno 2020, la Cina ha segnalato 83.265 casi di coronavirus e 68.135 sono stati a Hubei, la provincia cinese centrale di cui Wuhan, una città di 11 milioni, è la capitale. Dei 4.634 decessi totali della Cina, 4.512 erano in Hubei. Pechino, la capitale della Cina, al contrario, ha visto solo 8 morti.

Ma mercoledì, la Cina ha cancellato centinaia di voli da e per la sua capitale mentre i timori aumentano di un nuovo scoppio. Un alto funzionario del Partito Comunista, Cai Qi, ha affermato che la situazione di prevenzione e controllo dei virus a Pechino era “estremamente grave” e che una nuova ondata di casi “ha davvero suonato campanelli d’allarme”.

Viene dopo che Pechino, che per settimane non ha registrato nuovi casi di virus, ha visto 137 nuove infezioni in pochi giorni. La maggior parte dei nuovi casi è stata collegata a un mercato alimentare all’ingrosso, Xinfandi, che fornisce oltre il 90% della frutta e verdura della città, ma vende anche pesce e carne.
Gli esperti ritengono che l’epidemia originaria sia iniziata in un altro mercato cinese, il mercato all’ingrosso di frutti di mare di Huanan, sebbene le autorità cinesi lo abbiano contestato.

La Cina ha bloccato la provincia di Hubei il 23 gennaio, pochi giorni prima del celebre capodanno cinese, quando milioni di cinesi viaggiano tradizionalmente dalle città alle loro città e città per stare con le loro famiglie. La misura è stata quindi vista come draconiana, anche se in seguito i blocchi si sono diffusi in tutto il mondo, con un quinto della popolazione confinata nelle loro case.

Nonostante la misura, sia gli Stati Uniti che l’Australia hanno criticato il governo cinese per la lentezza della risposta, sottolineando che mentre il cinese ha registrato il suo primo caso a dicembre 2019, il blocco non è iniziato fino a tre settimane dopo. L’Organizzazione mondiale della sanità non ha annunciato che il coronavirus era una pandemia globale fino al 30 gennaio.